Novità

 

9788869935251

Fisiologia dell’impiegato
di Honoré de Balzac – Elliot – 2018 € 12.50

In questo trattato semiserio, Honoré de Balzac si batte contro quella potentissima forza inerziale che sa impedire o ritardare all’infinito le decisioni indispensabili: la burocrazia, pietra miliare dell’era moderna. Pubblicato per la prima volta nel 1841 e modello per il successivo “Gli impiegati” (1844), in questo libro sembra quasi che l’autore abbia saputo bloccare per un istante il poderoso ingranaggio della macchina burocratica facendone inceppare le ruote dentate, e riuscendo così ad analizzarne impietosamente tutte le componenti; ne emerge la prima analisi approfondita sull’argomento (ben prima che Kafka consegnasse alla letteratura i suoi incubi), che sa descrivere in modo delizioso la realtà intrisa di polvere dei lavoratori da ufficio, realtà che l’autore conobbe in prima persona dopo la laurea alla Sorbona e che lo lasciò irritabile e irrimediabilmente depresso.
9788850249664Il veggente. Il segreto delle Tre Fontane 
di Saverio Gaeta – TEA – 2018 € 5.00
Nell’ottobre del 2014 la copertina di Dabiq, il periodico dello Stato islamico, sconvolse il mondo civile, pubblicando un fotomontaggio nel quale la bandiera dell’Isis sventolava sull’obelisco dinanzi alla basilica di San Pietro. 69 anni fa, nell’apparizione romana delle Tre Fontane, una simile profezia era già stata proposta dalla Vergine della Rivelazione a Bruno Cornacchiola: “Vi saranno giorni di dolori e di lutti. Dalla parte d’Oriente un popolo forte, ma lontano da Dio, sferrerà un attacco tremendo, e spezzerà le cose più sante e sacre, quando gli sarà dato di farlo”. Cornacchiola è morto nel 2001, dopo una vita romanzesca segnata dapprima dall’intenzione di uccidere il papa e successivamente dalla fulminea conversione al cattolicesimo, a seguito della straordinaria esperienza del 12 aprile 1947. Quel giorno, insieme ai suoi tre figli, vide una ragazza di grande bellezza, scura di pelle e di capelli, con un manto verde e un libro fra le mani; e da quel momento per tutta la vita continuò a ricevere da lei messaggi spirituali e annunci profetici. “Il veggente” consegnò i messaggi ricevuti dalla Vergine al Vaticano, che non ha mai ritenuto opportuno pubblicarli. Ma, per ordine della Vergine della Rivelazione, ne custodì una copia personale: oggi, dopo anni di studi e analisi, lo scrittore Saverio Gaeta ne svela integralmente i contenuti.
9788884163479
Giorgione, l’inafferrabile
di André Chastel – Abscondita – 2018 € 13.00“Uno dei misteri più singolari e appassionanti della storia della pittura è il fenomeno Giorgione. È quasi impossibile ricostruire in modo sufficientemente chiaro e preciso il suo percorso artistico; quasi impossibile giungere senza inciampi a un corpus accettabile; quasi impossibile, infine, render conto dell’arte di Giorgione. Ma cosa sarebbe la storia della pittura a Venezia – e persino in tutto l’Occidente – senza ‘Giorgione e il Giorgionismo’, senza quel richiamo alla natura, al colore denso, alla vibrazione del paesaggio di cui parlano tutti gli autori antichi, senza quella rivoluzione interna, in grado di stupire il vecchio Bellini e di affascinare la generazione dei giovani, di cui parlano tutti gli autori moderni. Lo scarto fra le certezze e l’importanza o, se si vuole, fra ciò che è esplicito e l’intuizione, è tale che si è potuto parlare, abusando appena della parola, di un mito di Giorgione.” In appendice “Giorgione da Castelfranco” di Giorgio Vasari.

