nuovi arrivi

 

 

9788806218607

L’ estate torbida
di Carlo Lucarelli – Einaudi 2017 € 12.00

A quindici anni dall’edizione Sellerio, Stile Libero pubblica il secondo romanzo, celebre e introvabile, con protagonista il commissario De Luca, amatissimo dai lettori. Poliziotto integro in un mondo privo di luce, De Luca ha rinnovato il giallo italiano con la sua fortunata miscela di realismo, invenzione e documento storico. In questa indagine di De Luca, svolta per necessità sotto falso nome, Carlo Lucarelli racconta con scrittura limpida una storia avvincente e scomoda nell’Italia ambigua del dopoguerra, che mantiene intatto il suo potenziale esplosivo. E ci regala un fresco ritratto della Tedeschina, ragazza che qualche commercio con il passato regime lo ha pure avuto, ma fa ancora girare la testa.

9788806228514

Ragione & sentimento di Stefania Bertola

Einaudi – 2017€ 17.50

La morte improvvisa di Gianandrea Cerrato, valente avvocato penalista, oltre a privare una moglie del marito e tre figlie del padre, ha delle conseguenze del tutto inaspettate. Da un giorno all’altro le quattro donne si trovano a dover riorganizzare la loro vita. Ed è Eleonora, la figlia maggiore, a cercare il modo di mandare avanti quella famiglia di femmine «variamente deragliate». Mentre la piccola Margherita vive in una dimensione parallela, Eleonora e Marianna sono divise da una visione opposta dell’esistenza e dell’amore: Marianna legge Shakespeare e crede nell’amore assoluto, Eleonora invece, impegnata com’è a sbarcare il lunario e ad arginare la follia collettiva, non è affatto sicura di sapere cosa sia, veramente, l’amore. Intorno a loro si muove il mondo, con le sorprese, l’allegria, l’inganno. La ragione e il sentimento. Perché quella è una delle grandi battaglie che ci tocca combattere nella vita. Non proprio a tutti, perché esistono esseri fortunati senza ragione, o senza sentimento. Ma la maggior parte di noi ne ha un po’ dell’una e un po’ dell’altro, e non sempre riesce a farli coesistere pacificamente. Quindi si lotta: si lotta da sempre e si lotterà per sempre, e per questo motivo tra tutti i romanzi di Jane Austen “Ragione e sentimento” è quello più adatto a essere periodicamente riscritto, scagliandolo dentro il tempo e i secoli che passano.
Amare Jane Austen è scontato perché i suoi romanzi sono capolavori e sono immortali. Proprio per questo Ragione e sentimento di Stefania Bertola è imperdibile. La scrittrice di romanzi al femminile che rivisita i grandi classici, da Dickens alla Austen appunto, si diverte ad invertire un po’ ai ruoli, a riportarli ad una contemporanea quotidianità in cui nulla è più come appare. Con la sua consueta ironia, Bertola si garantisce ancora una volta un pubblico di lettori abituati alla sua scrittura insolita e originale. Già scrittrice di testi per Luciana Littizzetto, l’autrice di Torino riporta sulle pagine i protagonisti del suo romanzo nella amata e odiata città natale. Non aspettatevi quindi uomini e donne che camminano nella verdeggiante campagna inglese, ma piuttosto personaggi all’ombra della Mole che discutono tra nebbia e palazzi. Il risultato però è incredibile e rimanda proprio alle eroine dei libri della tanto amata Jane Austen. Qui ne ritroviamo il piglio rivoluzionario, la ribellione familiare, l’incomprensione di uno sconosciuto mondo maschile. Se il sogno di Stefania Bertola è quello di riunire tutte le protagoniste dei romanzi classici e narrare un giorno della loro vita, qui riesce sicuramente a raccogliere in una sola divertente storia tutti i tratti più strani e peculiari delle eroine della Austen. In Ragione e sentimento sullo sfondo di Torino si muove un mondo al femminile in cui i maschi hanno un ruolo fondamentale, ma ruotano solo in torno alla storia, perché il mondo della Bertola vede donna e la esalta, la sottolinea, la porta finalmente alla luce, proprio come avrebbe voluto fare la rivoluzionaria Jane.

9788806233013

Lasciar andare
di Philip Roth – Einaudi – 2017 € 16.00

“In quel periodo ero sottotenente d’artiglieria, di stanza in un angolo desertico e sperduto dell’Oklahoma, e il mio unico legame col mondo dei sentimenti non era il mondo stesso, ma Henry James, che da qualche tempo avevo cominciato a leggere”. Congedato poco tempo prima dall’esercito, ancora scosso dalla recente morte della madre, libero dai vecchi legami e ansioso di crearsene nuovi, Gabe Wallach entra nell’orbita di Paul Herz, un compagno di studi, e di Libby, la malinconica moglie di Paul. Il desiderio di Gabe di mettere in relazione l’ordinato “mondo dei sentimenti” che ha conosciuto nei libri con il mondo reale si scontra prima con gli sforzi degli Herz di fare i conti con le difficoltà della vita adulta e poi con le sue stesse relazioni sentimentali. La volontà di Gabe di essere una persona seria, responsabile e generosa col prossimo viene messa alla prova dal rapporto con Martha Reganhart, una donna divorziata, madre di due bambini, vivace, senza peli sulla lingua. La complessa relazione di Gabe e Martha, e la spinta di Gabe a risolvere i problemi degli altri sono al centro di questo primo, ambizioso romanzo, di Philip Roth: ambientato negli anni Cinquanta, tra Chicago, New York e Iowa City, è il ritratto di un’America definita da vincoli sociali ed etici profondamente diversi da quelli di oggi.

9788806201005

Quella cosa intorno al collo
di Chimamanda Ngozi Adichie – Einaudi – 2017 € 19.00

