Nuovi arrivi

9788898713646

Agatha Raisin. Amore, bugie e liquori
di M. C. Beaton – Astoria – 2017 € 17.00

Una nuova avventura per Agatha Raisin. Vecchie conoscenze ritornano. Qualcuno viene ucciso, e Agatha da detective diventa una sospettata. James è tornato, si è ritrasferito a Carsely e chiede ad Agatha di fare una vacanza insieme, con destinazione a sorpresa! Convinta di andare in un posto caldo e affascinante del Mediterraneo per una seconda luna di miele, Agatha accetta con grande entusiasmo: la sua delusione nel ritrovarsi a Snoth-on-Sea, luogo di dolci ricordi d’infanzia di James e attualmente orribile cittadina vittima di un tempo inclemente, sarà altrettanto grande. Anche l’albergo scelto non è più quello di una volta: cupo, squallido, un pessimo servizio e frequentazioni ancora peggiori, tra cui Geraldine Jankers, donna appariscente e volgare con la quale Agatha ha un più che vivace scambio di battute. Quando viene trovata morta, soffocata da una sciarpa di Agatha, la nostra eroina si trova nei guai… E, quel che è peggio, James, pensando come sempre solo a se stesso, la pianta in asso!

9788867831074

Giardini di carta. Da Rousseau a Modiano
di Évelyne Bloch-Dano – ADD Editore – € 16.00

Glicine, rosa, caprifoglio, menta, timo, fragole: il giardino è un mondo di rumori, odori, un concentrato di vita. Esplorandone le origini e la diversità scopriamo che i giardini sono il riflesso delle società e degli individui, e che ogni giardino ci dà informazioni sui sogni, sull’ideale di felicità di chi lo crea e lo descrive, è uno specchio della cultura che lo ha prodotto. Reali, ornamentali o urbani, familiari, botanici, i giardini sono al contempo luogo di azione e di riflessione. E i giardini degli scrittori non sono da meno. Évelyne Bloch-Dano ci accompagna tra le pagine di Rousseau, George Sand, Stendhal e Flaubert, Balzac, Hugo e Zola, Proust, Gide, Colette, Simone de Beauvoir e Jean-Paul Sartre, Marguerite Duras, Modiano e Christian Bobin. Alcuni sono stati veri giardinieri, altri non hanno avuto alcuna esperienza; alcuni erano appassionati di botanica, per altri invece è il verde pubblico a essere fonte di ispirazione per il proprio giardino di carta.

 

20170321150725_24_COVER-MEDIANiels Lyhne di J. Peter Jacobsen – Iperborea – 2017 € 17.00

“La poesia moderna”, scrive Claudio Magris, “è spesso nostalgia della vita.” Niels Lyhne è uno dei primi personaggi letterari che incarnano questa nostalgia e restano simbolo di una crisi che, a partire da fine Ottocento, continua a minare il nostro secolo. Non a caso Stefan Zweig lo definì il Werther della sua generazione e il romanzo lasciò un segno su Thomas Mann e Rilke, che ne trasse ispirazione per il suo Malte Brigge. È l’impossibilità di appagamento il mal sottile che corrode l’animo di Niels e di quanti gli vivono accanto: che si abbandonino, come la madre, “al vizio radioso dei sogni”, che anelino, come l’amico Erik, all’arte e alla bellezza, o come le donne di cui si innamora, alla libertà e alla nobiltà della passione, sono tutti destinati alla sconfitta, a vedere gli ideali della giovinezza risalire in cielo sulla scala dell’esperienza, l’ispirazione inaridirsi, la prosa della quotidianità spegnere i fuochi fatui della poesia. Ateo che la perdita della fede ha lasciato senza appigli e certezze, poeta che si ferma sulla soglia della creazione, Niels sente il tempo sfuggirgli senza che né l’arte né l’amore possano far presa sul suo uniforme fluire, né uno scopo riempire i giorni che si susseguono “come le trite immagini di una lanterna magica”. In continua attesa di tuffarsi nei flutti della vita, la vede scorrergli accanto mentre rimane seduto a riva, estraneo a sé stesso e alla propria esistenza, a sognare quella pienezza che è sempre sull’altra sponda del lago, irraggiungibile, velata dalla nebbia della lontananza.