9788804664543

Giacomo Casanova. La sonata dei cuori infranti
di Matteo Strukul – Mondadori – 2018 € 19.00

Venezia, 1755. Giacomo Casanova è tornato in città, e il precario equilibrio su cui si regge la Repubblica, ormai prossima alla decadenza, rischia di frantumarsi e degenerare nel caos. Lo scenario politico internazionale è in una fase transitoria di delicate alleanze e il disastroso esito della Seconda guerra di Morea ha svuotato le casse della Serenissima.
Il doge Francesco Loredan versa in pessime condizioni di salute, e l’inquisitore Pietro Garzoni trama alle sue spalle per ottenere il consenso all’interno del Consiglio dei Dieci e influenzare così la successione al dogado. Il suo sogno proibito è arrestare il seduttore spadaccino, e per far questo gli mette alle calcagna il suo laido servitore Zago.
Rubacuori galante e agile funambolo, Casanova entra in scena prendendo parte a una rissa alla Cantina do Mori, la più antica osteria della laguna, per difendere una bellissima fanciulla, Gretchen Fassnauer, apparsa a consegnargli un messaggio: la contessa Margarethe von Steinberg vorrebbe incontrarlo.
La nobile austriaca intende sfidarlo a una singolare contesa: se riuscirà a sedurre la bella Francesca Erizzo, figlia di uno dei maggiorenti della città, allora lei sarà sua. Casanova accetta, forte del suo impareggiabile fascino. È l’inizio di una serie di rocambolesche avventure che lo porteranno ad affrontare in duello Alvise, il focoso spasimante di lei, uccidendolo. Il guaio più serio e inaspettato è però un altro: Casanova, per la prima volta, si innamorerà davvero.
Le fosche macchinazioni dell’inquisitore avranno successo e Giacomo verrà incarcerato ai Piombi, mentre Francesca finirà murata in convento. Con il cuore spezzato, Casanova nutrirà il sospetto che l’intera vicenda sia stata architettata dalla diabolica contessa per toglierlo di mezzo. Evaso, si metterà sulle sue tracce e, fra inseguimenti, imboscate e intrighi notturni, arriverà ad affrontarla in un ultimo faccia a faccia mozzafiato: scoprirà di essere stato pedina in un gioco di spie fra Venezia e l’Impero Austriaco e infine si troverà ad accettare a sua volta un incarico della massima segretezza.
Fra canali immersi nella bruma e palazzi patrizi di sfolgorante bellezza, si staglia una Venezia settecentesca mai così seducente e spietata: Matteo Strukul fonde magistralmente il feuilleton d’avventura con gli intrighi amorosi del romanzo libertino, e lo fa attraverso un appassionante intreccio di ricostruzione storica e invenzione, con un’ambientazione straordinaria, riccamente animata di personaggi dell’epoca, da Giambattista Tiepolo a Carlo Goldoni, da Federico di Prussia a Maria Teresa d’Austria, restituendoci in modo potente, originale e modernissimo lo spirito del tempo.

9788851157388

L’ ombra di Pietra 
di Lorenzo Beccati – DeA Planeta Libri – 2018 € 16.00

Genova 1606. Una spaventosa figura vestita di nero, il volto nascosto dietro una maschera da rapace, si muove nelle tenebre e miete vittime utilizzando uno strano micidiale cappio. Negli stessi giorni il pittore fiammingo Rubens, ospite presso palazzo Doria, scompare nel nulla, facendo temere il peggio. Se l’indagine ufficiale sul feroce assassino è affidata al Bargello e ai suoi birri, che brancolano nel buio, quella sull’artista richiede rapidità e discrezione, per evitare imbarazzi a una delle famiglie più potenti della città. Ecco perché delle ricerche viene incaricata dal Doge, e in gran segreto, la persona più scaltra in circolazione, ma anche la più pericolosa: una donna che non ha paura di niente. È Pietra, la rabdomante: la sua intelligenza le ha procurato molti nemici, ma è a lei che tutti si rivolgono per risolvere i misteri più intricati. Un pomeriggio Pietra trova sulla porta di casa una vecchia dall’aspetto miserevole, che sostiene di essere sua madre, la stessa che l’ha abbandonata in fasce. Pietra non è pronta ad aprirle il suo cuore, ma una tempesta di emozioni sta per abbattersi su tutto.