In questi racconti Chimamanda Ngozi Adichie delinea lucidamente e senza reticenze patriottiche gli aspetti più problematici della società nigeriana, attraversata da scontri religiosi, omicidi politici, corruzione, brutalità nelle carceri e maschilismo. Tra senso di smarrimento e più concreti problemi di soldi e di documenti, risulta però altrettanto chiaro che neppure l’emigrazione assicura una vita felice, nello specifico in quell’America che, seppure tanto vagheggiata, vista da vicino è ben diversa dal paradiso di ordinate villette unifamiliari dipinto in certi film. Gli affetti, i sapori e le usanze di casa continuano infatti a tormentare le protagoniste dei racconti di Adichie, che siano arrivate negli Stati Uniti quasi per caso, sposando un uomo ricco che poi le ha parcheggiate nell’agio di una terra straniera con figli e domestica, oppure dopo aver atteso per anni il ricongiungimento con il compagno. A dare il titolo alla raccolta è la storia di Akunna, una ragazza che vince la Green Card e che, dopo essersi scontrata con la dura filosofia del «dare per avere», ha quello che nell’opinione di molti sarebbe un incredibile colpo di fortuna. Ma liberarsi di «quella cosa intorno al collo», un soffocante senso di solitudine e non appartenenza, è tutt’altra cosa. Particolarmente toccanti sono i racconti “L’ambasciata americana” e “Domani è troppo lontano”. Nel primo la protagonista, che all’improvviso si è ritrovata in un incubo, attende in fila sotto un sole cocente l’apertura dei cancelli dell’ambasciata americana, dove si appresta a fare domanda di asilo politico. Insensibile alla folla, riesce a pensare solo al figlio e alla macchia, rossa come olio di palma fresco, che ha visto allargarsi sul suo petto. Nel secondo, invece, sullo sfondo di un afoso e lussureggiante giardino pieno di ricordi, una ragazza è costretta dalla morte della nonna a rivivere la tragica sera dell’infanzia in cui ha perso l’amato fratello maggiore.
9788804673729La curiosità non invecchia. Elogio della quarta età
di Massimo Ammaniti – Mondadori – 2017 € 17.00
«Forse si invecchia veramente solo quando non ci si stupisce più, quando si dà tutto per scontato e la vita sembra non riservare più sorprese. Ma si può essere vecchi e mantenere il gusto della conoscenza e sapersi ancora meravigliare degli insoliti colori di un tramonto, di un fiore che si schiude o di una bambina che ti sorride con aria divertita.» Il nuovo libro di Massimo Ammaniti è una riflessione sulla terza e quarta età, e più in generale sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese (come Andrea Camilleri, Raffaele La Capria, Aldo Masullo, Mario Pirani, Alfredo Reichlin, Luciana Castellina, Angela Levi Bianchini) che ora raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l’amore, l’amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che non lasciarsi sopraffare dalla rabbia e dal rancore, non ripiegarsi su se stessi, ma continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, a rimanere agganciati al presente e a fare progetti per il futuro, magari condividendo in modo partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda al tetro stereotipo di periodo di inquietudine e sconforto, di abulia e rassegnazione, insomma di vuota attesa della morte. Come l’anziano professor Borg, l’indimenticabile protagonista del film “Il posto delle fragole” di Ingmar Bergman, anche le persone intervistate rivisitano la storia della propria vita per rintracciare il filo rosso che l’ha attraversata e, con esso, la direzione e il significato del percorso compiuto. Così la dimensione anagrafica ed esistenziale della vecchiaia ritrova la sua verità, quella di una stagione indubbiamente difficile, irta di insidie fisiche e psicologiche, di paure e di perdite, ma che, se affrontata accettando la propria condizione senza risentimento né eccessivi rimpianti, e con la lucidità dovuta a una maggiore consapevolezza di sé e a un minor coinvolgimento emotivo nelle vicende del mondo, può rivelarsi una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. Come quando il giorno concede al tramonto la sua luce più intensa e più vera.
9788809818392
La ragazza nell’ombra. Le sette sorelle
di Lucinda Riley – Giunti Editore – 2017 € 14.90

 

Silenziosa ed enigmatica, appassionata di letteratura e cucina, Star è la terza delle sei figlie adottive del magnate Pa’ Salt e vive da sempre nell’ombra dell’esuberante sorella CeCe. Fin da piccole le due sono inseparabili: hanno un linguaggio segreto che comprendono solo loro e hanno passato gli ultimi anni viaggiando per il mondo, guidate dallo spirito indomito di CeCe, di cui Star è abituata ad assecondare ogni desiderio. Ma adesso, a solo due settimane dalla morte del padre, CeCe decide che per entrambe è arrivato il momento di fissare un punto fermo nelle loro vite e mostra a Star il magnifico appartamento sulle rive del Tamigi che ha intenzione di comprare per loro. Per la prima volta nella sua vita, però, Star sente che qualcosa in lei è cambiato: quel rapporto quasi simbiotico sta rischiando di soffocarla. È ora di trovare finalmente la propria strada, cominciando dagli indizi che Pa’ Salt le ha lasciato per metterla sulle tracce delle sue vere origini: una statuetta che raffigura un gatto nero, il nome di una donna misteriosa vissuta quasi cent’anni prima e il biglietto da visita di un libraio londinese. Ma cosa troverà tra i volumi polverosi di quella vecchia libreria antiquaria? E dove vuole condurla realmente Pa’ Salt?

9788809801523

Le sette sorelle
di Lucinda Riley – Giunti Editore – € 9.90

  •  Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata della governante. Pa’ Salt è morto. Quel padre generoso e carismatico, che le ha adottate da bambine raccogliendole da ogni angolo del mondo e dando a ciascuna il nome di una stella, era un uomo di cui nessuno, nemmeno il suo avvocato e amico di sempre, conosceva il passato. Rientrate precipitosamente nella villa, le sorelle scoprono il singolare testamento: una sfera armillare, i cui anelli recano incise alcune coordinate misteriose. Maia sarà la prima a volerle decifrare e a trovare il coraggio di partire alla ricerca delle sue origini. Un viaggio che la porterà nel cuore pulsante di Rio de Janeiro, dove un vecchio plico di lettere le farà rivivere l’emozionante storia della sua antenata Izabela, di cui ha ereditato l’incantevole bellezza. Con l’aiuto dell’affascinante scrittore Floriano, Maia riporterà alla luce il segreto di un amore sbocciato nella Parigi bohémienne degli anni ’20, inestricabilmente legato alla costruzione della statua del Cristo che torreggia maestosa su Rio. Una vicenda destinata a stravolgere la vita di Maia.
  • 9788809818385Ally nella tempesta. Le sette sorelledi Lucinda Riley – Giunti Editore  € 14.90

Distesa al sole di uno yacht in mezzo all’Egeo, la giovane Ally, velista esperta, sta vivendo uno dei momenti più emozionant della sua vita: l’intesa professionale con il famoso skipper Theo Falys-Kings si è da poco trasformata in un amore appassionato. Ma la loro felicità viene bruscamente interrotta dalla notizia della morte di Pa’ Salt, il magnate svizzero che ha adottato Ally e le sue cinque sorelle e che ha lasciato a ciascuna una serie di indizi per mettersi sulle tracce del loro passato. Ally è troppo sconvolta per esaudire la volontà di suo padre; vuole solo abbandonarsi nelle braccia di Theo e ritrovare un po’ di serenità: non sa però quello che sta per succederle, né sa che presto dovrà gettarsi nella lettura del volume lasciatole da Pa’ Salt, la burrascosa stioria di Anna Landvik, una cantante d’opera norvegese che nella seconda metà dell’Ottocento divenne la musa del compositore Edvard Grieg. Ed è proprio nella gelida e romantica Norvegia che Ally dovrà scoprire cosa la lega a questa donna misteriosa.

b00084-69877TCI

I figli dei nazisti di Tania Crasnianski – Bompiani – 2017 € 18.00

Un saggio che racconta in otto storie esemplari la vita dei figli dei fedelissimi di Hitler, nati tra il 1927 e il 1944 e vissuti in un’infanzia dorata, garantita loro da padri pressoché onnipotenti. Molti hanno scoperto la verità sui propri genitori solo dopo la fine della guerra. Le reazioni sono state le più diverse: c’è chi, come la figlia di Himmler, ha dedicato la propria vita alla riabilitazione della figura paterna o chi, come il figlio di Höss, è diventato un fiero negazionista; ma anche chi, come Rolf Mengele, ha deciso di cambiare il proprio cognome per non tramandare ai figli la vergogna, o chi ha scelto la via della fede, diventando missionario o convertendosi all’ebraismo.

