Novità

 

9788857610160

Fiori d’autore 
di Angus Hyland, Kendra Wilson – Logos – 2019 € 15.00

Mazzi disordinati, bouquet formali, allestimenti casuali e silenziosi incontri rurali: «Fiori d’autore» raccoglie alcune delle più notevoli rappresentazioni di fiori nella storia dell’arte. Spaziando dal celebre pittore di fiori Henri Fantin-Latour, i cui studi formali furono molto amati dal pubblico inglese, a Matisse, Mackintosh, Millais, Manet e, più recentemente, Hockney, tra le sue pagine non mancano anche fotografi come André Kertész e Edward Steichen, artisti più anticonvenzionali come Gluck (per anni compagna della nota decoratrice floreale Constance Spry) o celeberrimi illustratori botanici del XVIII secolo come Georg Dionysius Ehret. Le illustrazioni sono accompagnate da brevi testi sugli artisti e la loro passione per determinate specie floreali, dai sontuosi close-up di stramonio e fiori di cactus di Georgia O’Keeffe alle rose di Matisse, dai crisantemi di Keika Hasegawa agli attenti studi di zinnie di Albert York. Un florilegio per tutti gli amanti dell’arte, dei giardini e dei fiori.

9788857610146

Arte botanica. Tecniche, consigli e ispirazioni per ritrarre le piante 
di Helen Birch – Logos – 2019 € 13.50

Da sempre il regno vegetale rappresenta un’inesauribile fonte di ispirazione per gli artisti, che non hanno mai smesso di riprodurne il meraviglioso e ricchissimo repertorio di forme, trame e colori. Spaziando da illustrazioni di precisione scientifica a interpretazioni più audaci e originali, «Arte botanica» raccoglie 90 opere botaniche eseguite da artisti contemporanei di tutto il mondo, invitando i lettori a cimentarsi a loro volta nella raffigurazione della flora in tutte le sue variegate e variopinte espressioni. Adottando un approccio pratico e intuitivo, l’artista e insegnante Helen Birch correda ciascuna immagine di sintetiche informazioni sullo stile, le tecniche e gli strumenti impiegati per realizzarla, nonché consigli utili riguardanti la pianificazione, la composizione e il colore. Un indice visivo delle immagini e un indice per autori aiutano a orientarsi in questa guida non convenzionale, in cui ciascuna scheda è autonoma e l’ordine di lettura dipende solo dalle preferenze del lettore. Tuffatevi tra le pagine in cerca di consigli o scorretele rapidamente per lasciarvi ispirare e scoprire tanti trucchi per ritrarre piante, fiori e frutti.

9788867223916

Atlante di botanica poetica. Ediz. illustrata 
di Francis Hallé – L’Ippocampo – 2019 € 19.90

Grande conoscitore delle foreste tropicali che esplora instancabile da quarant’anni, in compagnia di un taccuino per gli schizzi, Francis Hallé ci accompagna con il suo “Atlante di botanica poetica” in un viaggio illustrato alla scoperta di piante non comuni. Sfogliando gli innumerevoli quaderni raccolti col tempo nel suo studio a Montpellier, il famoso botanico ha selezionato un campione delle specie più incredibili. Da Codariocalyx motorius, la pianta che danza, alle Solanaceae sotterranee dell’Argentina, di cui scorgiamo solo un tappeto di foglie, queste creature vegetali crescono e si adattano all’ambiente in modi che se sfuggono alla nostra capacità di comprensione, affascinano la nostra immaginazione. Esuberanti, enigmatiche, sorprendenti, le meraviglie della flora presenti in questo insospettato «gabinetto delle curiosità» perorano con forza la causa della protezione delle foreste tropicali, oggi in grave pericolo.

9788867223893

Il colore dei fiori
di Michael Putnam, Darroch Putnam – L’Ippocampo – 2019 € 25.00

Una guida cromatica per appassionati di piante, professionisti e organizzatori di eventi, firmata da Putnam & Putnam, floral designer di New York. “Il colore dei fiori” è un reference book che cataloga le varietà per colore, valorizzando la disponibilità stagionale e suggerendo schemi cromatici creativi. I 400 fiori, fotografati al culmine della loro bellezza da Putnam & Putnam, sono riprodotti in appendice su tesserine staccabili per simulare ogni possibile composizione.

Layout 1

Lettere ai familiari 
di Leonard Bernstein – Archinto – 2019 € 25.00

Questo libro raccoglie la parte dedicata alla corrispondenza familiare dell’imponente corpus di lettere, sterminato e variegato come pochi altri, lasciato da Leonard Bernstein. Si tratta di una sezione che occupa uno spazio relativamente esiguo, ma che è particolarmente significativa, poiché fornisce un sigillo di autenticità a quell’insieme di caratterizzazioni fatte di esuberanza, di stati di eccitazione, di voluttà nell’esibirli, che hanno costituito non solo la cifra del suo linguaggio gestuale direttoriale – e che in quanto tali hanno talvolta fatto discutere per la loro platealità ostentata – ma più in generale la spia indefettibile di un suo bisogno esistenziale, quello del comunicare. Traspaio no infatti da queste lettere l’amore per la vita, la sete di conoscenza, la curiosità insopprimibile, che vanno di pari passo con l’esigenza di farne partecipi, coinvolgendoli, i suoi interlocutori. La circostanza, non incidentale, che le lettere ai familiari coprano un arco temporale prevalente che è quello della prima maturità di Bernstein, caratterizzata dall’euforia per le implicazioni della sua attività di artista globe-trotter, non è priva di effetti sul tenore emotivo che ne traspare. Specialmente le lettere scritte dall’estero, nel corso di tournée spesso lunghissime, tradiscono infatti entusiasmi e trasporti che ai nostri occhi di veterani ormai saputi della globalizzazione possono a volte apparire eccessivi, ma sono perfettamente in linea con l’immagine del Bernstein direttore e del Bernstein pedagogo, come ci sono stati consegnati dalle memorabili lezioni di musica dei suoi Young People’s Concerts. Buona parte delle lettere contenute nel volume sono quelle scambiate con la moglie Felicia, toccanti testimonianze di una tormentata ma struggente storia d’amore.