9788845932601

Il professore e il pazzo 
di Simon Winchester – Adelphi – 2018 € 19.00

Nel cuore di quella grande impresa dello spirito moderno che fu la redazione dell'”Oxford English Dictionary” è nascosta da sempre una storia straordinaria. Il primo a scoprirla, e in parte a viverla, fu il professor James Murray, anima e responsabile del maestoso progetto. Dopo anni di lavoro, Murray si rese infatti conto di come una parte consistente dei lemmi – che qualsiasi «letterato» poteva redigere, su base volontaria – arrivassero alla redazione da un unico posto in Inghilterra, e recassero in calce sempre la stessa firma: «W.C. Minor». A questo punto Murray decise di incontrare il suo prezioso e infaticabile collaboratore, salvo scoprire che il luogo da cui tutte quelle lettere partivano era Broadmoor, e il loro autore uno degli ospiti più in vista del temibile manicomio. Sì, anni prima, per le strade di Londra, W.C. Minor – un medico militare reduce dalla Guerra di Secessione, e vittima di una gravissima sindrome paranoide – aveva ucciso un passante, e adesso era rinchiuso in una cella dove gli era stato concesso di trasferire la sua collezione di libri antichi. L’incontro fra questi due personaggi era già materia per un grande romanzo vittoriano. A Simon Winchester, in fondo, non è rimasto che scriverlo.

9788845932496

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali 
di Carl Safina – Adelphi – 2018 € 34.00

Negli ultimi decenni le scienze biologiche hanno ricostruito i tratti evolutivi che ci legano agli altri animali (dai pesci ai primati) sul piano morfologico e genetico. Un risultato già stupefacente, se non fosse che ora – grazie a studiosi della finezza e percettività di Carl Safina – ci avviamo a un salto ulteriore: verificare l’incidenza di quei tratti a livello cognitivo e affettivo-emotivo. Da rigoroso ricercatore sul campo, Safina ci immette in tre paesaggi esemplari: una riserva africana, dove elefanti dalle variegate “personalità” si aggregano in una spiccata socialità (non a caso i Masai li considerano dotati di un'”anima” al pari degli umani); il parco di Yellowstone, dove i lupi – reintrodotti di recente – si muovono echeggiando cadenze pleistoceniche, fra strategie di predazione e sorprendenti gerarchie sociali (le femmine, per esempio, sono deputate ai dilemmi decisionali come restare/partire); e le acque cristalline del Pacifico nordoccidentale, dove cetacei di diverse specie dispiegano la vertigine della loro visione “acustica” e interagiscono col “Sapiens” in modi inaspettati e toccanti. Penetriamo così in un ventaglio di intelligenze, “coscienze” e “visioni del mondo” di altri animali – con cui condividiamo molti “correlati neurali”, a partire dal cervello “antico” e dalla sua tastiera emotiva – insieme familiari e aliene, contigue e alternative. Al punto da mettere in dubbio, ancora una volta, la tesi secondo la quale l’uomo sarebbe la misura di tutte le cose.