9788868435776

Calendario civile. Per una memoria laica, popolare e democratica degli italiani di Alessandro Portelli – Donzelli – 2017 € 20.00

Saggi di Renata Ago, Quinto Antonelli, Angiolina Arru, Anna Bravo, Guido Crainz, Cesare Bermani, Anna Foa, Vittoria Franco, Umberto Gentiloni, Gabriella Gribaudi, Gad Lerner, Salvatore Lupo, Luigi Manconi e Federica Graziani, Claudio Natoli, Raoul Pupo, Alessandro Portelli, Vanessa Roghi, Gianpasquale Santomassimo, Benedetta Tobagi, Alessandro Triulzi, Nadia Urbinati, Adachiara Zevi.

9788869448393B

La scienza tra verità e balle
di Fernando Ferroni – Castelvecchi – 2017 € 5.00

Un uomo che sicuramente non era uno scienziato, ma che forse di scienza ha scritto più di tanti altri, è Jules Verne, il quale disse una volta che la scienza è fatta di errori che è utile commettere, perché a poco a poco ci conducono alla verità. Ci sono vari modi di sbagliare e quasi tutti sono modi onesti, tranne uno: il pregiudizio. Infine c’è la frode, un’antipatica eventualità che purtroppo si verifica spesso nei tempi recenti e che sta diventando sempre più un lato oscuro della scienza con cui fare i conti.

NONOCHE_Layout 1Nonoche. Dialoghi comici
di Irène Némirovsky – Elliot – 2017 € 7.00

Nonoche è una prostituta alle prese con i ricchi equivoci di Biarritz, protagonista di queste quattro scenette comiche dal tono beffardo insieme all’amica Lulu: Nonoche al verde,Nonoche al Louvre, Nonoche al cinema e Nonoche dalla chiaroveggente. Due giovinette un po’ galline dei ruggenti anni Venti, che amano inseguire i loro amanti, la chiaroveggenza e le omelette alla pancetta. La scrittrice era allora una studentessa di diciotto anni, iscritta alla Sorbonne, che scriveva per diletto e viveva una vita allegra piena di ammiratori. Già in questi brevi testi sceneggiati si ritrova però il carattere tipico da “piccole belve” dei suoi protagonisti, come Gabri di La nemica o Joyce di David Golder. Queste scenette denotano così un dono satirico che fiorirà poi ne Il ballo.

9788862432016_0_0_300_80La grande guerra di Dante
di Ida De Michelis – Voland – 2017 € 15.00

La Grande Guerra per l’Italia fu il primo conflitto nazionale in cui combatterono con la stessa divisa sudditi del giovane Regno unitario con storie, culture e dialetti differenti, mentre altri italiani, dal Friuli o dal Trentino, combatterono con l’uniforme austriaca e vennero fatti prigionieri da eserciti alleati di quella che sarebbe poi divenuta la loro nuova patria. All’interno delle scritture di guerra e prigionia dei soldati austroungarici di lingua italiana si colloca la scoperta di un testo modellato sulla Divina Commedia. Dante, che s’immagina in visita nel campo di raccolta di Kirsanov, si presenta a questi soldati come guida nel loro Purgatorio di scampati alla morte e alla durezza della reclusione.

9788868262082_0_0_300_80Frate Francesco. Le fonti
di M. Bertin, A. Ciamei – Castelvecchi – 2017 € 15.00

Restituire alla storia di Francesco d’Assisi la sua assoluta attualità, liberarla dalle preoccupazioni dell’apologetica e dalle letture troppo accomodanti, tornare alla viva voce del Santo e di coloro che ne condivisero e ne raccontarono gli atti. Questo libro si offre come guida alla conoscenza di san Francesco, con un’attenzione particolare verso i lettori giovani e tutti coloro che intendono accostarsi alla sua figura andando oltre gli stereotipi che ne hanno stravolto o addomesticato il pensiero. I curatori propongono una selezione ragionata dei testi indicati tradizionalmente col nome di Fonti, che costituiscono la storiografia francescana delle origini. Nella prima parte del volume, accanto agli scritti di Francesco e alle testimonianze di Giacomo da Vitry, viene presentata integralmente la “Leggenda dei Tre Compagni”, considerata la più importante delle biografie “non ufficiali”. Nella seconda parte, le parole di Francesco, dei suoi confratelli e dei primi testimoni della sua vita sono invece organizzate per temi: fraternità, libertà, corpo, amicizia, pace, povertà. Così articolate, la vita e l’opera di questo “pellegrino e forestiero” del suo tempo giungono a noi intatte, rivelandocelo come il più sorprendente dei nostri contemporanei.

9788862883719

Bob Dylan. Scritti 1968-2010
di Greil Marcus – Odoya -€ 20.00

Questa entusiasmante raccolta di scritti è un album di ricordi incentrati su Bob Dylan, premio Nobel per la Letteratura 2016, che prende il via in New Jersey nell’estate del 1963 per terminare a Minneapolis nella notte delle elezioni americane del 2008. Nel primo caso, il pubblico di un festival trattiene il respiro di fronte a un tizio con chitarra dall’aria trasandata che dice di chiamarsi Bob Dylan e che suona insieme a Joan Baez; nell’altro, Dylan si presenta per la prima volta alla sua vecchia alma mater, l’Università del Minnesota, e, nella notte in cui gli Stati Uniti votano per il cambiamento, investe di un nuovo significato le canzoni che si è portato dietro per quasi mezzo secolo. Greil Marcus, celebre in tutto il mondo per i suoi Mystery Train e Tracce di rossetto, ha seguito il lavoro e la vita di Bob Dylan con l’intensità di un fan e la perseveranza di un detective. Alle approfondite e appassionanti indagini sulle storie ingarbugliate della vecchia musica americana si alternano in questa godibilissima narrazione commenti stringati su dischi, libri, concerti, pubblicità radiofoniche. Ne esce il racconto frizzante e prezioso di più di quarant’anni d’impegno condivisi da un cantante e poeta senza eguali e un ascoltatore straordinariamente acuto.

