Novità

9788898630240Scritti sul canto di Elio Battaglia – Analogon – € 20.00

Elio Battaglia (Palermo 1933) si formò alle scuole di Iris Adami Corradetti e di Erik Werba, diplomato in canto al Conservatorio di Venezia e laureato in Lied alla Hochschüle di Vienna; si dedicò al concertismo da camera e sinfonico, ma soprattutto alla didattica del canto, incentrando la sua attività sul repertorio liederistico, con incisioni in disco, concerti, masterclass, corsi in tutto il mondo. Fu tra i primi interpreti italiani dei capolavori schönberghiani «A survivor from Warsaw» e «Ode to Napoleone». Insegnò canto per 30 anni al Conservatorio di Torino. Nel 1973 fondò e diresse per 35 anni la Scuola Hugo Wolf per cantanti e pianisti, «quella scuola di canto che ha trasformato il Conservatorio di Torino in una succursale di quello di Vienna» (M. Mila). Nel 1987 lo Stato austriaco gli conferì la Medaglia Hugo Wolf. Curò l’edizione didattica del metodo di Canto del Vaccaj, un’Antologia del Lied, la revisione delle Canzoni di Bellini, L’arte del vocalizzo, e divulgò l’arte della Callas, di Fischer-Dieskau e di Gedda con trasmissioni radio in tutto il mondo. In questo volume Dario Miozzi ha raccolto molti dei saggi, taluni inediti, che Battaglia scrisse tra gli anni ’70 e ’90.

9788898630233

La bella Magelone. Con scritti sul ciclo op.33 di Brahms di Max Kalbeck, Max Friedländer, Eric Sams, Dietrich Fischer-Dieskau, Graham Johnson 
di Ludwig Tieck – Analogon – € 18.00

In questo piccolo volume vengono presentati la prima traduzione italiana della «Novelle» di Ludwig Tieck «Liebesgeschichte der schönen Magelone und des Grafen Peter von Provence» (1797) e il commento storico, estetico e musicologico ai Lieder che Johannes Brahms compose sulle poesie inserite nei singoli capitoli di quel racconto (Die schöne Magelone op. 33). Complessivamente, tra la prima fonte a stampa della vicenda narrata (Pierre de Provence et la Belle Maguelonne, 1440 ca.) e il ciclo di Lieder (1862-69) passano circa 400 anni. La letteratura secondaria sul capolavoro di Brahms qui tradotta copre altri cento anni abbondanti (dal 1904 al 2014) ed è rappresentata al meglio dai massimi cultori della vita del compositore e dell’arte del Lied: Max Kalbeck, Max Friedländer, Eric Sams, Dietrich Fischer-Dieskau, Graham Johnson.

9788898630295

Antisemitismo. Un’intervista internazionale (1893) 
di Hermann Bahr – Analogon –  € 16.00

«Non confuterò l’antisemitismo, cosa che è stata fatta mille volte ed è sempre vana. Chiedo semplicemente con quali sentimenti le persone istruite delle diverse nazioni si pongano nei confronti di questo spettro che si aggira tra i popoli, e che risposte ne traggano. Forse in futuro questo risulterà un curioso documento sulla condizione dello spirito umano nel 1893». E lo è, oltre 120 anni dopo, soprattutto alla luce o all’ombra di ciò che è successo nel secolo scorso e di ciò che minaccia sempre di succedere ancora, si chiami antisemitismo o intolleranza verso l’altro. Nell’articolo in prefazione Ezio Mauro traccia il senso di questo incombente eterno ritorno e ricostruisce in una bruciante analisi dell’esistente le fasi dei fatali esiti di ogni movimento irrazionale fondato sulla paura e sull’annullamento dell’umanità altrui: «esiste una scala nell’antisemitismo che è specifica ma rimanda un’eco per tutti i razzismi e le xenofobie: stigmatizzazione, conversione forzata, discriminazione, segregazione, espulsione, aggressione, sterminio». Bahr intervista politici, accademici, scrittori, artisti per chiarire le origini politiche, storiche, psicologiche dell’antisemitismo.
quignard_mattine_cop_sito
Tutte le mattine del mondo di Pascal Quignard, Analogon €18