9788817104951

Il nome del figlio 
di Marjolijn Van Heemstra – Rizzoli – 2019 € 18.50

Dare un nome, a qualcosa o a qualcuno, è sempre un gesto di responsabilità. Incalzata dalle settimane – e dagli ormoni – della gravidanza, e dopo avere deciso di chiamare il figlio come lo zio Frans, Marjolijn si imbarca in una ricerca sulla vita di Frans Julius Johan, eroe della resistenza olandese nonché autore, nel 1946, di un attentato. In punto di morte, infatti, lo zio aveva espresso il desiderio che un anello venisse tramandato al primo nipote che si fosse chiamato come lui, così, quando l’autrice rimane incinta, ecco che scatta la necessità di scoprire chi fosse e cosa avesse fatto veramente il mitico «cugino della bomba» – questo l’affettuoso appellativo che ricorre nei racconti ormai leggendari che circolano nella famiglia van Heemstra. La ricerca della futura mamma si trasforma in un’indagine sulla natura complessa dell’eroismo, in particolare nei tempi mai limpidi e lineari della guerra, che si snoda tra archivi polverosi pieni di rivelazioni e procede di pari passo con le variazioni emotive che accompagnano l’attesa di un figlio. Ne scaturisce un diario lungo nove mesi imbevuto di suspense e attraversato da squarci di tenerezza, come quella suscitata dalle conversazioni fra l’autrice e il suo compagno; ognuno con il suo personale modo di affrontare l’attesa, il passato, il peso della verità, e di dare un senso alla parola futuro.

9788806239589

Barzellette
di Ascanio Celestini – Einaudi – 2019 € 18.00

Una stazione, due uomini che aspettano un misterioso convoglio partito da lontano e un «brogliaccio» pieno di barzellette da leggere per ingannare l’attesa. Sono storielle popolate da naufraghi e cannibali, carabinieri e politici, scienziati e filosofi, preti, suore, ebrei e musulmani, mariti e mogli impegnati nell’eterna lotta tra i due sessi, e ancora animali, suocere, amanti. Storie che non appartengono a nessuno, ma sono a disposizione di tutti. Ci dicono cosa siamo diventati, ci consentono di scavare nel torbido senza diventare persone torbide. E, soprattutto, fanno letteralmente morire dal ridere.
Ascanio Celestini ha raccolto e reinventato barzellette provenienti da ogni parte del mondo. Ce le racconta in una cornice inaspettata con la sapienza di un grande narratore, mettendole in fila come i vagoni di un treno e mostrandoci «quanto siamo infami, ma anche quanto siamo liberi e deboli».

9788806240615

I racconti delle donne
di A. Benini – Einaudi – 2019 € 19.50

Che cosa pensano le donne, a che cosa credono, quante vittorie, sconfitte, speranze e segreti hanno dentro di sé? Quanta rabbia e quanto divertimento? Fuori dal solito affresco di eroine affrante, abbandonate, sottomesse, oppure impossibili e ribelli, c’è un mondo vivissimo, sorprendente e complesso che chiede di essere raccontato, e c’è il movimento mai stanco della scrittura e dell’esistenza. È la festa della società sovversiva delle ragazze.
Annalena Benini è andata a cercare, fra i racconti più belli della narrativa mondiale, i luoghi in cui le donne dicono chi sono davvero, dentro il semplice e inesauribile groviglio dell’essere vive. Dal valzer con un imbranato di Dorothy Parker all’invidia di Kathryn Chetkovich per il fidanzato Jonathan Franzen, dal ricordo del tradimento in Alice Munro al pozzo in cui a volte cadono le donne nella visione di Natalia Ginzburg, fino alla vertigine del suicidio di Saffo secondo Marguerite Yourcenar.
È un patto con la verità: non nasconderemo niente, ma è anche la scoperta di un’idea concreta, intima e spietata della realtà e della letteratura. L’amicizia, l’invidia, l’amore, lo smarrimento, il sesso, la paura, l’ambizione, i figli, gli uomini, le risate, il coraggio. E la libertà: conquistarla, gettarla via, riprendersela in un istante di grazia. Raccontare le donne significa raccontare una forza che all’improvviso squarcia tutto, oppure si nasconde, o cammina piano e prepara la strada a chi verrà dopo.
Da Virginia Woolf a Chimamanda Ngozi Adichie, da Clarice Lispector a Patrizia Cavalli, le venti storie che animano questo libro sono prima di tutto meravigliose: con intelligenza, sincerità e ironia descrivono un mondo vivissimo e sempre in movimento. Annalena Benini compone un canone imprevisto e contemporaneo, in cui le donne riconosceranno molto di sé e gli uomini, oggetto d’amore e di guerra, potranno specchiarsi.
9788806240882Homo sum. Essere «umani» nel mondo antico
di Maurizio Bettini – Einaudi – 2019 € 12.00

Il senso di umanità dei Greci e dei Romani era migliore del nostro? Quale posto occuperebbe nel mondo antico la Dichiarazione universale del 1948? Intanto nel canale di Sicilia non si soccorrono i naufraghi. Nel medesimo luogo ove Enea, diretto in Italia, fu soccorso da Didone.
Questo libro inizia con un episodio dell’Eneide: il naufragio dei Troiani sulle coste di Cartagine (nei pressi dell’odierna Tunisi, nel canale di Sicilia) mentre sono diretti in Italia. Enea e i suoi vengono accolti dalla regina Didone in nome dell’umanità e del rispetto verso gli dèi, perché le frontiere si chiudono di fronte agli aggressori, non ai naufraghi. Scrive Bettini: «Ci sono troppi dispersi nel mare che fu di Virgilio, troppi cadaveri che fluttuano a mezz’acqua perché quei versi si possano ancora leggere solo come poesia. Sono diventati cronaca». Il libro propone dunque una triplice esplorazione della cultura antica alla luce di ciò che oggi definiamo “diritti umani”: per scoprire in Grecia e a Roma alcuni incunaboli della Dichiarazione; per misurare gli scarti che su questo terreno ci separano dalla società e dalla cultura antica; infine per mettere in luce alcune specifiche forme culturali in base alle quali Greci e Romani si ponevano problemi equivalenti a ciò che oggi definiamo diritti umani.
Ancora una volta, riflettere sul mondo antico ci aiuta ad orientarci nel presente.