20170321121711_51_COVER_MEDIAIl nano di Pär Lagerkvist – Iperborea – 2017 € 16.00

Scritto negli anni della Seconda guerra mondiale e ambientato in una corte rinascimentale italiana, “Il nano” è forse l’opera in cui più esplicitamente Lagerkvist si interroga sul presente: la guerra, la peste, gli avvelenamenti e i tradimenti narrati sono evidenti proiezioni delle tragedie di cui è testimone. Ma è soprattutto con l’inquietante figura del nano di corte che l’interrogativo si spinge fino in fondo, in un tentativo di capire perché periodicamente nella storia l’odio, l’indifferenza ai massacri, il trionfalismo bellico arrivino a prevalere su quei valori che rendono l’uomo umano. Il nano, che regge le fila dell’azione e attraverso il cui sguardo distorto veniamo a conoscenza di fatti e personaggi, incarna questa aberrazione, l’essere amputato della sua umanità fisica e spirituale che ubbidisce solo alla logica del potere. Disprezzando la corporeità in ogni sua manifestazione, dal cibo al desiderio, all’attaccamento alla vita, è nauseato dalla povertà, dalla malattia, dalla sporcizia dei profughi; privo di trascendenza, è cieco alla nostalgia dell’infinito, al dubbio e alle contraddizioni, alla gioia, all’arte e all’amore, scambiando per superiorità la propria limitatezza e per lucidità la propria mediocrità. Ma il nano non è che quella creatura “dal volto di scimmia che talvolta leva la testa, affiorando dai bassifondi dell’anima”, è il “sosia” del principe guardato con un cannocchiale capovolto. Sterili, i nani sono generati dagli uomini, “appartengono alla razza umana e non vi appartengono, ospiti di passaggio, in una visita che dura da migliaia di anni”.

9788870912241Gli uccellidi Tarjei Vesaas – Iperborea – 2017€ 17.00

La vita vista attraverso gli occhi di un “Idiota”, di un “povero di spirito” che nelle fiabe popolari da cui sembra uscito sarebbe chiamato “lo scemo del villaggio”. E come nelle fiabe Mattis vive con la sorella Hege in una casetta ai margini del bosco, alle prese però con reali e vani tentativi di rendersi utile, di lavorare come gli altri, di integrarsi in una società che, pur circondandolo di un’affettuosa benevolenza contadina, non può fare a meno di ridere di lui. Ma è solo nel mondo della logica, delle convenzioni, della razionalità, che esiste la stupidità di Mattis, capace invece di sentire con immediatezza ciò che sfugge alla comprensione altrui, dal fluttuare della nebbia al battito di un’ala, alle pause e i silenzi che rivelano l’inconsapevole o l’inespresso nei rapporti umani. Perché come in tutti i marginali e i visionari di Vesaas, altro è il suo modo di intendere il mondo, e il suo sguardo di sognatore smarrito gli fa vedere attraverso una lente d’ingrandimento quello che non vedono “i forti e gli intelligenti”. Gesti impercettibili, incontri, le impronte di una beccaccia, l’invisibile scia luminosa lasciata da un volo d’uccelli sono messaggi cifrati in cui legge presagi di gioia o di dolore. E se così profonda è in lui la felicità di un attimo di contemplazione, Mattis è proprio per questo condannato a soffrire, della sofferenza altrui e della propria solitudine, e, come la sua beccaccia, a rimanere vittima dell’implicita violenza della vita.

9788867024124

La casa sull’isola
di Catherine Banner – TRE60 – 2017 € 16.80

1914, Isola di Castellamare, Sicilia. In una notte d’inverno, due bambini nascono in due case distanti solo qualche centinaio di metri. Il primo è figlio di Amedeo, il medico condotto dell’isola, e di sua moglie Pina. Anche il secondo è figlio di Amedeo, ma la madre è la sua amante, Carmela, moglie del sindaco di Castellamare. Silenzioso e letale, lo scandalo si propaga nell’isola e distrugge la reputazione di Amedeo, che si ritrova così a gestire un bar-pasticceria collocato all’interno di una vecchia casa, la cui terrazza diventa per lui – e per gli abitanti di Castellammare – un luogo da cui osservare e commentare un mondo che cambia vorticosamente: la tragedia di due guerre mondiali, lo slancio della ricostruzione, le tensioni sociali e politiche degli anni ’70, la sfacciata abbondanza degli anni ’80 e le luci e le ombre del nuovo millennio. E, sebbene sull’isola tutto sembri immutabile, i figli e i nipoti di Amedeo non soltanto vivranno tutti questi cambiamenti, ma v’intrecceranno anche le loro storie di amicizia e d’amore, di morte e di speranza.

88116718099788811671800-14-300x455Come essere stoici. Riscoprire la spiritualità degli antichi per vivere una vita moderna
di Massimo Pigliucci – Garzanti Libri – 2017 € 16.90

Ogni qualvolta ci chiediamo cosa mangiare, in che modo amare, o semplicemente come fare a essere felici, ci stiamo in realtà domandando come condurre nel migliore dei modi la nostra vita. Dove trovare delle risposte valide? In “Come essere stoici”, il filosofo Massimo Pigliucci propone di trarre ispirazione dall’antica filosofia che guidava Seneca e il grande imperatore Marco Aurelio: lo stoicismo. Dopo averlo compreso, potremo finalmente rispondere a tante domande che ci assillano quotidianamente. Dobbiamo sposarci o divorziare? Come possiamo risparmiare in un mondo quasi distrutto dalla crisi finanziaria? In che modo sopravvivere a una grande tragedia personale? Impareremo così ad agire sulla base di ciò che è realmente sotto il nostro controllo, e di separare ciò per cui vale davvero la pena preoccuparsi da tutto il resto.