Pubblicato per la prima volta nel 1991 e da molto tempo introvabile in traduzione italiana, il capolavoro di Pascal Quignard torna oggi alla luce. La sua fama si è consolidata grazie al celebre omonimo film diretto nello stesso anno da Alain Corneau, interpretato da Gérard Depardieu e con la colonna sonora eseguita da Jordi Savall. Libro, film, musica, conoscono da allora un successo senza precedenti. La storia ruota intorno a un oscuro compositore e suonatore di viola da gamba nella Francia del Re Sole, Monsieur de Sainte Colombe, le cui vicende scorrono qui in pagine indimenticabili e diventano meditazione sull’amore, sul legame tra i vivi e i morti, sulla musica e il suo potere di evocare le ombre. Rimasto vedovo, con due bimbe in tenera età, Sainte Colombe trova conforto al suo immenso dolore dedicandosi interamente alla musica e allo strumento al quale inizia le figlie, e che perfeziona con l’aggiunta di una settima corda. La famigliola costituisce uno straordinario trio di virtuosi, la cui fama leggendaria giunge all’orecchio del re che vuole il musicista a corte. Ma Sainte Colombe sdegnosamente rifiuta. Ossessionato dal ricordo della moglie, è immerso sempre più nella solitudine e nel silenzio. Una solitudine tuttavia popolata di presenze impalpabili, in un mondo tutto suo dove, sull’onda delle note e grazie a esse, riesce a stabilire un dialogo e un contatto quasi tangibile con l’adorata consorte. Le composizioni che nascono nella segretezza del suo ritiro rivelano la ricchezza spirituale, la complessità e la fantasia di un’anima delicata, nascosta in un corpo goffo e sgradevole. Un giorno, nella vita della famiglia compare un giovane, Marin Marais, allontanato dalla scuola musicale del re perché l’età dello sviluppo lo ha privato della voce bianca. Le esistenze del maestro e dell’allievo s’incrociano per poi allontanarsi in direzioni sempre più divergenti, in un confronto che rivela a entrambi il senso del proprio essere e il significato profondo della musica.

9788898630332

Trionfo del tempo-La voce perduta
di Pascal Quignard – Analogon – 2017 € 15.00

Con i quattro racconti riuniti sotto il titolo «Trionfo del tempo», scritti nel 2006, Quignard inaugura un nuovo genere narrativo: un racconto-cornice, che racchiude tre racconti interni come «una sonata di racconti», inizia con un ricordo d’infanzia doloroso, termina con un Lied di Schubert, quasi una ninna nanna dove riecheggiano le canzoni che la giovane balia tedesca gli cantava da piccolo per addormentarlo. In mezzo, la storia di un uomo che deve vagare a lungo prima di saper amare; l’incontro di Racine bambino con l’ombra di Virgilio; l’arrivo di un mendicante che viene dal mondo dei morti. Da una storia all’altra il lettore, portato in un altro mondo e in un altro tempo, non può che abbandonarsi al movimento visionario della scrittura. È il tempo del sogno che trionfa: tempo dei fantasmi, dell’eterno ritorno, della sopravvivenza, della ripetizione di un tema nelle sue infinite variazioni. Segue il racconto «La voce perduta», scritto 15 anni prima, dove l’ossessione di Quignard per il tempo fuori del tempo, per il mondo d’oscurità, d’acqua, di suoni da cui veniamo e di un impossibile ritorno, trova espressione delicata e potente grazie alla forma del racconto fantastico.

9788898630080

Bute 
di Pascal Quignard – Analogon – € 15.00

Con “Bute”, Pascal Quignard, torna in Italia dopo un silenzio di quasi 15 anni. Rende omaggio a una figura marginale le cui tracce si riassumono in una manciata di versi delle “Argonautiche”, scritte da Apollonio Rodio ad Alessandria nel III sec. a. C. Bute è l’argonauta che volle ascoltare il canto delle sirene e si gettò nell’acqua. Solo tra tutti, Bute rispose all’appello del canto originario e si tuffò verso l’ignoto. Su questo personaggio oscuro che la storia ha dimenticato, Quignard si china con gesto amoroso per farne l’incarnazione del desiderio di avvicinarsi al fondo abissale della vita e della natura umana. Dal mito, attraverso immagini e riferimenti letterari e frammenti di eredità greca e latina, tesse la sua meditazione sulla musica: essa si spinge verso quel luogo estremo al-di-là del linguaggio, punto d’origine tra la vita e la morte, dove giace l’inarticolato, il grido dell’infans, la notte da cui siamo scaturiti, e ne conserva le tracce. E chiama colui che, come Bute, acconsente ad ascoltare.

9788898630134

Sull’idea di una comunità di solitari 
di Pascal Quignard – Analogon – € 13.00

“La particolarità di Port-Royal è per me l’invenzione appassionante – anche se difficilmente concepibile per lo spirito – di una comunità di solitari.” (P. Q)] Vallata della Chevreuse, a pochi chilometri da Parigi: del monastero femminile più celebre e discusso del ‘600 restano solo rovine. Fondato nel 1204, Port-Royal divenne un vivace centro di spiritualità e di cultura, polo d’attrazione per intellettuali laici in fuga dal mondo: i “solitari”. Dal 1660 il monastero fu oggetto di continui oltraggi da parte della Chiesa e della monarchia. Tra il 1710 e il 1713 Port-Royal fu raso al suolo su decreto del Re Sole con l’approvazione del papa. Intorno a queste vicende Quignard compone un libro di straordinaria intensità. Sono le ombre dei solitari di Port-Royal a popolare queste pagine, e le ombre di altri suoi libri: Meaume l’incisore, Georges de La Tour il pittore, Sainte Colombe il violista. E Purcell, Froberger, Abelardo, Rameau. La scrittura si conferma qui arte della solitudine, paradossale linguaggio del silenzio, come paradossale è l’idea di una comunità dei solitari. La musica onnipresente canta silenziosa dietro le parole, rende più lieve la malinconia e addolcisce le rovine.