9788806240202

Case di vetro. Le indagini del commissario Armand Gamache
di Louise Penny – Einaudi – 2019 € 15.00

Dopo “L’inganno della luce”, “Case di vetro” è un’altra indagine dell’ispettore Armand Gamache, nato dalla penna della geniale Louise Penny (5 milioni di copie vendute negli Stati Uniti e 7 Agatha Awards come miglior crime dell’anno).
Qualcosa di inatteso spezza l’idillio dell’isolato villaggio di Three Pines, Canada. Nella pioggia e nella neve di una gelida mattinata novembrina arriva in paese una figura misteriosa, che immobile nella tempesta fissa gli abitanti con un terribile sguardo d’accusa. Al comandante in capo della polizia del Québec Armand Gamache l’episodio suggerisce guai in arrivo. E neanche questa volta Gamache si sbaglia: scomparsa dalla circolazione l’insolita figura ecco comparire al suo posto un cadavere. Sarà l’inizio di una lunga indagine.
“Case di vetro” di Louise Penny è un giallo sorprendente che incanta come un poema epico. Un romanzo memorabile costruito intorno a un detective deciso e misurato, che crede nella legge ma risponde innanzitutto alla propria coscienza.

9788804707608

Sei personaggi in cerca d’autore
di Luigi Pirandello – Mondadori – 2019 € 11.00

Sei personaggi, componenti di una famiglia, si presentano a un Capocomico lamentando di essere stati abbandonati dall’Autore che li ha inventati. Non ha voluto concludere il racconto delle loro vicende, così scabrose e drammatiche da meritare il palcoscenico. Ed eccoli che provano a esibirsi in uno spettacolo spudorato e spietato, dove genitori e figli si accusano a vicenda, senza rispettare né le convenzioni sociali né, tanto meno, quelle teatrali. Culmine della vocazione al teatro che Pirandello coltivò sin dall’adolescenza, strettamente connesso al vissuto personale (la crisi famigliare che Annamaria Andreoli ricostruisce nell’introduzione), Sei personaggi è un testo capitale della drammaturgia universale, per l’ardita tecnica scenica e lo scavo desolato dell’animo umano.

9788884995643

Ricette vegetariane d’Italia
di B. Minerdo – Slow Food – 2019 € 14.90

Che cosa c’è di vegetariano nella cucina di tradizione italiana? Moltissimo. In questo libro, Slow Food ve lo racconta regione per regione: più di 400 piatti tra antipasti, primi, secondi e dolci vegetariani e vegani.
Una grande raccolta di ricette vegetariane e vegane selezionate da Slow Food per raccontare tutti i patrimoni regionali italiani. Un libro pensato per vegetariani, con parecchie ricette vegane – preparate senza latticini, uova o altri ingredienti di origine animale – ma anche per quanti desiderino variare una dieta onnivora. Attraverso le principali portate – antipasti, primi, secondi, dolci – si propone una scelta di pietanze rigorosamente della tradizione, segnalando anche la stagionalità delle materie prime. Imparerete a cucinare, con ingredienti diversi dalle carni, preparazioni salubri e gustose, che appartengono da sempre alla gastronomia italiana. Un’occasione per promuovere una nuova cultura culinaria seguendo indicazioni e suggerimenti su prodotti, coltivati o spontanei, su come sceglierli, cuocerli, condirli. Valore aggiunto sono le fotografie di molti piatti, assieme alle note e ai commenti che ne spiegano le origini riportando aneddoti e curiosità.
9788845299636Banalità. Luoghi comuni, semiotica, social network 
di Stefano Bartezzaghi – Bompiani – 2019 € 17.00La banalità contemporanea non è tutta nei social network, né è banale tutto ciò che è nei social network: essi costituiscono però senza dubbio un buon campo per la sua osservazione.»
La banalità è il nostro nuovo demone. È da quest’ultima che vogliamo rifuggire, come dalla noia, ma è questa stessa fuga a renderci sempre più banali (e noiosi, e annoiati). Per i luoghi comuni proviamo esplicite repulsioni e recondite attrazioni, la nostra idea di successo è che tutti notino come siamo bravi a svincolarci, almeno momentaneamente, da essi. In queste pagine Bartezzaghi si arrischia a seguire due convinzioni. La prima è che abbiamo sbagliato spauracchio e che convenga invece cercare di «avere un buon rapporto» (come oggi si dice) con la banalità, nostra e altrui. Come accade con le persone, per «avere un buon rapporto» con qualcuno occorre guardarlo in faccia, conoscerlo, rivolgersi a lui con schiettezza. Dobbiamo farci amica la banalità. La seconda convinzione è che i social network oggi sono un ambiente particolarmente adatto a farcela guardare in faccia e a conoscerla.
9788845296925
I vagabondi 
di Olga Tokarczuk – Bompiani – 2019 € 20.00
Il libro vincitore dell’International Man Booker Prize 2018
La narratrice che ci accoglie all’inizio di questo romanzo confida che fin da piccola, quando osservava lo scorrere dell’Oder, desiderava una cosa sola: essere una barca su quel fiume, essere eterno movimento. È questo spirito-guida che ci conduce attraverso le esistenze fluide di uomini e donne fuori dell’ordinario, come la sorella di Chopin, che porta il cuore del musicista da Parigi a Varsavia, per seppellirlo a casa; come l’anatomista olandese scopritore del tendine di Achille che usa il proprio corpo come terreno di ricerca; come Soliman, rapito bambino dalla Nigeria e portato alla corte d’Austria come mascotte, infine, alla morte, impagliato e messo in mostra; e un popolo di nomadi slavi, i bieguni, i vagabondi del titolo, che conducono una vita itinerante, contando sulla gentilezza altrui. Come tanti affluenti, queste esistenze si raccolgono in una corrente, una prosa che procede secondo un andamento talvolta guizzante, come le rapide, talvolta più lento, come se attraversasse le vaste pianure dell’est, per raccontarci chi siamo stati, chi siamo e forse chi saremo: individui capaci di raccogliere il richiamo al nomadismo che fa parte di noi, ci rende vivi e ci trasforma, perché “il cambiamento è sempre più nobile della stabilità”.