9788861929500

Lady Susan e le altre. Romanzi e racconti epistolari.
di Jane Austen – Elliot – 2017 € 13.50

Nel 1787, appena dodicenne, Jane Austen diede inizio a quella che sarebbe diventata una fortunata e prolifica carriera di scrittrice. In questa raccolta vengono riuniti racconti e romanzi brevi, compiuti e incompiuti, della produzione giovanile che, scritti in forma di lettere, consentono a Jane di mettere alla prova la propria arguzia, la verve ironica e l’inimitabile capacità di intreccio che avrebbero caratterizzato capolavori come “Orgoglio e pregiudizio”. Dal matrimonio lampo di Amelia Webster fino alle trame ordite dalla subdola antieroina di “Lady Susan”, passando per gli intrighi di “Le tre sorelle” e le fanciulle facili allo svenimento di “Amore e amicizia”, la Austen forma nel corso di quegli anni il suo gusto per la narrazione e si avvicina ai temi che finiranno per comporre i celebri romanzi dell’età adulta: le famiglie, i matrimoni, i pregiudizi, le inettitudini, le falsità, gli spiriti nobili e la satira romantica. Un genere letterario, quello epistolare, che la grande autrice rende vivo grazie a uno stile unico che accompagna da secoli i suoi lettori.

9788869930973

La piccola signora della grande casa di Jack London – Elliot – 2017 € 14.50

Ultimo romanzo a essere pubblicato mentre il suo autore era ancora in vita, può essere non a torto considerato il testamento narrativo di London. Incentrato sulla figura di una donna dallo spirito libero e controcorrente e ambientato nella California rurale, “La piccola signora della grande casa” racconta un travagliato triangolo amoroso nel quale, a posteriori, sono state ritrovate molte somiglianze con l’ultima fase della vita di London. Non è difficile, infatti, rintracciare nella vivace, atletica e vitalistica Paula qualcosa della seconda moglie dello scrittore, Charmian: entrambe soggette all’insonnia e nell’impossibilità di avere figli, entrambe tentate da relazioni fuori dal matrimonio. London riempie queste pagine di un erotismo decadente espresso in una prosa secca e diretta, fino all’epilogo drastico, ma inevitabile.

9788869932373

Dingo di Octave Mirbeau – Elliot – 2017 € 17.50

Nel villaggio di Ponteilles-en-Barcis, nel Vexin, il cane-dingo del narratore, Dingo, arrivato tutto giovane dalla lontana Australia, diffonde il terrore fra i contadini ed i borghesi, e, incapace di frenare i propri appetiti, ammazza molte pecore. Però è un buon cane, molto affettuoso coi suoi padroni, e, come lo scrittore, un ribelle libertario, refrattario all’autorità e all’ipocrisia. La sua presenza svela le meschinità e le turpitudini degli uomini e l’assurdità delle leggi e dell’ordine sociale. Quando muore, il narratore piange : ha perso un vero amico, un fratello spirituale, che lo consolava dagli uomini.

9788811675549

La saggezza degli alberi di Peter Wohlleben – Garzanti Libri – 2017 € 16.00

Sono gli esseri viventi più forti e resistenti del nostro pianeta, quelli più longevi, eppure della vita degli alberi sappiamo molto poco. A tratti però intuiamo che dietro quella loro corteccia ruvida si possono celare segreti a prima vista inaccessibili. Peter Wohlleben ci svela nel suo libro i misteri più affascinanti di questi giganti: scopriamo che sono dotati di forme di comunicazione e sensibilità sorprendenti; che sono solitamente esseri prudenti, ai quali ogni forma di fretta è estranea; che gli esemplari di una stessa specie tendono ad allearsi, a difendersi l’uno l’altro o a sostenere i malati (ma questo non accade nel caso degli alberi piantati dall’uomo); scopriamo che le betulle sono delle egoiste guerriere solitarie, ma anche che questo carattere impulsivo ha il suo prezzo, limitando la loro speranza di vita a 120 anni, che per gli alberi è molto bassa; oppure che il faggio tende a crescere a tal punto da aprirsi un varco tra le chiome di altre specie per poi oscurarle con il suo fogliame finché i concorrenti oppressi non muoiono. “La saggezza degli alberi” è il racconto di un mondo che credevamo di conoscere ma che invece è ancora tutto da decifrare, un libro ricco di sorprese su essere viventi che ci somigliano molto più di quanto non crediamo.

9788862883658

Gli animali nella storia della civiltà di Morus – Odoya – 2017 € 22.00

L’uomo controlla oltre due miliardi di animali utili: come sia giunto a tale incontrastata dominazione costituisce un capitolo di storia trattato per la prima volta in questo volume. Dalla preistoria con le sue grandi migrazioni al Medioevo; dall’età delle grandi scoperte a quella moderna con le sue catalogazioni ed esperimenti; dalle teorie evoluzionistiche alla lotta alle epidemie, fino all’età della chimica con gli allevamenti intensivi e l’eugenetica. Morus racconta il mondo animale e il suo rapporto con l’uomo, partendo dalle primissime forme di vita nei mari, passando per i dinosauri e le prime bestie cacciate, fino agli immensi mattatoi di Chicago, parlandoci così della guerra più lunga che sia mai stata combattuta sulla terra. Sfruttati, venerati, sterminati, addomesticati, gli animali sono i protagonisti di una storia avventurosa quanto quella dell’uomo. Nondimeno, da sempre ne occupano l’immaginario all’interno di saghe, favole e leggende e delle prime pitture rupestri. Attraverso il racconto delle corride dei Visigoti, dell’invasione dell’Europa da parte di milioni di topi che passarono il Volga cacciati dal terremoto o dell’isola che i conigli trasformarono in un deserto, questo libro mette insieme una rassegna dei più importanti studi condotti su basi scientifiche – le teorie di Darwin e Mendel per citare le più note – e un’appassionante raccolta di curiosità, come l’ingresso dei gatti nei salotti dell’alta società o le polemiche sulle scimmie e sul darwinismo. Morus ci fa vedere il mondo dagli occhi dell’affascinante e misterioso regno animale.

9788842819004

Rahel Varnhagen
di Hannah Arendt – Il Saggiatore – 2017 € 22.00

Rahel Varnhagen nacque a Berlino nel 1771 e morì nel 1833. La sua è la storia di un’ebrea tedesca che cercò in tutti i modi di assimilarsi alla società circostante. Alla fine della sua vita, di fronte all’antisemitismo imperante, le sue origini ebraiche divennero qualcosa da rivendicare e non più da cancellare. Nell’unica, rigorosa biografia che ha scritto, Hannah Arendt espone il suo pensiero critico sull’assimilazione ebraica e, insieme, traccia un affresco del rapporto tra ebrei e società tedesca dell’epoca.

9788867765393

Storie da leccarsi i baffi. I gatti raccontati dal veterinario
di Diego Manca – Ultra – 2017 € 14.00

Diego Manca è un veterinario di altri tempi, uno di quelli che non si risparmiano, che amano il proprio lavoro e rispettano profondamente i propri pazienti. In questa nuova, deliziosa raccolta di storie vere, si concentra esclusivamente sui gatti: esseri misteriosi e imperscrutabili e insieme così vicini al nostro cuore. Con il suo stile schietto e leggero, Manca torna a raccontarci storie nuove e inedite alternandole ad alcune già note e molto apprezzate. Storie da leccarsi i baffi è un sentito tributo ai gatti che vivono insieme a noi, compagni fedeli e a tratti un po’ scontrosi, che sentono e condividono i nostri umori e le nostre emozioni, tristi o gioiose che siano. Storie divertenti, rocambolesche e commoventi, piene di sensibilità e amore per le nostre adorabili “tigri di casa”.