9788845932649

Miti e simboli dell’India 
di Heinrich Zimmer – Adelphi – 2018 € 15.00

«Primeggiò fra le due guerre un meraviglioso presentatore di miti indù in un tedesco semplice e sottile, Heinrich Zimmer… Zimmer ripropone qui i miti indù per l’ultima volta e ci incanta in modo supremo. Il motivo di tante seduzioni è la sua comprensione dei vari piani di lettura possibili, la coscienza che il mito risponde a qualsiasi momento della storia e infine la certezza che è sempre implicita nel linguaggio del mito una verità metafisica. E causa la presenza di queste premesse che l’esposizione diventa una melodia calma, convincente, giocosa». (Elémire Zolla)

9788806238254

Da soli di Cristina Comencini – Einaudi – 2018

 € 18.00

Ci si incontra sotto la luna, sul ponte di una nave, e ci si innamora. Venticinque anni dopo ci si lascia chissà dove e perché, senza bisogno della luna. «C’è sempre un momento, che sia un anno speciale o dopo un avvenimento irrilevante, in cui realizzi che hai cominciato a nasconderti». È successo così anche ad Andrea e Marta e a Laura e Piero che ora, increduli, fanno i conti con la solitudine. Nelle loro storie si rispecchiano e si rincorrono tutti i modi che abbiamo di affrontare i nostri sentimenti. La furia di chi scappa, la calma di chi resta, il silenzio irreale delle stanze vuote, le serie Tv sul divano la sera, la strana complicità dei figli grandi, la riscoperta del corpo, il tempo lungo dei pensieri. Cristina Comencini racconta tutto quello che avviene quando un matrimonio entra in crisi: la collezione dei perché (o la febbre di cancellarli), lo slancio verso il futuro (o il culto del passato), la disillusione che spunta da tutte le parti, la certezza che niente cancellerà quella storia d’amore. Attraverso le parole dei suoi personaggi, costruisce una storia valorosamente sentimentale: la vita di chi, pur avendone già vissuta una, ha l’audacia di cambiare.

9788806229764

La condanna
di Anne Holt – Einaudi – 2018 € 19.00

Cosa c’è dietro il disfacimento di una famiglia? Ce lo racconta Anne Holt in La condanna che mette in scena una tragedia che coinvolge tre vite, strappandole e lacerandole per sempre. Ma è un caso o c’è un piano criminale nascosto che ha portato tanto dolore e la morte? Un uomo, una donna e una bambina: sembrano una famiglia come tante fino a quando Dina non rimane coinvolta in un tragico incidente stradale e muore a soli tre anni. La madre e il padre ne sono distrutti, ma dopo poco anche la donna muore in modo molto sospetto. Il padre di Dina viene ritenuto colpevole: il dolore li ha distrutti e li ha evidentemente portati a tutto questo. Ma quindici anni dopo a capire cos’è successo veramente ci pensa il detective Henrik Holme che deve risolvere una volta per tutte questo vecchio caso che è stato riaperto per un cavillo legale. Per Holme qualcosa non quadra nell’arresto e nel processo di Jones, il padre di Dina: sembra proprio che sia stato incastrato e allora per capirci di più il detective ha bisogno dell’aiuto della donna che gli ha insegnato tutto del mestiere, Hanne Wilhelmsen. Insieme cercheranno di entrare nel cuore di questa famiglia distrutta e di Jones perché, per scoprire chi l’ha voluto incastrare, devono conoscere tutto del suo passato. Quando a galla emergono un suicidio e un rapimento Hanne e Henrik cominciano a costruire una storia diversa che nessuno è riuscito a far affiorare. La condanna di Anne Holt è un romanzo che sa di vendetta, di tragedia, di suspense e di ineluttabilità della vita.

