Novità Venezia

 

9788831790000

Looking at Tintoretto with John Ruskin
di E. Sdegno – Marsilio – 2018 € 20.00

For Ruskin, some dates represented turning points in his personal and working life: 23rd September 1845 is one such date. In letters written from Venice to his father that autumn he writes of being “overwhelmed” by the power of Tintoretto, and of feeling called to safeguard his paintings together with the fate of the city itself. Ruskin’s discovery of Tintoretto’s work plays a central role in his aesthetics, and was to inspire some of his best writing. Through Modern Painters and The Stones of Venice, works that were to be deeply influential throughout mid 19th- century Europe, Ruskin contributed to the establishment of Tintoretto’s international fame and his insights still inform our ways of looking at his painting. The collection of writings published here appears for the first time in a well-organised and easily consultable form, a form that Ruskin himself had planned for English visitors. It takes us to paintings in churches throughout the city, though it is the Church and Scuola di San Rocco which stand out as having been the focus of extended and concentrated attention on Ruskin’s part. Neglected by Ruskin scholars, his “Venetian Index”, in particular, meticulously records the state of conservation of Tintoretto’s canvases at a time of neglect and conflict, while surveying the artist’s oeuvre as a whole and minutely examining individual paintings. Quintessentially Ruskinian in its investigation of the language of sacred iconography and the origins of landscape painting, this guide to Tintoretto’s painting generates interpretations which art historians will find stimulating, but will also prove illuminating for non-expert readers wishing to explore a great painter through the sensibility of the critic who first introduced him to the English.

9788867003792

Autunno a Venezia. Hemingway e l’ultima musa 
di Andrea Di Robilant – Corbaccio – 2018 € 19.90

Nel 1948 Ernest Hemingway arriva in Italia con la quarta moglie, Mary Welsh. Il piroscafo che doveva condurre la coppia e l’inseparabile Buick – legata alla prua – in Provenza, non riesce ad approdare a Cannes a causa del maltempo e deve per forza navigare fino a Genova. Per Hemingway è uno shock: mancava dall’Italia da trent’anni, da quando diciottenne aveva combattuto sul fronte italiano. È uno scrittore in cerca di ispirazione: non pubblica un romanzo da dieci anni, è un momento difficile, e quando scende sul molo osannato e assediato dai giornalisti, viene sommerso dai ricordi e decide che quello che era destinato a essere un breve interludio fra Cuba e la Provenza diventerà un viaggio di parecchi mesi nei luoghi che aveva frequentato da giovane. Da Genova a Milano, da Stresa a Cortina, incontra e fa accordi con i suoi editori italiani, il «comunista» Giulio Einaudi e il nonideologico Arnoldo Mondadori. Conosce la sua voce italiana, Fernanda Pivano con il compagno Ettore Sottsass, Italo Calvino, Natalia Ginzburg. Fra un drink e una battuta di caccia si spinge fino a Venezia e a Torcello, dove incontra una giovane aristocratica veneziana, Adriana Ivancich, di cui si innamora, ricambiato. Sarà la sua «ultima musa»: la relazione è complessa e destinata a non durare, lo sanno entrambi. E tuttavia grazie a lei Hemingway ricomincerà a scrivere: Adriana è la Renata di «Di là dal fiume e tra gli alberi», romanzo che Hemingway considera un capolavoro e che verrà inizialmente stroncato dalla critica. Ma dopo questo, con al suo fianco Adriana che per breve tempo si trasferisce (con la madre) a Cuba, Hemingway scriverà anche «Il vecchio e il mare», che gli vale il Premio Pulitzer e, l’anno successivo, il Premio Nobel.

9788831729062

L’ arte di vivere a Venezia. Architettura e cucina 
di Toto Bergamo Rossi, Lydia Fasoli – Marsilio – 2018 € 40.00

Tutti amano la cucina italiana, ma pochi conosco la cucina veneziana, una tradizione gastronomica di raffinatezza degna della città dei Dogi, che utilizza sapientemente le verdure delle sue isole e i pesci della sua splendida laguna. Con questo lussuoso volume, Lydia Fasoli e Toto Bergamo Rossi spalancano le porte dei palazzi della Serenissima, dallo stile unico, e conducono alla scoperta delle ricette della tradizione, con le loro storie, i loro aneddoti e le loro particolarità. Introduzione di Jude Law.

9788836639274

Giacomo Quarenghi e l’Accademia di Belle Arti Venezia. Catalogo della mostra (Venezia, 15 dicembre 2017-28 febbraio 2018). Ediz. a colori 
di A. G. Cassani – Silvana – 2018 € 35.00

L’Accademia di Belle Arti di Venezia e Giacomo Quarenghi sono legati da un filo sottile che, tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento, ha unito nomi illustri di architetti, intellettuali, docenti e grandi personalità della cultura e delle istituzioni. Grazie a questa rete di relazioni, interessi e condivisione di ideali etico-estetici, i preziosi disegni dell’architetto bergamasco sono arrivati, non a caso, in Accademia, luogo deputato dal 1750 all’insegnamento e allo studio delle Belle Arti. Oltre ad arricchire il patrimonio artistico dell’istituzione veneziana, le vedute, i capricci e i progetti architettonici di Quarenghi dovevano soprattutto servire alla didattica e alla formazione degli allievi, in particolare a quelli della Scuola di Architettura, quali perfetti esemplari del “buon gusto”.