9788867086351

L’ osteria volante di Gilbert K. Chesterton – Lindau – 2017 € 24.00

In questo libro Chesterton, con la tipica cifra stilistica onirico-visionaria immagina un’Inghilterra di cento anni dopo, quindi di oggi, che si è ormai “islamizzata”. In Inghilterra i grandi poteri economici hanno stretto un’alleanza con l’Islam, ritenendo che sia comunque meglio del Cristianesimo per mantenere un adeguato controllo sociale della popolazione. Lo strano connubio fra i potentati economici e la legge islamica porta alcune conseguenze parossistiche, tra cui, fra l’altro, l’introduzione di norme che mettono fuori legge gli alcolici. Ed è così che un capitano irlandese, Patrick Dalroy, decide di fomentare una rivoluzione popolare, portando in giro per tutto il paese l’insegna di un pub, “L’osteria volante”. E da qui parte una rivolta.

9788865492116_0_0_120_50L’ arte di perdere tempo. Piccola celebrazione della sosta di Patrick Manoukian – Ediciclo – 2017 € 8.50

La collana “Piccola filosofia di viaggio” invita Patrick Manoukian, autore e viaggiatore, a introdurci alla sottile arte del perdere tempo: abbandonarsi al viaggio, abbracciando deviazioni e disavventure, andando incontro a persone e imprevisti.Solo così il viaggio diventa un’esperienza unica e rivoluzionaria.

9788842823087

Scarti. Appunti lettere scartafacci. Viaggio nel regno dimenticato della letteratura di Giuseppe Marcenaro – Il Saggiatore – 2017 € 19.00

Scontrini abbandonati sul bancone dei bar, liste della spesa rimaste negli scivoli delle casse dei supermercati, etichette con indirizzi vergati da grafie impossibili, cartoline consumate, fascette di sigari, scatole vuote di fiammiferi, libretti con le istruzioni dei telefoni cellulari, bugiardini dei medicinali, carte di caramelle e stagnole di cioccolatini, bollini delle confezioni dei formaggi, bustine del tè. Gli “Scarti” collezionati da Mercenaro compongono un bizzarro catalogo di memorabilia che raccontano frammenti di vita, ma soprattutto evocano e descrivono le opere e le gesta di grandi autori: da Casanova a Benedetto Croce, da Saba a Mata Hari, a Stendhal. L’autore invita il lettore a compiere un viaggio sentimentale, folle e stravagante, nella sua camera delle meraviglie, alla struggente scoperta del nostro presente.

9788866812050 (1)

Vivere senza supermercato. Manuale per consumatori
di Elena Tioli – Terra Nuova Edizioni – 2017 € 11.50

Vivere senza supermercato non solo è possibile, ma offre un sacco di opportunità: si impara a produrre cose nuove, si incontrano un sacco di produttori che lavorano sul territorio, si risparmia, si salvaguardia l’ambiente e la salute personale. Una scelta che può essere fatta da chi vive nei piccoli centri come nelle grandi città, da famiglie numerose così come dai single. Scritto in prima persona, in modo semplice e avvincente, il libro è anche una guida pratica su come eliminare i supermercati dalla propria vita. Una possibilità a disposizione di tutti.

51SOwAw9qTL._AC_US200_Il mio nome è Jamie. Outlander
di Diana Gabaldon – Corbaccio – 2017 € 12.00

1740: Il giovane Jamie Fraser, orfano di padre ucciso dagli inglesi e a sua volta ferito, ha lasciato la Scozia e sta andando in Francia con l’amico Ian Murray per raggiungere un gruppo di mercenari. Entrambi hanno delle ottime ragioni per stare lontani dalla loro patria ed entrambi, nonostante facciano di tutto per rimediare alla situazione, sono ancora vergini. E così, quando un medico ebreo li recluta per portare due tesori a Parigi, entrambi accettano con entusiasmo: uno è una rarissima e preziosissima Torah, l’altro è la splendida nipote del medico, Rebecca, destinata a un matrimonio combinato. Jamie e Ian si innamorano a prima vista di Rebecca, ma dovranno mostrarsi molto cauti perché non sanno veramente con chi hanno a che fare…

9788858124581

Sette luoghi comuni sull’economia
di Andrea Boitani – Laterza – 2017 € 16.00

“Il problema è l’euro”, “è tutta colpa delle banche”, “bisogna fare le riforme”, “le banche centrali pensano solo all’inflazione”… Chi non ha letto o ascoltato molte volte queste frasi sui giornali, nei talk show, all’interno delle istituzioni nazionali e internazionali? Si tratta di una serie di luoghi comuni che, ripetuti acriticamente, diventano mantra, assiomi indiscutibili, verità univoche, scientifiche. Federico Caffè sosteneva che «liberarsi dalla suggestione delle affermazioni che finiscono per essere accettate per il solo fatto di essere ripetute non è una cosa agevole». Fine del libro è proprio questo: smontare, spiegare e liberarsi da sette luoghi comuni sull’economia contemporanea. Scopriremo che ognuno di essi contiene elementi di verità, ma sottolineare solo questi elementi o nascondere quelli che li contraddicono conduce alla costruzione di un’ideologia insidiosa. Un’ideologia che – messa in pratica prima e soprattutto dopo lo scoppio della grande crisi del 2008 -ha fatto molti danni: più disoccupazione e per più tempo di quanto fosse inevitabile; meno crescita di quanto fosse possibile; più povertà e disuguaglianza di quanto sia moralmente accettabile; meno inflazione di quanto fosse economicamente conveniente. Milioni di persone hanno sofferto per tutto questo. Non era destino: poteva essere evitato, se solo avessimo agito diversamente da come alcuni luoghi comuni ci spingevano e tuttora ci spingono a fare.