9788867223923

Ciclopedia. Icone e disegni della bicicletta. Ediz. illustrata 
di Michael Embacher – L’Ippocampo – 2019 € 19.90

In omaggio alla bellezza delle due ruote, Ciclopedia celebra il design dei migliori modelli degli ultimi 100 anni. Michael Embacher possiede una delle più importanti collezioni di biciclette del mondo, riprodotte in questo volume: dalle eroine del tour de France, alle più pratiche pieghevoli, fino all’eccentrico prototipo per pattinare sul ghiaccio. Da montagna, da corsa, per i più piccoli o ancora per la città; da trasporto, monomarcia, tandem, pieghevole, o dagli accessori futuristici, ogni bicicletta è ritratta mediante fotografie che ne esaltano il design, corredate da una scheda tecnica. Prefazione di Paul Smith.

9788867224104

Kefir, kombucha & Co. Preparare le proprie bevande probiotiche naturali 
di Lokki – L’Ippocampo – 2019 € 18.00

Kombucha, kefir, ginger ale, kvas, lassi, tepache… Sono tutte bevande salutari, semplici da realizzare, ideali per dissetarsi e nutrire la flora intestinale, fondamentale per il nostro organismo. Stanchi delle bevande gassate artificiali, troppo zuccherate e piene di additivi, Sebastian e Nina hanno creato il piccolo laboratorio artigianale Lökki, nel sud della Francia, per far scoprire ai loro clienti un tipo di bevande sane e alternative, ottenute per fermentazione naturale di frutta o tè. In questo libro, gli autori presentano 40 ricette per imparare a fare da sé bevande probiotiche e aromatizzarle secondo i propri gusti. Sebastian e Nina ci spiegano il ruolo fondamentale degli organismi che si curano del nostro intestino e di quanto sia importante preservarli attraverso queste preparazioni. Ginger bug gazzosa alla violetta, kombucha alla menta… sperimentate anche voi queste ricette sane, originali e gustose!

9788862261074

Il ritorno e altre prose. Ediz. limitata 
di Thomas Wolfe – Via del Vento – 2019 € 4.00

Tre prose dello scrittore americano Thomas Clayton Wolfe (1900-1938), il cui tono visionario, malinconico e intimista avrebbe influenzato, qualche anno più tardi, tutto il movimento legato alla beat-generation. Recentemente riscoperto anche cinematograficamente grazie al film “Genius”(2016), del regista Michael Grandage.

9788842224617

Beppe Ciardi. Catalogo generale delle opere. Ediz. illustrata 
di Antonio Parronchi – Allemandi – 2019 € 100.00

Beppe Ciardi (Venezia 1875 – Quinto di Treviso 1932) nasce in una casa dove l’arte e la pittura sono destino e predilezione. Figlio d’arte, è erede della pittura di paesaggio del padre Guglielmo, illustre protagonista della svolta realista della pittura veneziana, e fratello maggiore di Emma, la più nota e affermata pittrice italiana del suo tempo. Allievo di Ettore Tito all’Accademia di Belle Arti di Venezia, Beppe studia la figura e assieme contempla e dipinge – rigorosamente en plein air – il Sile, Venezia, le vele che solcano la laguna, i paesaggi bucolici e la montagna. La sua pennellata larga, avvolgente e densa di colore, si sviluppa in un linguaggio che si accende talora di sperimentazioni sorprendenti che lo rivelano incline agli stimoli culturali provenienti da lontano, dai vapori simbolisti del nord Europa, alla pittura alpestre di Segantini, sino all’Impressionismo, già influente nell’opera del tardo Guglielmo, e inevitabile punto di partenza del catalogo di Beppe.

9788817109925

Le parole di Sara
di Maurizio De Giovanni – Rizzoli – 2019 € 19.00

In “Le parole di Sara” ritroviamo Sara Morozzi, nuova splendida detective nata dal padre dei Bastardi di Pizzofalcone Maurizio De Giovanni.
Nota ai lettori dal precedente “Sara al tramonto”, Sara Morozzi è una poliziotta in pensione e una donna invisibile: coi suoi capelli grigi e il suo abbigliamento incurante se ne sta da sempre in un angolo a osservare le vite degli altri per captarne i segreti. E anche ora che è solo una pensionata e una nonna, qualcuno dei suoi ex colleghi ogni tanto ha bisogno del suo aiuto. Perché Sara ha un raro talento: interpreta alla perfezione il linguaggio del corpo e delle parole dette a mezza voce.
Questa volta Sara è chiamata a indagare su un caso che coinvolge direttamente l’amica Teresa, donna ai vertici dell’unità segreta per cui la stessa Moroni ha a lungo lavorato. Ad aiutarla nelle indagini non mancheranno l’ispettore Davide Pardo, goffo detective sfortunato in amore, Viola, l’ultima compagna di suo figlio che l’ha appena resa nonna, e neppure Boris, il Bovaro del Bernese.
Profondo e avvincente come solo i libri di Maurizio De Giovanni sanno essere, “Le parole di Sara” è il secondo appuntamento imperdibile con la serie che sta riscrivendo il noir italiano al femminile.

9788804708094

Nel territorio del diavolo 
di Antonio Monda – Mondadori – 2019 € 18.00

Alexander Sarris ha trent’anni, origini greche e lavora in politica. Più precisamente è l’assistente di Lee Atwater, lo spin doctor più temuto d’America. È il 1988 e tutti gli Stati Uniti sono convinti che il prossimo presidente sarà un altro uomo politico di origini greche, Michael Dukakis. Nessuno pensa che lo sfidante, il texano George Bush, possa davvero sconfiggerlo. Finché non entra in scena Lee Atwater, con una campagna elettorale volta a screditare Dukakis, a colpi di insinuazioni, colpi bassi, di quelle che oggi si chiamerebbero “fake news”. Bush recupera in pochi mesi un distacco di diciassette punti di percentuale e vince le elezioni. Monda ricostruisce la storia di una delle figure politiche più discusse degli ultimi cinquant’anni, fino al controverso pentimento in punto di morte, nel 1991.

