Novità religiose

 

 

9788862404655

Le donne del Nuovo Testamento
di Judith Schubert – Terra Santa – 2017 € 16.90

Perché nessun libro del Nuovo Testamento è stato scritto da una donna? Perché il ruolo delle donne è rimasto statico nella struttura gerarchica della Chiesa cattolica? Perché poi nella storia della Chiesa sono sempre state messe a tacere? E perché Maria Maddalena, che ha visto Gesù risorto prima degli apostoli, non è considerata un apostolo? Oggi più che mai, dopo secoli di dimenticanza, il ruolo della donna nella comunità cristiana è posto al centro delle questioni aperte e urgenti che la Chiesa cattolica ha di fronte a sé. Conoscere gli scritti del Nuovo Testamento e cosa dicono sulle donne è essenziale, soprattutto per gli uomini, i ministri, i padri di famiglia. Questo libro, attraverso 100 semplici e dirette domande che prendono spunto da episodi biblici concreti, vuole essere un aiuto in tal senso. Alla fine, non sarà poi così strano affermare che forse un’originalissima leadership della donna era stata già indicata tanto tempo fa.

9788807105159

Storia del Limbo
di Chiara Franceschini – Feltrinelli – 2017 € 45.00

Da quando l’espressione’ “limbus inferni”, “l’orlo dell’inferno”, cominciò a essere usata dai teologi occidentali nel tardo XII secolo fino al 19 gennaio 2007, quando papa Benedetto XVI invitò i fedeli a “lasciar cadere l’ipotesi limbo”, sono trascorsi quasi mille anni. Oggi la vicenda del limbo sembra finita. Questo saggio com’è nata e come si è sviluppata. Se Jacques Le Goff, in un capolavoro della storiografia contemporanea, aveva ricostruito la nascita del purgatorio, sul limbo mancava una ricerca completa e autorevole. Chiara Franceschini ha condotto questa ricerca, gettando luce sulla parabola di un’ipotesi teologica che fu non solo una questione centrale del cristianesimo, ma anche un’idea diffusa, concepita per rispondere a problemi antropologici e sociali ben definiti, rappresentata nelle arti figurative e narrata nella letteratura. Da Agostino a Dante, da Mantegna a Michelangelo, da Lutero a Federico Borromeo, con grande attenzione alla teologia, alle immagini, alle idee e pratiche diffuse, Franceschini riconduce l’affascinante storia del limbo al problema di fondo che l’ha segnata fin dall’inizio: quello dell’umanità residuale, cioè della difficoltà secolare da parte della Chiesa occidentale di risolvere l’anomalia della morte senza battesimo. Un percorso attraverso le fonti di un’intera civiltà per raccontare la storia di un’immagine che ha sfidato dall’interno la costruzione dell’aldilà cristiano.

9788869448850

Il profeta della salvezza. Il libro di Isaia letto dal papa
di Francesco (Jorge Mario Bergoglio) – Castelvecchi – 2017 € 16.50

Il messaggio di Isaia è un balsamo sulle nostre ferite. Il profeta, infatti, parla oggi al nostro cuore per dirci che Dio dimentica i nostri peccati e ci consola. Se non ci affidiamo a Lui con cuore umile e pentito, Egli abbatterà i muri del male, riempirà le buche delle nostre omissioni, spianerà i dossi della superbia e della vanità e aprirà la strada dell’ incontro con Lui.

9788881239665

Saranno testimoni. In cammino verso la Cresima
di Walter Cazzaniga – In Dialogo – 2017 € 8.50

Un itinerario verso la Cresima per l’approfondimento della testimonianza della fede, nato dall’esperienza pluriennale dell’Autore. Il testo accompagna i ragazzi al sacramento della Confermazione, sviluppando il contenuto del Discorso della montagna attraverso la comprensione del senso di diversi simboli: la luce, il sale, la città, il tesoro. Per ogni tappa sono previsti approfondimenti biblici, schede per il lavoro di gruppo, giochi, preghiere. Al termine del volume alcune tappe di preparazione alla celebrazione e una proposta di ritiro spirituale.

gBmcpCCEe1eN_s4-mbOpera omnia vol.10  Le chiese particolari nella Chiesa universale di Henri de Lubac – Jaca Book – 2017 € 30.00