9788830446960

Il segreto di Osiride. Ediz. illustrata di Clive Cussler, Graham Brown – Longanesi – 2017 € 16.40

Africa, cinquemila anni fa: è l’alba di un nuovo impero. L’Egitto si avvia a diventare il faro della civiltà dell’epoca, attraverso uno sfarzo costruttivo senza precedenti e una cultura ammantata di leggendaria magnificenza. Ma ogni impero ha i suoi lati oscuri… Africa, oggi: l’Egitto è un paese in difficoltà sociali ed economiche. Ma c’è chi non si arrende a un destino ingiusto. Un misterioso ma potentissimo uomo d’affari ha tutta l’intenzione di riportare il suo paese ai fasti di un tempo. E ha a sua disposizione due eccezionali scoperte: la prima è una ricca falda acquifera sotto il Sahara, di cui cercherà di impossessarsi. Ma è la seconda a essere la vera minaccia per l’equilibrio mondiale. La leggenda narra della Nebbia Nera, una sostanza estratta da una pianta rarissima che cresce solo nella Città dei Morti. E pare che sia in grado di rubare la vita ai vivi per ridarla ai morti… Nelle mani di un folle, la Nebbia Nera è un’arma potentissima, e soltanto Kurt Austin, Joe Zavala e la NUMA possono impedire una nuova apocalisse. Ma l’unico modo per farlo è affrontare la leggenda più oscura e potente di tutte: quella di Osiride, il signore dell’inferno egizio…

9788833928326

Gerusalemme assediata. Dall’antica Canaan allo stato d’Israele di Eric H. Cline – Bollati Boringhieri – 2017 € 26.00

La prima battaglia documentabile deve essere avvenuta attorno al 1350 a.C. e riguarda un certo Abdi-Heba, piccolo monarca di una località che gli egizi chiamano Urushalim, sulle colline oltre il deserto al di là del Mar Rosso; il re probabilmente viene circondato da qualche popolo cananeo e chiede aiuto al faraone, implorando: “Sono come una nave nel mezzo del mare!”. È la prima volta che viene scritto, ma la sindrome da accerchiamento si ripeterà ancora e ancora, molte volte nel corso dei secoli, sulle colline di Yerushalàim, Jerusalem, Al Quds “la santa”. La prima conquista documentata della città è quella di re Davide, mille anni prima dell’era volgare, e da lì in poi non passerà secolo, spesso neppure decennio, senza che qualcuno abbia combattuto attorno alle mura della città. Verrà Hazael, re di Aram, Sennacherib l’assiro e Nabucodònosor il babilonese; verrà Tolomeo, poi Antioco, i maccabei e Ircano; verranno i parti e Erode, Tito e poi Adriano; verrà il califfo Umar, poi gli abbasidi e a seguire i fatimidi; verranno i selgiuchidi e i crociati, Saladino e Federico II, i damasceni, i mongoli e i mamelucchi; verranno gli ottomani e poi gli inglesi del generale Allenby con i primi carri armati; fino a giungere ai giorni nostri e agli scontri sanguinosi tra israeliani e palestinesi. Sullo sfondo di tutto ciò c’è la città che il salmista chiama “città della pace”, il simbolo sfortunato di troppi interessi e di infinite contese, la città “d’oro, di rame e di luce” cantata in una celebre canzone.

9788823515222

La chitarra blu
di John Banville – Guanda – 2017 € 18.00

Oliver Otway Orme è un pittore di una certa fama, con un piccolo segreto: ama rubare piccoli oggetti, ma non solo… Finora nessuno lo ha mai scoperto, ma questa volta il furto potrebbe costargli molto caro. L’oggetto “rubato” è infatti la donna di quello che era, forse, il suo migliore amico. Temendo le conseguenze, Olly è fuggito, non solo dalla sua amante, dalla sua casa e da sua moglie, ma soprattutto dalla pittura e dai demoni che essa libera. Segregato nella sua casa natale, è deciso a trovare risposta alle domande che lo angosciano, e a capire in che modo e perché le cose siano andate come sono andate.

9788865593981

Il vecchio barone inglese
di Clara Reeve – BEAT – 2017 € 13.00

Dopo la pubblicazione di “Il castello di Otranto” di Horace Walpole, primo esemplare coraggioso del genere, altri scrittori della fine del Settecento consegnarono ai lettori altre opere gotiche in parte pescando dalla tradizione del romance, in parte da quella del novel e in un’altra parte attingendo da Walpole stesso.
Una delle opere successive a “Il castello di Otranto” fu “Il vecchio barone inglese” (titolo originale “The old Enghlish baron”) scritto da Clara Reeve, pubblicato nel 1777 e ristampato ben 13 volte.
In esso, è facile trovare tutti gli ingredienti già riscontrati in Walpole: un castello medievale e spaventoso, un villain usurpatore, un eroe all’oscuro della propria vera identità cresciuto in una famiglia di umili origini ma in realtà con del sangue blu nelle vene, ricorso al sovrannaturale e conclusione a lieto fine per tutti gli eroi positivi presenti.
Tuttavia, nonostante questi palesi punti di somiglianza con il noto precedente, Clara Reeve percorre una strada per certi versi opposta a quella di Walpole. Sua primaria preoccupazione infatti era quella di giustificare in maniera plausibile e secondo i logici dettami della ragione tutto quanto di sovrannaturale ci fosse nel suo romanzo. Il fine della scrittrice era insomma quello di mirare alla verosimiglianza, discostandosi dunque nettamente da Walpole che invece, a suo dire, aveva fatto del magico e del fantasioso una cifra un po’ troppo marcata e audace.
“Il vecchio barone inglese” infatti appare più orientato in direzione borghese e sentimentale con l’accoglienza di elementi del meraviglioso destinati però a rientrare, con la fine della vicenda narrata, entro i confini della probabilità. E’ così ad esempio che la scrittrice non rinuncia al sovrannaturale e all’apparizione dei fantasmi ma è del tutto verosimile finché gli spettri compaiono in sogno! Con la Reeve dunque si può parlare di sovrannaturale giustificato, formula che pure verrà apprezzata da molti altri romanzieri gotici.
Ma c’è un altro aspetto che va evidenziato del ricettario gotico prescelto ed adottato da Clara Reeve: la commistione di elementi storici e fittizi. In “Il vecchio barone inglese” è evidente una ricostruzione storica tendente al vero dato che il romanzo è ambientato durante il regno di Enrico V. Tuttavia al di là di queste coordinate realistiche tutta la vicenda e i personaggi sono frutto della fantasia e della ispirazione dell’artista. Il contesto storico però non serve da semplice cornice, come si potrebbe pensare ad una prima impressione, ma serve alla Reeve come impalcatura di riferimento per ricordarsi di rimanere sempre entro i limiti della verosimiglianza, senza eccedere troppo con il fantasioso e sfruttando anzi la vicenda per fini morali – seppur in chiave borghese. E’ così che il villain viene catturato, i due eroi positivi convolano a giuste nozze e per di più nella più assoluta agiatezza economica diventando i veri titolari del castello, e il bene vince sul male.
A partire da questo momento ci si dovrà aspettare di imbattersi in due principali tipi di romanzo gotico: quello più simile alla formula adottata da Clara Reeve, più aderente al vero in cui l’impianto narrativo procede per accumulazione di fatti poi ricostruiti e giustificati secondo logici criteri di causa ed effetto fino al completo recupero della situazione arcadica iniziale; e quello invece più audace e spettacolare, con una struttura a spirale, che procede sempre più verso il basso, verso il delirio, l’inconscio e dove l’arcadia è persa per sempre.