 9788832822373Dalla parte sbagliata. La morte di Paolo Borsellino e i depistaggi di Via D’Amelio di Rosalba Di Gregorio, Dina Lauricella – Castelvecchi – 2018 € 16.50

Il 19 luglio 1992 moriva, assieme a cinque agenti della sua scorta, Paolo Borsellino. A 22 anni dalla strage di via D’Amelio la verità è ancora lontana. Depistaggi, pentiti taroccati, investigatori infedeli, servizi segreti hanno inquinato la scena del delitto e, negli anni, i vari processi che si sono susseguiti. Clamoroso errore giudiziario o vile depistaggio che sia, la storia è da riscrivere e in questo libro di Rosalba Di Gregorio e Dina Lauricella si sceglie di farlo osservando i fatti “dalla parte sbagliata”. Con questo libro Dina Lauricella riavvolge il nastro per aiutare non solo a dare un volto a chi ha ucciso il magistrato, ma anche, e soprattutto, scoprire chi ha dato l’ordine e perché. «Stare dalla parte giusta significa riconoscere gli errori, cercare umilmente la verità e volerla con coraggio. Significa rinunciare anche a false e più comode ricostruzioni della storia edificate ad arte che alludono a effimeri successi e allontanano dalla verità, rendendone più arduo e faticoso il raggiungimento. Potrò non vederla la verità ma ne pretendo la ricerca, per dare un senso alla vita di chi è morto per questo» (Lucia Borsellino). Prefazioni di Peter Gomez e Nico Gozzo.

9788869934827

Discorso sulla natura degli animali di Georges-Louis Buffon de Leclerc – Elliot – 2018 € 12.50

Il “Discorso sulla natura degli animali”, quarto volume della “Storia naturale” di Buffon, apparve nel settembre del 1753, suscitando grande clamore e divenendo all’istante modello imprescindibile dell’arte di pensare e scrivere in modo scientifico. Anche i detrattori dell’autore, gli stessi che nel 1749 erano rimasti scioccati dall’audacia di “Teoria della terra e dai paradossi” di “Storia dell’uomo”, dovettero inchinarsi di fronte a questo genio del discorso scientifico e a quest’opera caposaldo dell’illuminismo, capace di influenzare le successive generazioni di naturalisti, compresi gli evoluzionisti Jean-Baptiste Lamarck e Charles Darwin.

9788831729505

Venezia. Cinema teatro Italia
di Francesco Torsello – Marsilio – 2018 € 23.00

Il Cinema Teatro Italia a Venezia ha interpretato molti ruoli nella sua lunga vita. Da agglomerato di abitazioni, a tipografia rinomata, a cinema di sestiere, per poi essere abbandonato per decenni fino a risorgere nella sua interpretazione più recente, quella di ipermercato. Le trasformazioni subite in quest’ultima fase della vita dell’edificio, particolarmente amato dai veneziani, vengono raccontate con perizia di dettagli e profonda passione dagli “attori principali” coinvolti in un’incredibile operazione di restauro.

9788822714190

Dieci cose da sapere sull’economia italiana prima che sia troppo tardi
di Alan Friedman – Newton Compton – 2018 € 10.00

Un libro che affronta i temi più vicini ai cittadini di oggi. Scritto con un linguaggio comprensibile e organizzato per argomenti come le pensioni, i risparmi, le banche, ma anche la questione del debito pubblico e l’euro, un libro per tutti coloro che non vogliono essere più strumentalizzati dagli imbonitori della politica. Numeri, cifre e statistiche reali per rispondere con la verità dei fatti a chi promette facili soluzioni, per controbattere ai politici che lanciano proclami su questioni come il futuro del paese, la crescita e il lavoro. Il reddito di cittadinanza potrebbe essere una soluzione? I vouchers sono buoni o cattivi? Il salvataggio delle banche: chi lo paga? Il debito pubblico è gestibile o ci porterà al collasso? Capire come funziona l’economia è fondamentale se non vogliamo essere dei cittadini manipolabili, incapaci di comprendere i meccanismi che regolano i rapporti tra noi e lo Stato e prendere le giuste decisioni per la nostra famiglia e per il nostro futuro.