9788817099622

Atlante delle crisi mondiali 
di Sergio Romano – Rizzoli – 2018 € 20.00

La guerra siriana, la divisione tra sunniti e sciiti e il terrorismo alimentato dall’Islam radicale, l’annosa questione di Israele e della Palestina, la minaccia nucleare della Corea del Nord e la lezione della Baia dei Porci, i rapporti tra Stati Uniti e Cina, la nuova presidenza americana, il difficile cammino dell’Europa verso l’integrazione, i nuovi populismi e le migrazioni innescate dalle guerre e dalle rivoluzioni in Medio Oriente e Nordafrica, l’attivismo imperiale della Russia di Putin: sono le coordinate principali della complessa “mappa del disordine mondiale” che Sergio Romano disegna nelle pagine di questo libro. “Ogni crisi internazionale ha la sua logica e la sua razionalità o, se preferite, la sua assurdità” scrive in apertura alla prefazione, e, con l’acutezza di osservazione a cui ci ha abituato nei suoi articoli, saggi e libri, ci guida alla scoperta dei “fattori che contribuiscono a rendere la società internazionale sempre più litigiosa e insicura”. È una lettura del presente – alla luce del passato e aperta sul futuro – non condizionata dalle ideologie, che permette di interpretare la Storia al di là dei luoghi comuni e di ogni vulgata, e ricca dell’esperienza diretta di chi ha vissuto in prima persona, da diplomatico, molti importanti eventi internazionali. Non a caso, l'”Atlante delle crisi mondiali” si conclude con una pagina di ricordi, in cui Romano spiega com’è diventato un “patriota europeo”. La sua è un’Europa che, come aveva indicato de Gaulle, non deve includere per forza gli Stati Uniti e la Gran Bretagna: “La politica di coloro che hanno veramente a cuore l’unità dell’Europa dovrebbe essere simile a quella dei Paesi che negli anni della Guerra fredda scelsero per se stessi il ‘non impegno’. Potremo allora fare della Russia il nostro principale partner economico e parlare di una Europa ‘dall’Atlantico agli Urali'”.
Prima la crisi finanziaria globale del 2008 e quella del debito sovrano europeo del 2011, e poi, le migrazioni innescate dalle guerre e dalle rivoluzioni in Medio Oriente e Nordafrica, la minaccia del terrorismo alimentata dall’Islam radicale, l’attivismo imperiale della Russia di Putin, la crescita dei movimenti populisti in Europa, per arrivare a esiti impensabili e imprevisti come la Brexit e l’elezione di Donald Trump: il nostro è un mondo segnato da crisi globali e locali. Grazie alla sua profonda conoscenza della storia, della politica estera e della diplomazia, Romano ci guida in un viaggio nel presente che ha le sue radici nel passato e ci illumina sul futuro.

9788817099653

Una vita tedesca di Brunhilde Pomsel, Thore D. Hansen – Rizzoli – 2018 € 20.00

Brunhilde Pomsel fu vicina come pochi altri suoi contemporanei a uno dei più grandi criminali della storia: Joseph Goebbels, il ministro della Propaganda di Hitler. Sempre al suo fianco, sempre ai suoi ordini come segretaria e dattilografa. Brunhilde non si interessava di politica. Per lei venivano prima il lavoro, la sicurezza materiale, il senso del dovere nei confronti dei superiori, il bisogno di sentirsi parte di un sistema. Poco dopo l’ascesa di Adolf Hitler, si iscrive al Partito nazionalsocialista per assicurarsi un posto alla radio. Nel 1942 si trasferisce al ministero per l’Istruzione pubblica e la Propaganda ritrovandosi così accanto all’ufficio di Goebbels e nel centro nevralgico del potere nazista. Vi rimane fino alla capitolazione, nel maggio del 1945. Durante gli ultimi giorni di guerra, quando le truppe sovietiche sono già a Berlino, anziché cogliere l’occasione per fuggire resta nel bunker a battere a macchina i comunicati. Poi, per settant’anni, non racconterà niente a nessuno. Dal cuore di Berlino, l’autrice dipinge un ritratto inconsapevole, eppure inquietantissimo, della Germania prima, durante e dopo il Reich, raccontando una realtà sconcertante che mostra quanto l’indifferenza e la disillusione possano influenzare la democrazia. “Prima che la storia si ripeta” scrive Thore D. Hansen “individuare le analogie tra passato e presente ci offre l’opportunità di calibrare con cura la nostra bussola morale, in modo da renderci conto quando sia giunto il momento di schierarci, di alzarci e di opporci apertamente alla radicalizzazione. Con quanta superficialità prendiamo in considerazione i nostri criteri morali di valutazione? Per quali fini primitivi, immediati, banali e superficiali o per quali successi apparenti siamo pronti a sacrificare la nostra coscienza? Sono domande alle quali la storia di Brunhilde Pomsel non può e non potrà mai dare una risposta universalmente valida. Solo la disponibilità a riflettere di ciascuno di noi potrà produrla.”
Considerata come l’ultima testimone vivente ad aver conosciuto il ristretto cerchio di potere nazista (è morta a fine 2016 a 106 anni), Brunhilde Pomsel ha raccontato la sua esperienza nel documentario “Una vita tedesca”, realizzato nel 2016, già presentato a diversi festival e venduto anche in Italia. La donna, come molti tedeschi della sua generazione, ha detto che non era a conoscenza dei crimini nazisti, in particolare dei campi di concentramento e di sterminio, ma la cosa davvero inquietante è il ritratto che fa della società tedesca dell’epoca, cresciuta con le parole d’ordine della generazione del Nastro bianco di Haneke: “Obbedire, mentire, imbrogliare”.