6892-3L’ invenzione di Alberto Vigevani – Sellerio Editore Palermo –  2017 € 12.00

Sullo sfondo di una bellissima Milano, in una periferia borghese tra le due guerre attraversata da filari di tigli, si svolge la storia narrata in questo libro. Storia di una amicizia tra due ragazzi ebrei, uno dei quali malato. Su tutto aleggia la guerra imminente, la fine di un’epoca. Cronaca di una frequentazione nata per caso e quasi controvoglia, più per compiacere le famiglie amiche che per scelta. Leonardo, orfano, viene dalla provincia, ha un cuore malconcio ed è accudito dalle affettuose zie Delfina e Imelde in una casa che sembra venir fuori dalle pagine di Gozzano, con le buone cose di pessimo gusto e le fotografie degli antenati. E diffidente e scontroso e la sua esistenza gliene dà qualche ragione; l’altro (l’autore), mediocre a scuola, vorrebbe piacergli e ha un puerile desiderio di sbalordirlo. Tra i due finisce per nascere una consuetudine fatta di passeggiate, cinema, parole. Così per essere accettato da Leonardo, l’altro finisce per inventare una ragazza. Comincia con l’accennarne, ne definisce i particolari, fino a costruirne una storia d’amore. Una ragazza che nel suo racconto diventa la più desiderabile che si possa immaginare, a cominciare dal nome, Belle. Lentamente Belle prende corpo, come un ritratto dipinto a quattro mani “io ci mettevo i colori, le pennellate, lavoravo di fantasia, Leonardo con la sua critica pesante mi obbligava ai tocchi precisi”. Così, complice l’invenzione, Leonardo diventa qualcosa nella vita dell’amico, “ma come in un’altra stanza, segreta”. E sarà proprio Leonardo che lo avvierà alla maturità, abbandonata la sua vanità di ragazzo – fatta di sogni – “che voleva solo essere amato”.

9788894814002

Le donne di troppo di George Gissing – La Tartaruga – 2017 € 18.00
Londra, fine Ottocento. Un gruppo di donne cerca di organizzarsi per ottenere dignità e indipendenza economica nella capitale vittoriana. Non sono rivoluzionarie, non lottano ancora per il suffragio: ma vogliono poter lavorare per arrivare a sposarsi, in caso, per amore e non per bisogno. Dalle premesse classiche del marriage plot (una giovane bella e nubile appena arrivata nella grande città; un dandy intraprendente in cerca dell’amore; una donna bruttina ma di gran carattere decisa a seguire le proprie idee) si sviluppa una serie di equivoci ferocemente realistici, destinati a finire nell’unico modo in cui può finire un romanzo che vuol fare i conti con la realtà: con uno schianto. Con la verve e il sarcasmo del romanzo di costume di Jane Austen, nella Londra di Dickens e Thackeray, Gissing racconta varie storie d’amore intrecciate con problemi di soldi e aspirazioni sociali: ma le racconta come se fossero vere, giocando a ribaltare gli stereotipi della fiction romantica calandola nella realtà delle pressioni sociali, del conformismo e, soprattutto, della discriminazione di genere.

9788869932236

La ragazza con la macchina da scrivere
di Grant Allen – Elliot – 2017 € 16.50

Juliet Appleton è la giovane figlia di un ufficiale, che si ritrova costretta a cercare di sopravvivere dopo la morte del padre. Come molte delle ragazze ai primi del novecento, anche Juliet impara a fare la copista, usando la macchina da scrivere, sinonimo in quei decenni di emancipazione e novità, uno strumento in grado di creare una schiera di giovani impiegate: le type-writer girls. Juliet diventa una di loro e trova lavoro in un ufficio legale, ma la vita con il capo e i colleghi è difficile. Juliet è considerata una ragazza eversiva, perché vive da sola, frequenta il girton College, fuma sigarette e gira in campagna con la sua bicicletta, anch’essa simbolo di una nuova forma di libertà femminile. Dopo varie avventure Juliet riuscirà a trovare un buon impiego e l’amore, ma non senza difficoltà.

Grant Allen Autore di origine canadese versatile e prolifico, molto attivo alla fine del XIX secolo. Scrisse soprattutto testi scientifici, filosofici e sull’evoluzionismo, ma anche numerosi romanzi. Considerato uno dei pionieri del genere fantascientifico, è ricordato anche per i suoi romanzi gialli e polizieschi. Morì nel 1899 mentre stava terminando il suo ultimo romanzo, ma riuscì a dettarne a voce il capitolo finale all’amico e vicino di casa Arthur Conan Doyle. La ragazza con la macchina da scrivere è uno dei due firmati con pseudonimo femminile.

downloadDi notte sotto il ponte di pietra di Leo Perutz – E/O – 2017 € 16.00

Praga, fine del 16° secolo. Sulla città regna Rodolfo II, imperatore del Sacro Romano Impero, personalità misteriosa. Vive arroccato nel Castello, circondato da alchimisti, astrologi, pittori, servitori fedeli e imbroglioni di ogni risma. Ama Esther, moglie dell’ebreo Mordechai Meisl, l’uomo che gli presta il denaro per la sfarzosa ed eccentrica vita di corte; ma è un amore che esiste solo nei sogni, perché così ha voluto Rabbi Lo?w, autore di sortilegi, cabbalista, creatore del Golem. Dentro questa Praga magica Perutz intreccia le sue fantastiche invenzioni narrative intorno a un perno che è l’emblematico, inestricabile intreccio dei destini dei due rivali, Rodolfo e Mordechai, il Cristiano e l’Ebreo, entrambi grandi, entrambi perdenti.