9788823517578

Chiamami col tuo nome 
di André Aciman – Guanda – € 17.00

Vent’anni fa, un’estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno “l’ospite dell’estate, l’ennesima scocciatura”: uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all’estasi. “Chiamami col tuo nome” è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che “questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta”.

download

La provocazione
di Ismail Kadaré – La nave di Teseo – 2018 € 7.00

Due postazioni. Una linea di confine. Una guerra. Un inverno gelido. La neve, caduta in abbondanza, taglia i collegamenti. Sui due fronti i soldati sono costretti a vigilare gli uni gli altri. Non solo. I due fronti sono costretti a dialogare, a varcare uno il confine dell’altro. Ma forse non è una necessità, forse è un inganno. Forse è una provocazione. Un caporale – al comando a causa della assenza dei superiori, quando il bianco della neve sfuma i confini tra le cose – si trova di fronte a scelte che decideranno il suo destino e quello dei suoi compagni. Un racconto fulminante sulla guerra, la nostalgia, il desiderio, la potenza silenziosa della natura.

9788857237862

Il canale dei cuori 
di Giuseppe Sgarbi – Skira – 2018 € 15.00

Dopo tre titoli coronati da un importante successo di pubblico e di critica, Giuseppe “Nino” Sgarbi – classe 1921 – ritorna: nella primavera del 2017 lo ritroviamo sulle sponde di quel Livenza dove, per tanti anni, è andato a pescare e dove a poco a poco il passato riemerge riportando storie, persone ed emozioni. Accanto al vecchio signore prende vita il ricordo del fratello della moglie Rina, Bruno Cavallini, con cui Nino riallaccia il dialogo che si era dovuto interrompere, improvvisamente, più di trent’anni prima, come se il loro ragionare non si fosse mai fermato. Un dialogo intimo, intenso, fatto di ricordi e bilanci di una vita lunga quasi un secolo, in pagine che scorrono limpide, fresche e vivificanti come le acque del fiume tanto caro all’autore, regalando squarci inediti e sorprendenti di una vita che non c’è più, così come pochissimi l’hanno vissuta. E quasi nessuno l’ha mai raccontata.

9788817098144

L’ uomo di gesso
di C. J. Tudor – Rizzoli – 2018 € 20.00

“L’uomo di gesso” di C.J. Tudor è un inquietante noir con qualche macchia di horror che lascerà il lettore senza fiato. Il giovane Ed ha solo dodici anni e tutta una vita davanti quando incontra una strana figura assolutamente umana, ma che sembra avere i contorni dell’irreale e che è pronto a terrorizzare lui e tutto il suo gruppo di amici. Ma chi è l’uomo di gesso? E perché ce l’ha tanto con loro? Forse tutto è legato a quel terribile incidente alle giostre che ha segnato la vita del piccolo gruppo di amici. All’inizio l’uomo di gesso sembrava divertente e per Ed era la novità e la freschezza, poi però qualcosa di terribile e inconfessabile è accaduto e una ragazzina è stata trovata morta. Trent’anni dopo quei fatti sembrano conclusi anche se il responsabile dell’omicidio non è mai stato trovato. Ed però conduce una vita tranquilla in cui il passato è stato lasciato alle spalle fino al giorno in cui non trova una lettera indirizzata proprio a lui in cui l’uomo di gesso lascia un inequivocabile messaggio: è tornato. Ed deve allora ricontattare tutti i suoi vecchi amici dell’infanzia per metterli in guardia. Insieme dovranno capire cosa è accaduto tanti anni prima e chi è in realtà questa figura inquietante e terribile capace di uccidere senza pietà. L’incidente alle giostre va quindi ricollegato al ritrovamento del cadavere della ragazzina. Bisogna solo capire come e perché. Forse l’uomo di gesso è molto più vicino a loro di quanto possano immaginare.

9788806233693

Detti memorabili. Di re e generali, di spartani, di spartane di Plutarco – Einaudi – 2018 € 28.00

“Oltre che per la traduzione, l’edizione si caratterizza per un commento molto originale che mette a confronto le versioni e il riuso di questi Detti da parte di altri scrittori successivi, primo fra tutti Erasmo, altra passione ripetutamente coltivata nel tempo da Carena. Il commento fa vedere come l’originale di Plutarco venga ripreso, ampliato, modificato, adattato ai tempi secondo gli autori e le epoche, attraversando tutta la cultura umanistica fino all’età moderna. Le tre raccolte degli Apoftegmi di re e generali, di spartani, di spartane si annidarono nel vasto cumulo delle Opere morali di Plutarco, accompagnate dalle Istituzioni spartane e dalle Virtú delle donne, come schegge dei monumenti delle Vite parallele. Nelle Vite, spiega l’autore dedicandoli all’imperatore Traiano, le sentenze di quei grandi si trovano frammiste alle loro azioni, per cui il rintracciarle e isolarle richiede grande disponibilità di tempo e grande devozione alla lettura. Mentre quelle parole sono proficue alla conoscenza del carattere e del comportamento dei potenti; scaturite dal vivo delle loro gesta, vi si riflettono e vi si può conoscere limpidamente quali fossero i loro pensieri. Raccoglierle è come raccogliere da un campo ‘i semi della vita’. (…) Si viene così componendo in quell’intreccio un manuale di buoni costumi e buona condotta, di ideali e di norme, naturalmente secondo l’etica di quegli anni e del compilatore. Questi antichi hanno tutti, o quasi, la statura dei protagonisti delle Vite parallele; e il compilatore è, e non potrebbe essere altrimenti, un elevato platonico di formazione, istruito dall’esperienza della vita e della storia a concedere qualcosa agli stoici e nulla agli epicurei, avvantaggiato dalla sua modestia e da quell’intuito di letterato che lo fa autore di opere tra le più affascinanti” (dalla prefazione di Carlo Carena).