9788893810937

Il valzer degli alberi e del cielo. L’ultimo amore di Van Gogh di Jean-Michel Guenassia – Salani – 2017 € 16.90

Francia, estate 1890. Marguerite Gachet è la figlia diciannovenne del dottor Gachet, un medico che sta curando e ospitando Vincent Van Gogh. Tra i due nascerà un amore travolgente come tutti gli amori che vanno contro le regole. Una relazione con un artista squattrinato non è infatti quello che il padre aveva previsto per la figlia e non tarderà a opporvisi con spietata durezza. Gli ultimi giorni di Van Gogh immaginati sotto una nuova luce, la stessa che inondava i suoi quadri e bruciava nel suo animo tormentato. E se Vincent non si fosse suicidato?
9788823518124Il sovrano delle ombre
di Javier Cercas – Guanda – 2017 € 18.00A Ibahernado, una cittadina della Spagna in piena guerra civile, una bambina assiste affascinata alle imprese del suo giovane zio, ammirato da sempre, che aderisce alla causa franchista e diventa un eroe per i suoi famigliari. Guidato dai suoi ideali e dalle convinzioni ereditate, il ragazzo, Manuel Mena, affronta con l’incoscienza della sua giovane età i combattimenti più sanguinosi e finisce per perdere la vita nel 1938, a soli diciannove anni. Molti anni dopo la bambina diventata donna racconterà al figlio il destino di quel ragazzo che aveva combattuto per una causa ingiusta ed era morto dal lato sbagliato della storia. E nel farlo aprirà una porta su un passato difficile con cui fare i conti. Un passato che, con forza rinnovata, torna a scuotere il presente di una famiglia e di un Paese intero.9788867001590Gli eredi di Wulf Dorn – Corbaccio – 2017 € 17.60Robert Winter è uno psicologo. Interpellato per una consulenza da un detective che segue un’indagine, si trova di fronte al suo caso più difficile. La paziente è una donna traumatizzata, unica sopravvissuta a un evento misterioso avvenuto in un paesino di montagna. Ma si tratta veramente di una testimone o la verità è molto diversa? Perché nel bagagliaio della sua macchina la polizia ha fatto una scoperta terribile. La donna sembra impazzita, la storia che racconta sembra uscita dai peggiori incubi di uno psicopatico. Tocca a Robert scoprire la verità. Una verità difficile da immaginare…

9788811673064

Un disastro perfetto
di Jamie McGuire – Garzanti Libri – 2017 € 16.90

Quando ci si innamora di un Maddox è per sempre. E’ quello che accade a Ellie, protagonista di “Un disastro perfetto” di Jamie McGuire, della saga in cui tutto ebbe origine da Travis Maddox. Qui troviamo Tyler, ragazzo irruento e donnaiolo, sicuramente non il tipo giusto di cui innamorarsi, ma quando Ellie lo vede per la prima volta si innamora dei suoi occhi profondi e del suo sguardo magnetico. E nulla ha più importanza, neppure tutte le voci amiche che le dicono di non farlo, di non farsi trascinare in questa storia. Ma Tyler dimostra di capirla davvero e di saperla amare come nessuno è mai riuscito a fare. Come resistere ad un Maddox? E’ praticamente impossibile. Le difese di Ellie cadono una dopo l’altra. Ma avrà fatto bene a fidarsi del caldo abbraccio di questo ragazzo stupendo? Un disastro perfetto è un nuovo successo clamoroso che ha infranto i cuori di migliaia di giovani lettrici e non e il fenomeno letterario creato dalla McGuire è mondiale e si può comprendere solo quando arriva l’ultima pagina e se ne vorrebbe ancora e ancora. Qui troviamo nuovamente il mito romantico del bad boy che si innamora della ragazza della porta accanto, proprio quella che mai avrebbe pensato di essere notata. In “Un disastro perfetto”, Ellie sa di correre un rischio, ma il desiderio di buttarsi tra le braccia di Tyler Maddox è irresistibile.
9788804676034Indagine non autorizzata
di Carlo Lucarelli – Mondadori – 2017 € 12.00Sulla spiaggia, nei pressi di una villa, viene trovato il cadavere di una prostituta assassinata. Un caso di routine? No, perché in quella villa c’è Lui, Benito Mussolini, che nuota, gioca a tennis, riposa… Non si può turbare la serenità delle sue vacanze: il colpevole va trovato, e subito. Così avviene e i poliziotti della Questura di Rimini, in «perfetto stile fascista», arrestano il presunto colpevole, un piccolo delinquente già noto. Caso chiuso in fretta… forse troppa. È quello che pensa l’ispettore Marino. Che, nell’Italia che ignora la cronaca nera, nel Paese dove «gli ordini sono ordini», inizia una sua personale indagine. Ovviamente non autorizzata…
9788806221775Il porcospino
di Julian Barnes – Einaudi – 2017 € 13.00