9788804688907

La guerra dei nostri nonni. (1915-1918): storie di uomini, donne, famiglie. Ediz. illustrata
di Aldo Cazzullo – Mondadori – 2018 € 17.00

Per il centenario di Caporetto sono usciti libri a decine. Sul Piave e sul Grappa neanche uno. La sconfitta ci ispira. Ci raccontiamo di aver perso anche le poche guerre che abbiamo vinto. Oppure ci rifugiamo nella retorica, come il mito della «Razza Piave», caro al secessionismo veneto; ma sul Piave accanto ai veneti morirono lombardi e lucani, napoletani e genovesi. Certo, la guerra del ’15-18 è stata un’immane carneficina. Era meglio non farla. L’Italia avrebbe dovuto restarne fuori. Invece fu decisa con un colpo di Stato che esautorò il Parlamento, e fu condotta in modo sbagliato quando non criminale. Il tradimento delle classi dirigenti però non toglie nulla al sacrificio dei nostri nonni. Anzi, lo rende se possibile ancora più valoroso. Della Grande Guerra ci resta il Piave. Con il 1918, dopo Caporetto, il conflitto cambia segno. Si tratta di difendere la patria, di badare alla terra, di proteggere la famiglia, di evitare che pure alle altre donne italiane venga fatto quello che stavano subendo le friulane e le venete al di là del fiume. Fu allora che i nostri nonni, fanti contadini, salvarono il Paese, e con il Paese noi, loro discendenti. L’Italia nacque allora. Nelle trincee. Sul Grappa e sul Piave. Eravamo un popolo giovane. Non ci capivamo neppure tra di noi: ognuno parlava il suo dialetto. Potevamo essere spazzati via; dimostrammo di essere un popolo, una nazione. Questo sì lo possiamo festeggiare, lo dobbiamo celebrare, abbiamo il dovere di ricordare. Perciò il 4 novembre 2018, centesimo anniversario della vittoria dei nostri nonni, dovrebbe tornare a essere festa nazionale. Un po’ come il 17 marzo 2011, centocinquantesimo anniversario dell’unificazione, che fu molto sentito: segno che noi italiani siamo più legati all’Italia di quanto pensiamo, soprattutto quando la storia nazionale incrocia la storia delle nostre famiglie. Lo prova anche il successo di questo libro, che dopo aver venduto oltre 200 mila copie torna in edizione illustrata, impreziosita da un ricco inserto di fotografie rare e in parte inedite e da una nuova introduzione. Metà dei capitoli sono dedicati a storie di donne; perché l’Italia non avrebbe mai vinto la Grande Guerra senza le italiane, che mandarono avanti le fabbriche e le città, dimostrando di saper fare le stesse cose degli uomini, magari meglio.