9788806237998

Bella mia di Donatella Di Pietrantonio – Einaudi – 2018 € 12.00

La storia di una donna che si ritrova a improvvisarsi madre, nonostante quell’idea di sé fosse stata abbandonata da tempo, con un adolescente taciturno e scontroso. E ciò che succede alla protagonista e io narrante di questo romanzo, quando la sorella gemella, che sembrava predestinata alla fortuna, rimane vittima del terremoto de L’Aquila. Il figlio Marco viene affidato in un primo tempo al padre, che però non sa come occuparsene. Prendersi cura del ragazzo spetta dunque a lei e alla madre anziana, trasferite nelle C.A.S.E. provvisorie del dopo-sisma. Da allora il tempo trascorre in un lento e tortuoso processo di adattamento reciproco, durante il quale ognuno deve affrontare il trauma del presente, facendo i conti con il passato. Ed è proprio nella nostalgia dei ricordi, nei piccoli gesti gentili o nelle attenzioni di un uomo speciale, che può nascondersi l’occasione di una possibile rinascita.
La lingua arcana, spigolosa ma delicata di Donatella di Pietrantonio, capace di governare storie brucianti con una voce e uno sguardo diverso, con “Bella mia” cerca di rispondere a una domanda complessa: come si possono ricomporre i cocci di una vita quando la terra trema e rimescola luoghi, prospettive, relazioni? È ciò che succede a Caterina, la protagonista di questa storia di intensità e dolore implacabili, quando Olivia, la sorella gemella che sembrava predestinata alla fortuna, rimane vittima del terremoto dell’Aquila, nella lunga notte del 6 aprile 2009, lasciando il figlio Marco semiorfano. Il padre, musicista di fama, vive a Roma e non sa come occuparsene, perciò tocca a Caterina e alla madre anziana prendersi cura del ragazzo, mentre cercano di dare forma a un lutto schiacciante. Caterina si ritrova alle prese con un adolescente taciturno e scontroso che è quasi uno sconosciuto, dovendo improvvisarsi madre quando quell’idea di sé l’aveva già abbandonata da tempo. Ed è in questo adattamento reciproco, nella nostalgia dei ricordi, nei piccoli gesti gentili o nelle attenzioni di un uomo speciale che può nascondersi l’occasione di una possibile rinascita. “Bella mia”, titolo ispirato a una canzone abruzzese dedicata alla città dell’Aquila, è un romanzo che parla con straordinaria forza poetica dell’amore e di ciò che proviamo nel perderlo. Ma soprattutto della speranza e della ricostruzione: la ricostruzione di una città squassata dal sisma e la ricostruzione ancora piú faticosa della fiducia nella vita.

9788804686118

Sono sempre io
di Jojo Moyes – Mondadori – 2018 € 19.00

Dopo il successo mondiale di “Io prima di te” arriva in libreria “Sono sempre io”, terzo capitolo con protagonista Louisa Clark, i suoi amori e la sua frenetica vita lavorativa, creato dalla penna geniale di Jojo Moyes. Louisa Clark arriva a New York pronta a iniziare una nuova vita, sicura di poter affrontare questa avventura e mantenere la sua relazione con Sam nonostante la distanza. Lou è stata gettata nel mondo dei ricchissimi Gopniks: Leonard e la sua seconda moglie più giovane, Agnes, e un personale domestico infinito. La ragazza è determinata a sfruttare al meglio l’esperienza e si lancia sul lavoro e sulla nuova vita a New York. Ma nell’alta società della Grande Mela, Lou conosce Joshua Ryan, un uomo che porta con sé qualcosa del suo passato. Lou si ritrova a custodire segreti, anche non suoi, che potrebbero causare cambiamenti catastrofici. E arrivando a un certo punto, Louisa dovrà chiedersi chi è realmente e come può conciliare un cuore che vive in due posti. Divisa tra Sam e questo nuovo affascinante uomo dal passato e dal presente misterioso, la protagonista di “Sono sempre io” dovrà scoprire cosa vuole davvero e l’unico modo per riuscirci è scavare nel suo cuore, in quello che è diventata e che non è più. Dopo “Io prima di te” e “Dopo di te”, Jojo Moyes regala ai suoi lettori una storia meravigliosa e coinvolgente, caratterizzata da personaggi autentici e indimenticabili a cui è impossibile non affezionarsi e da una voce sincera ed empatica.