Il senso che la Chiesa, e l’appartenenza ad essa, riveste per il credente in Cristo, per il suo essere uomo e la sua salvezza è tutt’altro che scontato: verrebbe anzi da dire che è sempre meno scontato. Quale sia il motivo per cui, in altri termini, la salvezza si realizzi – pur in modo incipiente – in forma ecclesiale e perché il credere del cristiano sia strutturalmente un con-credere rimane quasi sempre questione inevasa. […] La visione ecclesiologica di de Lubac resta a tutt’oggi, tra gli studi occidentali, una delle poche all’altezza di una tale fondamentale questione. Ciò è evidente quando si leggano i testi a carattere ecclesiologico del teologo di Lione in raffronto con gli altri suoi studi, soprattutto quelli sul soprannaturale: cosa assolutamente legittima e forse doverosa dal momento che, come ha notato un autorevole commentatore come Balthasar, in Cattolicismo c’era già in nuce tutto quanto si sarebbe sviluppato nella monumentale opera di de Lubac. In un tale orizzonte appare infatti evidente come esista, per così dire, un “aspetto sociale del soprannaturale”: tanto più visibile quanto più si passi da una sua considerazione in termini formali a una sua lettura che ne rifletta la concretezza cristologica. L’uomo è creato non solo in una generica immagine di Dio, ma porta impressa in sé l’immagine del Figlio fatto uomo, dell’Unigenito che si è fatto il “primogenito di molti fratelli” (Rm 8,29): per questo non esiste altra vocazione umana che non sia quella alla filiazione divina e, dunque, alla fraternità con gli altri uomini. Il senso per il quale la Chiesa sia la forma incipiente della salvezza è rinvenibile quando si consideri che non esiste uomo se non in Cristo e, dunque, vocato alla filiazione divina e alla fraternità inter-umana. Per l’uomo essere è partecipare dell’essere di Cristo e dunque, co-essere con gli altri uomini, suoi fratelli. Si tratta di dimensioni fondamentali e in certo senso previe a qualunque altra riflessione ecclesiologica, su cui l’opera delubachiana può ancora beneficamente indirizzare.