9788891820297

Città di mare. Ediz. illustrata 
di P. Magris, M. Rubino – Mondadori Electa – 2019 € 24.90

Quello tra le città e il mare è un connubio tra i più peculiari, che ha dato origine a letterature ricchissime e di grande varietà, come una sorta di “portolano poetico”, così l’ha definito Claudio Magris, “che contiene grandi, grandissime pagine”. Il libro nasce dal ciclo di incontri dedicati alle città di mare che si è tenuto a Genova nel 2018, durante i quali scrittori, artisti e studiosi, hanno esplorato i vari modi in cui le loro città natali o d’elezione si legano al mare e, viceversa, i modi in cui il mare è entrato nelle vie e nelle vicende letterarie, culturali, sentimentali, delle loro città. Una raccolta di dialoghi che spaziano da Oslo a Genova, da Marsiglia a Trieste, attraversando le città marine italiane ed europee. Chiude il libro un intervento di Paolo Magris, a colloquio con Marco Salotti sul tema del cinema di mare.

9788804702962

Vorrei e non vorrei. Perché è così difficile scegliere ciò che è meglio per noi 
di Gianna Schelotto – Mondadori – 2019 € 17.00

Sposarsi, cambiare lavoro, intraprendere un percorso di studi, ma anche quali scarpe mettere o cosa mangiare. Ci sono sempre più persone che di fronte alle scelte si bloccano, si tormentano e si dibattono fra dubbi e paure, temendo di non essere in grado di capire cosa è meglio per loro. È ormai acquisito che nelle decisioni da prendere, grandi o piccole che siano, siamo condizionati non solo dalla ragione, ma anche da una fitta rete di giudizi e pregiudizi, consci e inconsci, norme sociali e intime convinzioni, che esistendo in filigrana dentro di noi rendono impervie le nostre scelte. Tuttavia, gli aut aut nei quali i dubbiosi si dibattono sono una specie di mappa: proprio grazie alle continue esitazioni si riesce spesso a intuire le cause dei malesseri che li affliggono. L’indecisione è quindi una guida preziosa, una sorta di radiografia della psiche. Partendo da questi presupposti, Gianna Schelotto racconta dieci casi illuminanti, che parlano di indugi, priorità, amori, tradimenti, traslochi, segreti e rimpianti. Un mosaico di dilemmi, ansie e contraddizioni che affligge chi, più o meno frequentemente, si dondola sull’altalena del “vorrei” e “non vorrei”.

9788806241483

María
di Nadia Fusini – Einaudi – 2019 € 13.00

«Sono venuta a confessare un delitto». È una creatura docile e gentile a proferire questa frase terrificante. Si chiama María, ha la fissità di una statua e negli occhi una luce ardente, la stessa dell’isola da cui proviene. L’agente di polizia che in Questura redige la confessione, pur intuendone la pericolosa ambiguità, resta ammaliato e desidera immediatamente conoscere ogni cosa di lei – forse perché, a volte, orientarsi nella vita di una donna significa per un uomo avvicinarsi con ostinazione a se stesso. Fra l’aspirazione al divino e la condanna di avere un corpo, María racconta la sua storia. E rievoca quando rinunciò a tutto per andare a vivere con quello che sarebbe diventato suo marito e insieme il suo carceriere: le loro notti di amore accanito e la vergogna del giorno dopo, la gabbia della gelosia e il miracolo della libertà che non si compie mai. Ammette di essere finita nel labirinto di una passione tanto ineluttabile quanto assassina. Adesso sta scappando, alla ricerca del suo unico figlio.
Nadia Fusini, dopo aver prestato la voce a Virginia Woolf ed Emily Dickinson, Mary Shelley, Katherine Mansfield e Sylvia Plath, disegna una figura di donna che resterà a lungo nella mente del lettore. Con appassionata intensità e nitido rigore, ci guida nei tormenti di una storia d’amore in cui verità e menzogna si spartiscono quel niente che il destino lascia nelle mani degli uomini. E delle donne.

9788804708032

Il cuore e la tenebra 
di Giuseppe Culicchia – Mondadori – 2019 € 17.00

Giulio, trent’anni superati da poco, viene raggiunto dalla notizia della morte del padre. Famoso direttore d’orchestra, si era trasferito anni prima a Berlino, dove era stato nominato direttore della Filarmonica. Ossessionato dall’esecuzione della Nona Sinfonia diretta da Furtwängler nel 1942 per il compleanno di Hitler, aveva costretto l’orchestra a migliaia di prove estenuanti per ripeterla identica. La rivolta dei musicisti e l’accusa di nazismo che ne era seguita avevano troncato la sua carriera. Sullo sfondo di una Berlino in costante mutazione, Giulio intraprende il suo viaggio per raccogliere i pezzi della vita di quel padre scomparso improvvisamente e che aveva visto così poco dopo che aveva lasciato la madre e lui e suo fratello ancora bambini. Tocca a Giulio occuparsi di tutto e, nell’appartamento berlinese, tra gli oggetti, i libri e i file personali, quella che piano piano prende forma davanti ai suoi occhi è una nuova immagine del padre, una nuova storia. Culicchia scrive un romanzo che racconta e riflette su amore, fallimento, ossessione, e sul rapporto tra padri e figli. Sulla nostalgia di ciò che è passato e non tornerà più e di ciò che non è mai accaduto, di ciò che non siamo riusciti a far accadere. E allora come si colmano i vuoti da noi stessi creati? Che cosa significa fallire? Cosa significa per un padre lasciare i figli? E per i figli crescere con un amore spezzato a metà? Può un’ossessione salvarci dal rimorso e dal rimpianto? Può un orrore che è altro da noi salvarci dalla nostra personale tenebra?