9788806236663

Il diavolo nel cassetto
di Paolo Maurensig – Einaudi – 2018 € 13.50

Quando la pace dei boschi è percorsa da un fremito improvviso di rabbia silvestre, e di notte le volpi sembrano mettere sotto assedio il villaggio, forse bisognerebbe credere a una premonizione. In quel villaggio svizzero che vive da sempre in armonia, tutti e mille gli abitanti si sentono scrittori. Ma l’uomo che sta arrivando è il diavolo in persona. Le sue sembianze, neanche a dirlo, sono quelle di un editore. «Tutte le volte che si prende una penna in mano ci si accinge a officiare un rito per il quale andrebbero accese sempre due candele: una bianca e una nera». La letteratura è un affare molto serio per questo borgo svizzero stretto in una vallata quasi soffocata dalle montagne: si narra che Goethe di ritorno dall’Italia vi trascorse una notte per via di un guasto alla carrozza su cui stava viaggiando. Addirittura tre locande, a lui intitolate, si contendono il vanto di averlo ospitato. Inoltre, dal prete anzianissimo che redige le sue memorie alla ragazzina un po’ sciocca autrice di filastrocche, passando per il borgomastro, tutti gli abitanti del paese si sentono scrittori e ambiscono a essere pubblicati. Spediscono romanzi per posta e per posta ricevono i rifiuti dagli editori. C’è poco da scommettere, quindi, sul talento di queste mille anime. Finché il diavolo fa il suo solenne ingresso in scena: «tutto nella sua persona pecca di eccesso, il suo riso è sgangherato, il gesto è teatrale, e la voce, la voce poi, dove sembra essere custodito il segreto del suo fascino, è rotonda, impostata, senza asperità, senza picchi, ma cela un sottofondo di sospiri e lamenti». Si professa grande editore e dice di voler aprire proprio lì una filiale della sua prestigiosa casa editrice. Chi non è disposto a un patto col diavolo pur di veder pubblicato il proprio romanzo? L’unico che sembra in grado di capire la pericolosità della situazione è padre Cornelius, mandato dalla diocesi in aiuto del vecchio parroco. Ma forse nasconde anche lui qualche ombra. Paolo Maurensig ci consegna un apologo letterario raffinatissimo e coinvolgente sul narcisismo e la vanagloria, ma anche sulla nostra sete inestinguibile di storie.

9788817098557

Lettere a un racconto
di Alda Merini – BUR Biblioteca Univ. Rizzoli – 2018 € 11.00

Un testo biografico involontario, uno spazio aperto da cui poter intravedere l’anima della più grande poetessa italiana. Alda Merini ci ha lasciato in questo libro lettere e prose di una delicatezza unica, inviate a destinatari reali o inventati, ad amici o a fantasmi, in cui la scrittrice sembra quasi sempre rivolgersi al suo cuore, alla sua mente. E ci racconta, come in un diario dei sentimenti, l’eccezionalità quieta della sua quotidianità, l’amore viscerale per la scrittura, il cammino percorso tra le esplosioni di un confitto costante e creativo tra ragione e follia. Un libro prezioso e intimo che restituisce il ritratto di una delle artiste più importanti del Ventesimo secolo.

9788817098908

La democrazia non esiste. Critica matematica della ragione politica di Piergiorgio Odifreddi – Rizzoli – 2018 € 18.00

La democrazia è una religione laica che identifica le proprie basiliche nei palazzi del potere, la curia nel governo, gli ordini nei partiti, il clero nei politici, le prediche nei comizi, le messe nelle elezioni, i fedeli negli elettori, i confessionali nelle cabine elettorali e i segni della croce nel voto. Ma, come in tutte le religioni, dietro alle colorite e folcloristiche apparenze dei riti e delle cerimonie, che distraggono e attraggono i cittadini, si nascondono le fosche e losche realtà dell’uso e dell’abuso del potere, che ammaliano e corrompono i politici. Piergiorgio Odifreddi dedica questo libro a svelare le contraddizioni nascoste e le distorsioni lampanti della democrazia. Inizia sezionando con il bisturi della logica concetti come la Cittadinanza (perché mai la può avere il discendente di un coevo di Cavour, ma non chi frequenta oggi le scuole in Italia?) e lo Stato, in quanto area racchiusa in confini spesso discutibili e non democratici, nel senso di non accettati dal popolo, come ha dimostrato il recente esempio della Catalogna. Prosegue poi con la Costituzione e i tentativi di manipolarla, i Diritti e i diversi modi di intendere il “dovere” e il “volere”, e i Candidati, candidi solo nel nome, per approdare alle odiatissime Tasse imposte dallo Stato Vampiro. Il libro procede con luciferina chiarezza per parole chiave, analizzando minuziosamente la democrazia e le istituzioni. È quindi un utile strumento per imparare a ragionare politicamente e a formulare domande indiscrete, a partire da quella primordiale: siamo cittadini di un sistema democratico e palese, o sudditi di un regime totalitario e invisibile?