9788845931383

La casa dei Krull
di Georges Simenon – Adelphi – 2017 € 19.00

La casa dei Krull è al margine estremo del paese, e loro stessi ne vengono tenuti ai margini. Benché naturalizzati, restano gli stranieri, i diversi. Da sempre, e nonostante gli sforzi fatti per integrarsi. Nel loro emporio non si serve la gente del luogo, neanche i vicini, ma solo le mogli dei marinai che a bordo delle chiatte percorrono il canale. E quando davanti all’emporio viene ripescato il cadavere di una ragazza violentata e uccisa, i sospetti cadono fatalmente su di loro. In un magistrale crescendo di tensione, e con un singolare (e formidabile) rovesciamento, vediamo montare l’ostilità della popolazione francese verso la famiglia tedesca, e l’avversione per una minoranza, che rappresenta un perfetto capro espiatorio, degenerare progressivamente in odio e violenza. Mentre all’interno della casa dei Krull ciascuno deve fare i conti con le proprie colpe e le proprie vergogne nascoste. In questo romanzo oscuramente profetico, scritto alla vigilia della guerra, Simenon affronta un tema che gli sta molto a cuore, e lo fa scegliendo il punto di vista, disincantato e sagace, di un cugino dei Krull, un ospite tanto più inquietante, e imbarazzante, in quanto diverso, per così dire, al quadrato: diverso, come i Krull, dagli abitanti del paese, ma diverso anche da loro stessi, perché dotato di un buonumore «sconosciuto in quella casa», e di una disinvoltura, di una «leggerezza fisica e morale» che la rigida etica protestante paventa e aborre – e sarà proprio questa sua intollerabile estraneità a scatenare la tempesta.
I diversi sono davvero diversi? A porre questa inquietante e sottile domanda è l’immortale Georges Simenon in La casa dei Krull. Lo scrittore noir di lingua francese più noto al mondo ci porta in un quadro familiare e cittadino e ce lo mostra da tutte le prospettive per rendere noto al lettore come ogni storia può essere vista in modo differente. E questo vale anche per la spiazzante verità che viene cercata quando una ragazza viene ritrovata violentata e uccisa in questo paesino ai margini del mondo, affacciato su un canale di diffidenze e di odi sopiti. Tutte le accuse ovviamente puntano il dito sui Krull, i diversi del paese, quelli che tutti guardano con diffidenza. E proprio davanti alla loro casa viene casualmente ritrovato il cadavere della ragazza. Ma saranno stati davvero loro? I Krull sono stranieri, hanno usanze e modi di fare considerati bizzarri dal resto della gente. Sono tedeschi e sebbene siano stati naturalizzati non sono mai riusciti ad integrarsi nel piccolo paese. La colpa per tutti è dei Krull stessi che hanno trovato una clientela, nella loro fornitissima drogheria, non nei francesi, ma nei marinai che sono di passaggio. I Krull sono così un capro espiatorio perfetto e Simenon ci svelerà il finale in un crescendo di colpi di scena, di storie mai dette, di stereotipi che non smettono mai di essere attuali. E a raccontarcelo è il celebre scrittore attraverso gli occhi di un osservatore a sua volta differente da tutto e da tutti. La casa dei Krull è un giallo magistrale con una connotazione sociale potentissima.

9788845426346_0_0_300_80Demelza. La saga di Poldark  di Winston Graham – Sonzogno – 2017 € 19.00

Cornovaglia, 1788-1790. Le nozze tra Ross, gentiluomo dal carattere forte, avverso alle convenzioni sociali, e Demelza, bella, brillante, ma figlia di un povero minatore, hanno scandalizzato l’alta società locale, che non approva il matrimonio di un nobile con una plebea. E così Demelza, pur facendo il possibile per assumere le maniere di una signora raffinata, fatica a conciliare il mondo da cui proviene con quello cui ora appartiene, e sì sente umiliata dai modi altezzosi di chi la circonda. Questo non le impedisce però di stare al fianco di Ross, che si trova ad affrontare la grave crisi economica in cui versa il distretto: l’industria del rame è infatti sull’orlo del collasso a causa di banchieri senza scrupoli, come lo spietato George Warleggan. Mentre dalla Francia soffiano i venti della rivoluzione e il malcontento dei minatori, ridotti alla fame, sembra pronto a esplodere, Ross decide di sfidare i potenti nel tentativo di riportare giustizia e prosperità nella terra che ama, nonostante il rischio di perdere tutto ciò che ha costruito. Tra sfarzosi eventi mondani, passioni maledette e amori ritrovati, tempeste di feroce bellezza e naufragi che sembrano benedizioni per la povera gente, Ross e Demelza tornano con il secondo episodio della saga di Poldark.
9788867993345Simone Weil. Pensiero e dismisura
di C. Giachi – Edizioni Clichy – 2017 € 7.90Un pensiero vivo. Limpido, onesto. Una giovane intelligenza che si è misurata con l’abisso del proprio senso di inadeguatezza, e con i grandi temi del suo tempo: l’oppressione, la guerra, l’alienazione del lavoro in fabbrica, la sventura come cornice tragica dell’esistenza; una giovane intelligenza che voleva vivere tutto: L’esperienza dietro i pensieri. Gli anni della fabbrica, la partecipazione alla lotta partigiana. La dimensione politica: la riflessione sui partiti politici, l’incapacità di una mente votata al pensiero di accogliere la faziosità. L’idea della giustizia e la sua distanza dall’idea del diritto. Il rapporto con Dio: nostalgia struggente per la fede che non ha mai avuto, il suo misticismo colto e radicato in una visione metafisica altissima. Il difficile rapporto con il potere. Il dono assoluto nello spazio di una vita così breve. La tradizione in Italia, da Cristina Campo a Eugenio Borgna.

 

9788858687635_0_0_300_80Vatileaks 2. Il Vaticano alla prova della giustizia degli uomini
di Federico Lombardi, Massimiliano Menichetti – Rizzoli – 2017 € 18.00

Il 24 novembre 2015 si apriva davanti al Tribunale dello Stato Vaticano un processo di grandissima risonanza mediatica: quello a monsignor Lucio Ángel Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaou- qui accusati, insieme a un collaboratore e in concorso criminoso con i giornalisti Pierluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, di aver divulgato notizie e documenti concernenti gli interessi fondamentali della Santa Sede e dello Stato Vaticano. Un processo fatto per fermare una fuga di notizie inaccettabile e che ha richiamato l’attenzione mondiale sulla Santa Sede, diventando poi pretesto di accuse di altro genere, tra tutte quella di voler insabbiare presunti scandali e limitare la libertà di stampa in Vaticano. Otto mesi e ventuno udienze dopo, il 7 luglio 2016, i due principali imputati sono stati condannati in primo grado e i giornalisti prosciolti dal Tribunale vaticano per difetto di giurisdizione. “Il processo si doveva fare? È stato fatto correttamente? Con quali conclusioni?” si chiede oggi Padre Federico Lombardi, all’epoca direttore della Sala Stampa della Santa Sede. E per rispondere, affermativamente, ricostruisce in questo libro con Massimiliano Menichetti i passaggi chiave, le testimonianze e i “colpi di scena” del procedimento, grazie a una documentazione completa del Tribunale e alla testimonianza diretta di chi vi ha assistito.

a1d53f991fde19f5306dced81fca71ec_w240_h_mw_mh_cs_cx_cyNuova enciclopedia di Alberto Savinio – Adelphi – 2017 € 15.00

«Elusivo, inafferrabile, frivolo e coraggioso come Ulisse, Savinio è un profugo, un favoleggiatore, un esule, un estraneo: questa affollata Nuova Enciclopedia è un libro desolatamente solitario, felicemente solitario. Ilarità e angoscia inseguono il profugo, lo incalzano, vogliono che egli racconti. All’infinito, di voce in voce, da Giostra a Libertà, da San Sebastiano a Travestimento, l’enciclopedico divaga. Il suo universo è discontinuo, senza approdi, soprattutto senza destinazione. Non si troverà mai il cosmo, non si indagherà mai il significato. Non esiste profondità, ma solo una infinita serie di superfici. Il mondo è una liscia pelle che nasconde altre pelli lisce: all’infinito … Prosatore di una mobilità, una grazia, una tenerezza straordinarie, questo classico surreale, tra Apollinaire, Anassagora e Agnolo Firenzuola, sta ritornando nella nostra letteratura, in questo lento squallore del tardo Novecento, con la sua dimensione provocatoria, e insieme la sua gentilezza, l’oltraggiosa delicatezza del suo gesto di scrittore.» (Giorgio Manganelli)