FATIM3238939A. UNA PROFEZIA LUNGA CENT’ANNI, Allegri Renzo, Ancora  € 16,00
Questo libro racconta la storia delle apparizioni di Fatima cercando di tenere fissa l’attenzione soprattutto sulla protagonista, la Madonna. Il 13 maggio 1917, la Madre di Dio ha varcato i confini tra cielo e terra per parlare con tre bambini portoghesi. Si è presentata in tutta la sua fulgente bellezza, quella che lei possiede realmente essendo in Paradiso in anima e corpo. Ha iniziato un dialogo con i piccoli confidando informazioni, raccomandazioni, consigli, desideri, da trasmettere a tutta l’umanità, di cui lei è vera Madre. Con le sue parole, le sue preoccupazioni, i suoi desideri, il suo modo di fare ha palesato un amore materno così concreto, così ansioso, così appassionato che noi umani possiamo definire «sconvolgente». E da allora, quell’amore ha continuato a trasmetterlo in mille modi, attraverso infinite azioni, iniziative, interventi, perché quel suo viaggio, iniziato cento anni fa, non è mai finito.
downloadDibattito su Fatima cinque teologi a confronto, Manzi Franco ed., Ancora, € 16,50
Come leggere l’evento delle apparizioni mariane di Fatima, che ha segnato la storia della Chiesa del Novecento? Con che criteri vagliarlo, tenendo conto della molteplicità dei suoi effetti positivi: le guarigioni inspiegabili, gli affollati pellegrinaggi, le innumerevoli conversioni? Che giudizio dare sulle interpretazioni autorevoli che, alla pubblicazione dell’ultimo dei cosiddetti «tre segreti», sostennero l’avvenuto compimento delle profezie in esso contenute? La sfida è stata raccolta da cinque teologi che insegnano nel Seminario arcivescovile di Milano, con due attenzioni di fondo. In negativo, porre un argine a forme ancora diffuse di superstizione, di spiritualità di basso profilo e perfino d’inganno dei cristiani più «deboli nella fede». In positivo, offrire validi strumenti teologici per interpretare non solo gli avvenimenti di Fatima, ma anche il fenomeno più ampio delle visioni e delle profezie mariane.
9788817093866Vedere l’amore, Benedetto XVI, Rizzoli, € 18,00
Dalla crisi di oggi nascerà una Chiesa che avrà perduto molto. Diventerà più piccola, bisognerà ricominciare tutto da capo. Tuttavia, nonostante i cambiamenti, la Chiesa ritroverà ciò che le è essenziale, ciò che è sempre stato il suo centro: la fede nel Dio uno e trino, in Gesù Cristo, il Figlio di Dio fattosi uomo, nell’assistenza dello Spirito, che durerà fino alla fine. Metterà la fede e la preghiera di nuovo al centro e sperimenterà di nuovo i sacramenti come servizio divino e non come un problema di struttura liturgica.” Queste parole, pronunciate a Natale del 1969 ai microfoni della radio dell’Assia, appartengono a uno dei testi di questo libro, che raccoglie una scelta di meditazioni, prediche e conferenze radiofoniche tenute da Joseph Ratzinger quando era ancora “solo” professore, ordinario di dogmatica e storia dei dogmi, la “carriera” che aveva scelto e che ha dovuto poi abbandonare perché chiamato a un compito più grande. A distanza di anni colpisce non solo l’attualità dei temi trattati da Ratzinger – il rapporto della fede con la scienza; i dubbi dell’uomo moderno riguardo a Dio, alla fede e alla Chiesa; il problema dell’accettazione dei dogmi da un lato, la sete di Dio nella solitudine della città dell’uomo dall’altro – ma anche e soprattutto la sua lucida analisi del futuro della Chiesa: la sua visione, all’indomani del Concilio Vaticano II, ha trovato riscontro negli sviluppi post-conciliari. Da queste pagine emergono anche le due anime inscindibili della personalità di Ratzinger, che abbiamo imparato a conoscere negli Angelus e nelle Catechesi del mercoledì: quella del teologo e quella del pastore. Esse contengono in nuce il pensiero del futuro pontefice, segnato dal costante richiamo all’amore paterno di Dio quale “centro della fede cristiana” e costituiscono il lascito spirituale di Benedetto XVI.
“Vedere l’amore” di Joseph Ratzinger è il nuovo testo di Benedetto XVI che si concentra su un sentimento universale. Ratzinger fa, come l’ha definita Papa Francesco, teologia in ginocchio: in ginocchio perché, prima ancora che essere un grandissimo teologo e maestro della fede, è un uomo che veramente crede, che veramente prega. Si percepisce che è un uomo che impersona la santità, un uomo di pace, un uomo di Dio. E così egli incarna il cuore di tutto l’agire sacerdotale: quel profondo radicamento in Dio senza il quale tutta la capacità organizzativa possibile e tutta la presunta superiorità intellettuale, tutto il denaro e il potere risultano inutili. Ratzinger incarna quel costante rapporto con il Signore Gesù e lo fa cercando l’amore e aiutandoci a riconoscerlo. Dio è amore per Benedetto XVI, ma l’amore può anche essere odiato, laddove esige che si esca da se stessi per andare al di là di se stessi. L’amore non è un romantico senso di benessere e questo è importante capirlo per saperlo riconoscere, altrimenti si cercherà solo l’effimero e l’effimero verrà trovato. Vedere l’amore è un testo che può e dovrebbe essere letto da tutti, giovani e meno giovani, per cercare e individuare la serenità.
download (1)La mia cresima con Papa Francesco, Ancora, € 12,00
Le parole che papa Francesco ha rivolto a ragazzi e adulti sul sacramento della Confermazione e sui sette doni dello Spirito Santo, accompagnate e commentate da coloratissime immagini. Edizione cartonata.
3931508-9788817093996Io e il Papu, Garlando Luigi, Rizzoli, € 16,00,
Arcadio ha undici anni e non parla da due. Da quella sera dell’attentato in cui la mamma è rimasta ferita a un braccio. Quando il Papa riceve la sua lettera, diversa dalle altre perché non ci sono parole ma solo figurine di calciatori, non ha dubbi: questo bambino sta soffrendo, e lui deve aiutarlo. Anche se è la Settimana Santa, anche se la sua agenda è piena di impegni. Sotto gli occhi increduli delle guardie e degli alti prelati, Francesco si toglie l’abito talare e si getta nella sua personale missione: liberare il bambino dall’armadio di paure in cui è rinchiuso. E la chiave la trova proprio nelle figurine dei calciatori, di cui Arcadio è appassionatissimo. Quei cognomi, Basta, Lasagna, Parolo, Totti, compongono una lingua speciale che fa decollare l’amicizia tra il bambino e Francesco, presto ribattezzato Papu come Alejandro Gómez, il centrocampista argentino dell’Atalanta. Arcadio si fida ogni giorno di più dell’imprevedibile Santo Padre che si comporta come un nonno, gli racconta storie che vengono da lontano e lo porta in giro in car sharing. E che, proprio come lui, ha una grande paura nel cuore. Ma questo Arcadio ancora non lo sa. Dal maggiore autore italiano per ragazzi, l’amicizia tra un uomo eccezionale, ispirato al Pontefice più umano e più amato, e un bambino che per ricominciare a vivere ha bisogno di lui.
JhQVjzgAXU7S_s4-mbLa verità è sintetica, Gagliardi Mauro, Cantagalli, €30,00
A cinquecento anni esatti dalla Riforma protestante (1517) e a quasi mille dalla separazione tra Chiesa Cattolica ed Ortodossa (1054), questo libro presenta una visione organica e complessiva della teologia dogmatica cattolica, anche mettendo in luce – con chiarezza e rispetto – le differenti visioni sul dogma della fede da parte dei cristiani disuniti.
Il volume propone una teologia dogmatica cattolica completa, strutturata attorno al principio dell’et-et, che l’autore definisce «principio sintetico». Di qui il titolo del libro, che non rappresenta una sintesi dogmatica, bensì una «Dogmatica come sintesi». Pur non tralasciando nessuna delle questioni importanti, l’autore riesce a rendere la lettura piacevole, ricorrendo ad uno stile di scrittura scorrevole, a tratti quasi narrativo, ed evitando un linguaggio ermetico, pur mantenendo il rigore dell’esposizione e la precisione dei termini.
Destinatari privilegiati di quest’opera sono gli studenti del primo ciclo di studi delle Facoltà teologiche e degli Istituti di Scienze religiose, ma anche tutti coloro che, pur non intraprendendo corsi curriculari di Teologia, desiderano conoscere meglio la fede cattolica, sia che già la professino, sia che si sentano attratti da essa.
Un’opera che non aspira ad essere «attuale» bensì «vera» e che, proprio per questo, viene alla luce al momento giusto.