9788804685654

Tutti i nomi del mondo
di Eraldo Affinati – Mondadori – 2018 € 19.00

Fare l’appello delle persone che abbiamo incontrato nella nostra vita, capire in quale senso sono state importanti e perché hanno lasciato un marchio indelebile: l’insegnante protagonista di questo romanzo compie un gesto consapevolmente rischioso che tuttavia lui sente necessario, quasi ineludibile. Ad accompagnarlo nell’impresa, con l’ingenua volontà di proteggerlo, per fortuna c’è Ottavio, suo ex alunno ripetente che si esprime soltanto in romanesco. Rispondono ventisei nomi, quante sono le lettere dell’alfabeto: individui provenienti da ogni parte del mondo, giovani profughi, antichi amici dispersi, nonni paterni e materni, adolescenti pieni di speranza, a volte sventurati. Alcuni, sopravvissuti a guerre e carestie, vivono fra noi; altri, che lasciano intravedere, insieme a un passato lancinante, vicende legate alla storia della Resistenza italiana, parlano da un oltre. Gli interlocutori, convocati al Colle Oppio di Roma, registrano la loro presenza in una scuola di lingua per immigrati, chiamata Penny Wirton, dove frattanto continua a scorrere tumultuoso il fiume d’umanità dolente che tutti ben riconosciamo. Ognuno racconta l’avventura in cui è impegnato. Ne scaturisce un’originale riflessione corale sull’epoca che stiamo attraversando, scrutinata nel filtro di un’esperienza intima e personale.

9788804684596

Il popolo dell’abisso
di Jack London – Mondadori – 2017 € 11.00

A Londra nell’estate del 1902 Jack London condivide la vita di vagabondi, disoccupati e operaie, si veste da clochard e abita nel dedalo di vicoli dove, un quindicennio prima, si aggirava Jack lo Squartatore. Per raccontare il cuore di tenebra della metropoli, il vasto slum proletario a ridosso del fiume e dei docks, questo autore promettente, fiore all’occhiello del giovane movimento socialista statunitense, non si limita a usare la penna: con la sua Kodak e un’attenzione da etnografo mai priva di umanità, scatta decine di folgoranti istantanee. Visi e corpi dialogano efficacemente con la parola scritta per raccontare l’East End londinese all’apertura del secolo.

9788804685609

Un passato da spia
di John Le Carré – Mondadori – € 20.00

Intrecciando passato e presente così che ogni personaggio possa raccontare la sua verità, John le Carré scrive un romanzo avvincente di straordinario spessore letterario, raffinata ironia e ambivalenza morale e segna il ritorno della spia più famosa della letteratura contemporanea, George Smiley, chiudendo il cerchio di un’epoca che non esiste più. Come il vino, la sua scrittura è diventata più ricca con il tempo. Peter Guillam, fedelissimo collega e discepolo di George Smiley dei Servizi segreti britannici, è ormai da tempo in pensione nella sua tenuta agricola in Bretagna dove vive con la famiglia, quando riceve inaspettatamente una lettera che lo convoca a Londra nel quartier generale dell’Intelligence. A quanto pare il suo passato durante la Guerra Fredda lo sta richiamando. Quelle che un tempo erano considerate le più famose operazioni di spionaggio nelle quali erano coinvolti personaggi del calibro di George Smiley, Alec Leamas, Jim Prideaux, e lo stesso Peter Guillam, vengono ora analizzate e investigate da una nuova generazione che non ha alcuna memoria di quegli anni. Chi è davvero responsabile di atti commessi molti anni prima in nome di qualcosa che non esiste più? Qualcuno deve pagare il sangue innocente che è stato versato per una causa considerata giusta per il bene comune.

9788804669005

La maestra e la camorrista
di Federico Fubini – Mondadori – € 17.50

Molto più di quanto ammettiamo a noi stessi, noi italiani siamo frutto di un’eredità. Non solo e non tanto collettiva, l’eredità culturale della nazione, ma strettamente individuale: la famiglia in cui siamo nati, il suo patrimonio finanziario o immobiliare, quello di conoscenze, linguaggi e relazioni sociali. Questi sono i principali fattori che in larga parte governano la stagnazione dell’economia e permettono di prevedere il futuro individuale di ciascuno di noi. L’eredità che ogni italiano riceve alla nascita dà forma e influenza il suo sviluppo e le sue chance di successo molto più di quanto sarebbe naturale in una democrazia avanzata. A maggior ragione lo fa, perché gli altri fattori trainanti del Paese oggi favoriscono questo effetto: una demografia declinante e la difficoltà di aprirsi agli stranieri e integrarli. Questo viaggio nella storia di tanti italiani ha un’idea al suo centro e la dimostra attraverso un processo profondamente innovativo: l’autore entra nelle scuole e negli asili d’infanzia e nelle imprese a conduzione familiare d’Italia e sottopone persone comuni e non a interviste e a esperimenti. Test sul loro comportamento e domande sui loro valori. Il quadro che emerge è quello di una “repubblica patrimoniale”, ma non senza speranza: esistono risposte precise e specifiche che possono affrontare questa strisciante malattia nazionale.