9788806234928

Gli adulteranti
di Joe Dunthorne – Einaudi – 2019 € 18.50

Un’acutissima commedia del disinganno che strappa lacrime di riso e lacrime di commozione, e colloca Joe Dunthorne con tutti gli onori nella tradizione di Evelyn Waugh e Kingsley Amis. Una gita di puro, geniale, sorprendente piacere.
Oh, quanto la sa lunga il nostro Ray… D’altra parte è giovane, arguto, fulminante nella battuta e brillante in società: non sono forse questi i passepartout del nostro tempo? “Xennial” spiantato e creativo, si prepara all’imminente nascita del suo primo figlio fingendo che delle responsabilità basti farsi gioco. Da giornalista tecnologico freelance, scrive per Techtracker.co.uk articoli che gli fruttano dieci pence a parola, una miseria di cui si vendica infilando in ogni pezzo una frase composta solo di parole brevissime, di cui poi si compiace così: «Quell’inciso vale quasi quattro pence a lettera, gonzi». Eh no, a Ray non la si fa! Certo, difficile potersi permettere una casa di proprietà con quegli introiti, non nella Londra del Ventunesimo secolo, non se si viene continuamente scalzati da fantomatici acquirenti per pronta cassa. Ma a quella vecchia volpe di Ray quell’uva interessa tanto poco da definirla «l’orribile villetta a schiera» (salvo poi spingersi fino all’effrazione pur di garantirsi una chance di raggiungerla). Se l’amata moglie Garthene, infermiera con i piedi per terra e un pancione di otto mesi, ha un turno di notte in ospedale, vorrà dire che Ray ci andrà da solo alla festa. Fingerà di annoiarsi e flirterà con la comune amica Marie, ma senza levarsi le scarpe, «il che, moralmente parlando, faceva una certa differenza». E che importa se quella è Londra, è l’agosto del 2011 e fuori infuriano i peggiori disordini che il Paese ricordi? Si può comunque uscire per strada, accettare un paio di birre di dubbia provenienza e lasciarsi immortalare, sorridente e compiaciuto, in uno scatto fatale. Ray la sa tanto lunga da surfare sulla vita come nel web che è la sua seconda casa (e forse la sola, giacché un’altra non l’avrà mai…). Ma possibile che nessuno gli abbia mai detto che se una cosa può andar male, lo farà?

9788829700158

Mai più sola nel bosco. Dentro le fiabe dei Fratelli Grimm
di Simona Vinci – Marsilio – 2019 € 12.00

C’è una fiaba in questo libro, e la fiaba racconta di una bambina e di una creatura misteriosa. La Creatura d’acqua scura che striscia nella soffitta è forse il fantasma di un uomo ucciso durante la Resistenza e il cui corpo è stato occultato nello stagno. La Creatura d’acqua scura somiglia – dal buio nel quale la bambina la incontra – al lupo che attende Cappuccetto Rosso, al ginepro che conserva vita e morte nei suoi rami, al fuso di Rosaspina bella addormentata nel bosco, alla mela avvelenata di Biancaneve. La Creatura d’acqua scura torna, come in una favola nera, ad avvertire, raccontare, raccordare la vita adulta e l’infanzia, le colpe e le assoluzioni, i morti propri e quelli degli altri, gli amici perduti e i luoghi ritrovati. Simona Vinci, raccoglitrice di erbe per l’arrosto, fichi per le conserve e storie per queste pagine, continua a dire della sua paura e della nostra, svelando perché abbiamo tutti vissuto nelle Fiabe dei Fratelli Grimm e come, qualche volta, torniamo a viverci.
“Mai più sola nel bosco” è un viaggio dentro e fuori “il gusto della paura” di una delle più importanti scrittrici italiane che, per sua stessa ammissione, talvolta vede ancora l’invisibile.

9788811604846

Contro il fascismo
di Giacomo Matteotti – Garzanti Libri – 2019 € 4.90

Quella di Giacomo Matteotti è una delle voci che con più forza e più coraggio si levarono contro i soprusi del regime fascista. A distanza di quasi un secolo questo volume esorta a prestarle di nuovo ascolto, riproponendo due documenti molto citati ma poco letti: il discorso del 31 gennaio 1921, quando Matteotti per la prima volta e per primo osò prendere la parola in Parlamento contro il regime, e quello del 30 maggio 1924, quando denunciando i brogli elettorali firmò la propria condanna a morte, inflittagli di lì a pochi giorni per mano di cinque sicari fascisti. Grazie a queste due testimonianze sarà possibile comprendere con maggiore chiarezza un momento cruciale della storia del nostro paese, e riflettere, alla luce di ciò che è stato, su temi che ancora oggi continuano a trovare ampio spazio nel dibattito pubblico.

9788838939204

I tempi nuovi
di Alessandro Robecchi – Sellerio Editore Palermo – 2019 € 15.00

Con “I tempi nuovi” Alessandro Robecchi crea una nuova avventura per la coppia Monterossi – Falcone.
Uno studente modello di nome Filippo Maria, quello che si dice “il figlio che tutti vorrebbero”, è ritrovato con le mani legate al volante, i pantaloni calati e un buco nella tempia. Nella stanza del suo appartamento duemila euro nascosti in un libro. I sovrintendenti di polizia Carella e Ghezzi cominciano immediatamente a indagare sul caso, ma ancora una volta si ritrovano a inciampare in Carlo Monterossi – ex l’autore televisivo fuggito per il troppo trash – e nel suo compare Oscar Falcone, investigatore privato alle prime armi. Agatina Cirielli, la socia di Falcone all’agenzia, non a caso è anche poliziotta nel team Carella-Ghezzi.
Monterossi e Falcone, nel frattempo, hanno anche loro un bel da fare. Si è presentata alla neonata agenzia investigativa Gloria Grechi, una trentenne fascinosa che dice di aver perso il marito. Volatilizzato nel nulla, d’improvviso. Ma è presto chiaro a tutti che quella donna non la conta giusta. Mentre Monterossi la ospita a casa sua, al riparo da non si sa bene quale pericolo, cerca di capire su quante cose la donna stia mentendo. Il caso di sparizione e quello d’omicidio, ad ogni modo, sono destinati a rivelarsi più intrecciati del previsto.
“I tempi nuovi” di Alessandro Robecchi è un’indagine che ha per protagonista Milano, una Milano insolita, periferica, quella che sta fuori dalla prima cintura e in cui le villette anonime si confondono nella nebbia.