Il Procedimento Penale Numero 1 ha inizio il1o gennaio davanti alla Corte suprema. L’ex Presidente di un innominato paese dell’Europa dell’Est arriva sotto scorta militare: una figura bassa, tarchiata, con indosso un impermeabile abbottonato e i suoi soliti occhiali spessi, con le lenti leggermente colorate. Scende dalla Cajka, si leva il cappello e mette in mostra ancora una volta una testa che la nazione non stenta a riconoscere, per via dei numerosi francobolli che l’hanno raffigurato. E Stoyo Petkanov, Presidente destituito e intransigente veterano del partito lealista, finalmente chiamato a rispondere dei propri reati. In aula deve scontrarsi con il Pubblico Ministero Peter Solinsky, figlio di un intellettuale del Partito e vittima del regime. In un paese abituato a nascondere e tacere, la diretta televisiva è una delle tante trovate della pubblica accusa. La popolazione vorrebbe vederlo inchiodato per reati gravissimi – omicidio di massa, tortura, rovina della nazione – ma finirà per essere condannato per reati minori e solo grazie a un sotterfugio. Ispirandosi al modello del romanzo politico, Julian Barnes offre un crudele affresco della transizione che l’Europa dell’Est intraprende con l’emergere di un ordine democratico, ma le differenze tra buona e cattiva ideologia, tra comunismo sovietico e capitalismo occidentale rimangono volutamente sfocate e sul palcoscenico della vicenda si manifesta il rovescio di un presunto mondo nuovo. Solinsky percorre un cammino destinato a condurlo a consapevolezze scomode sul sistema, sulla speranza democratica e, in ultima analisi, su di sé. D’altro canto le parole con le quali il deposto dittatore sfida «il lato banale della virtù» sono acute, taglienti e capaci di rivelare confini fumosi tra il mito stanco del passato e l’illusione fragile del domani, arando solchi di verità moleste anche nei semplici testimoni della Storia.

9788806232207

Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili di Salvatore Settis – Einaudi – 2017 € 12.00

Dove corre il confine fra «paesaggio» e «città»? E come giudicare o indirizzare gli interventi sull’uno e sull’altra, o la continua crescita delle periferie? Devono prevalere i valori estetici (un paesaggio da guardare) o quelli etici (un paesaggio da vivere)? L’architetto è il mero esecutore dei voleri del committente, anche quando vadano contro l’interesse della collettività, o deve mostrarsi attento al bene comune? Sfidare i confini difficili fra città e paesaggio, decostruire i feticci di un neomodernismo conformista (il grattacielo e la megalopoli) e le sue conseguenze (i nuovi ghetti urbani) vuol dire tentare il recupero della dimensione sociale e comunitaria dell’architettura. In un paesaggio inteso come teatro della democrazia, l’impegno etico dell’architetto può contribuire al pieno esercizio dei diritti civili. Diritto alla città, diritto alla natura, diritto alla cultura meritano questa scommessa sul nostro futuro.

9788820061852

Tutti i nostri oggi sbagliati di Elan Mastai – Sperling & Kupfer – 2017 € 18.90

“Tutti i nostri giorni sbagliati” di Elan Mastai è uno romanzo sliding doors eccezionale. Tom, il protagonista, è un trentenne senza una chiara direzione nella vita e innamorato non corrisposto. Ha un padre, illustre scienziato, profondamente deluso dalla sua inettitudine. Questo nel suo 2016. Un mondo dove inquinamento, degrado, povertà non esistono e dove si fanno le ferie sulla Luna. Una realtà in cui lui sembra un pesce fuor d’acqua. Decide, allora, di fare un salto nel passato per trovare una soluzione e magari sistemare un po’ delle cose storte della sua vita. Nel farlo combina un guaio. Il suo non è un errore individuale ma mondiale. Si crea un nuovo 2016 e una Terra diversa. Polveri sottili, guerre e caos politico imperano. Insomma il “nostro” 2016. Eppure qui Tom ha un lavoro solido, un’anima gemella e obiettivi raggiunti con successo. Qual è per lui il 2016 giusto in cui vivere? Elan Mastai problematizza, quasi stravolge, la classica letteratura sui mondi ideali e utopici. “Tutti i nostri oggi sbagliati” è un racconto sulle scelte e sulle mille sfumature che una vita può avere.