9788817098229

Pane sporco. Combattere la corruzione e la mafia con la cultura di Vittorio V. Alberti – Rizzoli – 2018  € 17.00

“Noi italiani, oggi, siamo culturalmente degradati, cioè corrotti. Il linguaggio, la condotta, il pensiero, il gusto, ciò che si coagula nel termine ‘civiltà’ oggi in Italia è deteriorato, rovinato come un pane bianco caduto a terra.” Nella sua appassionata denuncia, Vittorio V. Alberti affronta alla radice la piaga originaria che consuma la società italiana e mina alle basi qualunque prospettiva di progresso civile. E la radice va ricercata proprio in una cultura che disprezza il merito, la riflessione, la ricerca della bellezza in nome di miopi interessi personali o di gruppo. È contro la cultura della mafia e della corruzione che è indispensabile battersi, come sostengono nel saggio introduttivo il procuratore della repubblica di Roma, Giuseppe Pignatone, e nella postfazione il fondatore dell’associazione Libera, don Luigi Ciotti. “La corruzione e la mafia sono simboli maledetti di questa grande corruzione culturale, sono bruttezza. Per ricucire un futuro la strada è nel passato, nel nostro patrimonio, che è bellezza. Ecco l’idea: la potenza culturale italiana per combattere la corruzione e le mafie. Il patrimonio di intelligenza e bellezza, che è il nostro valore, la nostra identità, è nostro e nessuna forza oscura può togliercelo a meno che non glielo lasciamo fare, come spesso avviene per nostra colpa.”

9788806192280

Invito a nozze
di Carson McCullers – Einaudi – 2018 € 16.00

Frankie Addams, a dodici anni, è già vicina al metro e settanta d’altezza, e immagina che i freak del circo itinerante – il gigante, la donna cannone, l’ermafrodito – le strizzino l’occhio con intenzione. Legge della guerra sui giornali e sogna di arruolarsi, ma più di tutto sogna di scappare dalla cittadina di provincia dove ha come soli amici il cuginetto di otto anni e la domestica nera del padre. Quando viene invitata a Winter Hill per il matrimonio del fratello, Frankie prepara la valigia e si augura di non tornare mai più. È la premessa di un viaggio dalla penombra di una casa natale dove «tutto rimaneva immobile» alle insidie di un mondo che, mai come quell’estate, pareva «lanciato a una velocità di millesettecento chilometri all’ora».

9788806236151

La fisica nelle cose di ogni giorno
di James Kakalios – Einaudi – 2018 € 17.50

Ascensori, spazzolini elettrici e macchine del caffè, cellulari e carte di credito. Sono cose che usiamo quotidianamente e che diamo per scontate. Ma come funzionano? Raccontando un giorno qualsiasi della nostra vita, e tutti i marchingegni che ormai usiamo senza nemmeno farci caso, James Kakalios rende accessibile anche ai non addetti ai lavori il meraviglioso mondo della fisica. Come fa un frigorifero a raffreddarsi, un macchinario a raggi X a esplorare il nostro corpo, il tostapane a sparare in aria un toast, un Telepass ad alzare la sbarra di fronte alla nostra automobile? Per non parlare degli aerei o dei treni ad alta velocità. Evitando astrazioni e termini complicati, ancora una volta il professor Kakalios trasforma la scienza in un’entusiasmante avventura.

9788806237080

Prima di cadere
di Noah Hawley – Einaudi – 2018 € 14.00

Una sera d’estate i membri di due ricche famiglie newyorkesi e un pittore fallito salgono su un volo privato di ritorno dal mare. Il loro doveva essere un breve viaggio, invece, sedici minuti dopo il decollo, l’aereo precipita nelle acque dell’oceano. Gli unici superstiti sono Scott Burroughs, l’artista, e un bambino di quattro anni, ora unico erede di un impero economico, che l’uomo è riuscito a salvare. Mentre i media avanzano ipotesi di complotto, la polizia e i servizi segreti scandagliano nelle esistenze dei passeggeri. Da eroe, Scott si ritrova a essere un sospettato. E anche il prezioso legame che ha instaurato con il piccolo sopravvissuto comincia a essere corroso dalle insinuazioni.