9788869981586

Il pane del patriarca
di Raduan Nassar – Sur – 2019 € 15.00

Scritto originariamente nel 1975, Il pane del patriarca è il primo romanzo di Raduan Nassar, definito dal New Yorker «il più grande autore brasiliano vivente», che dopo aver pubblicato tre opere memorabili ha deciso, nel 1984, di ritirarsi in campagna e smettere di scrivere.
Ed è proprio la campagna brasiliana a fare da sfondo a questo romanzo, con la sua vita scandita «dalla terra, dal grano, dal pane e dalla famiglia».
Stanco del lavoro sfiancante e dei rigidi precetti religiosi di un padre autoritario, André abbandona la casa in cui ha sempre vissuto. Eppure, la monotonia del lavoro nei campi, la fatica fisica e le parabole declamate dal padre – intorno a quella tavola che considera il suo pulpito personale – non sono le uniche ragioni che lo spingono alla fuga. André nasconde un terribile segreto e solo la visita del fratello maggiore, incaricato dalla madre di riportarlo a casa – come fosse un figliol prodigo contemporaneo –, lo spingerà ad aprirsi e a confessare ciò che lo tormenta fin dall’infanzia.
Con una prosa sensuale e ricca di intensità biblica, Nassar riesce a riprodurre su carta tutte le ansie e i deliri di una mente turbata, proiettandoci in un universo remoto e al tempo stesso ben riconoscibile per ogni lettore: quello della grande letteratura.

9788898177585

Tintoretto un ribelle a Venezia
di Alberto Bonanni, Gianmarco Veronesi – minibombo – 2019 € 18.00

“È uno scandalo, altro che capolavoro!”, “Dirò di più, uno scandalo!” tuonano due arcigni confratelli della Scuola Grande di San Marco davanti al Miracolo dello schiavo di Tintoretto, citando i detective gemelli di Tintin. Il quadro è quello vero e credibile è la rabbia del pittore che gli scalpita davanti.
Ma realtà e fantasia, passato e presente, comico e drammatico si incontrano in Tintoretto. Un ribelle a Venezia, la graphic novel con cui Sky Arte festeggia i 500 anni del maestro veneziano in abbinamento al film che sarà nelle sale italiane il 25, il 26 e il 27 febbraio.
Un’inedita biografia a fumetti, disponibile da marzo in libreria, si getta sulle tracce del “più terribile cervello che abbia mai avuto la pittura” in quattro capitoli a colori destinati ai lettori dai 14 anni in su. Una ricca sezione di contenuti redazionali approfondisce il racconto con storie e curiosità.

cop recitar suonando RGB alta-300x450

Recitar suonando. La didattica pianistica del Duemila di Piero Rattalino – Zecchini – 2019 € 29.00

Nel corso dell’Ottocento piovvero sul mercato centinaia di metodi per lo studio del pianoforte. Metodi che venivano  banalmente intitolati Metodo. Charles Hanon, nato nel 1819,  da piccolo genio della psicopubblicistica ebbe invece l’idea di intitolare il suo metodo “Il Pianista virtuoso”. Il messaggio subliminale era che con i metodi si diventava pianisti e che con Hanon si diventava virtuosi. E così i metodi dell’Ottocento, anche i più reputati come quelli di Clementi, di Hummel, di Czerny, di Lebert e Stark fanno oggi parte della storia, mentre il Pianista virtuoso è ancora ben radicato nell’attualità e i suoi esercizi vengono martellati da legioni di principianti e di professionisti. I metodi sono trattati di tecnica pura, cioè della morfologia e della sintassi che in passato precedevano e condizionavano lo studio delle lingue straniere. Oggi l’apprendimento delle lingue non inizia più con la morfologia e la sintassi ma con la conversazione, come avviene del resto nell’apprendimento della lingua materna, e la morfologia e la sintassi sono riservate a un momento successivo dello studio. La tecnica pura continua invece a precedere o per lo meno ad accompagnare cocciutamente l’apprendimento della musica. E questo è un segno della mancata evoluzione della didattica, un segno che non è il solo ma sicuramente uno dei motivi della progressiva rarefazione dei dilettanti che la musica dovrebbero studiarla da dilettanti. In una didattica del pianoforte che volesse scrollarsi di dosso un po’ della polvere che la ricopre e che la soffoca il Pianista virtuoso di Hanon non sarebbe in realtà del tutto inutile ma costituirebbe un punto di arrivo, un testo di perfezionamento, non di base.
E lo stesso sarebbe per il legato, per le posizione della mano, per l’andare a tempo, ecc. ecc. ecc. “Recitar suonando” propone un approccio allo strumento basato su questo principio. Non è però un metodo di diverso conio. È una raccolta di materiali che, sgombrato il campo dalle credenze e dalle superstizioni, invita i catecumeni a creare per loro uso, cercando e sperimentando, un metodo personalizzato, un cammino che permetta loro di raggiugere i risultati alla loro portata e di godere della musica senza farsi martirizzare dalla tecnica pura (e dal solfeggio parlato) sul cui altare la didattica tradizionale brucia ancora incensi e profumi.

cop flauto mozart RGB alta-300x450

Il flauto di Mozart. Trattato su tutte le opere per flauto di Wolfgang Amadeus Mozart 
di Gian-Luca Petrucci – Zecchini – 2019 € 27.00

Wolfgang Amadeus Mozart in una lettera del 14 Febbraio 1778, indirizzata al padre, riferendosi al flauto, scrive “…divento abbastanza impotente quando sono obbligato a scrivere per uno strumento che detesto”. Questa frase, spesso ripetuta senza contestualizzarla nel particolare momento in cui fu dettata, è divenuta come una sorta di sentenza senza appello sulla considerazione di Mozart nei confronti dello strumento. Tuttavia la silloge delle opere scritte per flauto contiene capolavori e soluzioni geniali così come funzionale ed efficace, anche da un punto di vista tecnico, appare il vasto utilizzo dello strumento nelle compagini orchestrali mozartiane. Nel presente lavoro ho raccolto una serie d’informazioni, che potranno riuscire utili sia ai flautisti i quali si avvicineranno per la prima volta a Mozart sia a quelli maggiormente esperti.
Dall’ipotizzata insofferenza per il flauto alla genesi delle composizioni conosciute e quelle andate perdute. Dall’apporto di Brahms alla prima realizzazione del Concerto in Re Maggiore K314, all’intenso rapporto che Mozart ebbe con il flautista Johann Baptist Wendling. Dagli aspetti concernenti gli abbellimenti, alle Cadenze per i concerti, alle esecuzioni e incisioni storiche di riferimento.
La musica di Mozart ha necessità d’essere affrontata avendo la consapevolezza che la capacità di restituirla nel miglior modo possibile muterà in relazione alle nostre acquisizioni culturali. Considerando comunque che qualcosa, della profondità e del magico gioco di proporzioni, continuerà sempre ad affascinarci.

Cop mazzotta tamborrino RGB alta-300x450

Dall’acciaieria alla fabbrica dei suoni. L’officina artistica di Giovanni Tamborrino
di Francesco Mazzotta – Zecchini – 2019 € 23.00

Giovanni Tamborrino è nato a Laterza, in provincia di Taranto, dove vive. Ed ha solo 17 anni quando diventa operaio dell’Italsider, all’inizio degli anni Settanta. Ma in testa ha una sola cosa: la musica. Realizzerà il suo sogno. E nel giro di poco tempo da batterista di musica leggera nei locali di provincia diventerà il percussionista di Luciano Berio, Sylvano Bussotti e Franco Donatoni, mostri sacri dell’avanguardia colta. Fulminato da Carmelo Bene e dalla sua lezione sulla phoné, riscriverà i codici del teatro musicale contemporaneo con il linguaggio personalissimo dell’Opera senza canto. E sulla sua strada ritroverà l’acciaieria con la composizione Mare metallico, premiata nel 2013 con l’Abbiati, l’Oscar italiano della musica classica. In ricordo dei suoi trascorsi di operaio, Tamborrino dedicherà l’importante riconoscimento a Taranto e alla sua gente, schiacciata tra lo stabilimento di oggi e la vecchia Italsider, nella quale l’ex tuta blu guardava sbigottito le colate d’acciaio dal “reparto agglomerati” già immaginando di fondere la musica in una personale fabbrica di suoni.

9788893448901

Looking for Europe. Cercando l’Europa. Contro il montare dei populismi 
di Bernard-Henri Lévy – La nave di Teseo – 2019 € 7.00

«L’Europa è in pericolo. Il programma comune delle forze populiste che stanno dilagando in tutto il continente vuole interrompere ogni progetto di costruzione, ritrovare una cosiddetta “anima delle nazioni”, rilanciare “un’identità perduta” che non esiste se non nella fantasia dei demagoghi. La mia scommessa è sull’Europa, la mia fede è in questa grande Idea di cui i nostri padri ci hanno trasmesso l’eredità, la convinzione che lei sola avrà la forza, domani, di scongiurare il ritorno dei demoni, quello dei totalitarismi e quello di conseguenza della crisi e della miseria – tutto questo mi sta troppo a cuore ed è, dalla caduta del Muro di Berlino, oggetto di un impegno personale fortemente sentito e costante, perché io possa, trent’anni più tardi, decidere di gettare la spugna.» (Bernard-Henri Lévy)

9788869937231

La figlia di Lowrie 
di Frances H. Burnett – Elliot – 2019 € 12.50

 Tutti a Riggan conoscono quel tipaccio di Dan Lowrie. Minatore manesco, amante di birra e complotti, da sempre porta con sé sua figlia Joan a lavorare nelle cave. Anche Joan è una creatura fuori dal comune, ma in positivo: bellissima e fiera, in lei una forza quasi maschile convive armoniosamente con una speciale e delicata grazia. Purtroppo nella piccola comunità rurale del Lancashire, da cui Londra appare un miraggio, il destino sembra segnato per Joan… Fino al giorno in cui in paese arrivano Paul Grace “il prete piccolo”, Anice “la figlia del prete vecchio” e Derrick, l’ingegnere a capo delle miniere, i quali tra amori non corrisposti, struggimenti segreti e propositi eroici riusciranno a scalfire la ritrosia altera della ragazza spingendola a sviluppare le sue doti naturali e a sfidare una volta per tutte suo padre. Il tema dell’ingiustizia sociale trattato con acume, la trama incalzante e la galleria di personaggi indimenticabili – come Sammy Craddock, vecchio burbero dickensiano, o la giovane e frivola Liz, incinta senza un marito – hanno conservato intatto il valore di questo romanzo che dal momento della sua pubblicazione non ha mai smesso di raccogliere consensi.
9788823522459In tutto c’è stata bellezza 
di Manuel Vilas – Guanda – 2019 € 19.00

«Ci farebbe bene scrivere delle nostre famiglie, senza nessuna finzione, senza romanzare. Solo raccontando ciò che è successo, o ciò che crediamo sia successo.» Animato da questa convinzione, Manuel Vilas intreccia con una voce coraggiosa, disincantata, a tratti poetica, il racconto intimo di una vita sullo sfondo degli ultimi decenni di storia spagnola. Allo stesso tempo figlio e padre, Vilas celebra la presenza costante e sotterranea di chi non c’è più, il passato che riemerge a fatica dai ricordi, la lotta per la sopravvivenza che lega indissolubilmente le generazioni. Una narrazione che sottolinea l’umana fragilità, le inevitabili sconfitte, ma anche la nostra forza unica, l’inesauribile capacità di rialzarci e andare avanti, persino quando tutto sembra essere crollato. Perché i legami con la famiglia, con chi ci ha amato, continuano a sostenerci e a definirci, anche quando sono apparentemente allentati o interrotti. E proprio quei legami ci permettono di vedere, a distanza di tempo, che in tutto c’è stata bellezza: in molti gesti quotidiani e anche nelle parole non dette, nell’affetto trattenuto, inconfessato, a cui non possiamo fare a meno di credere e di aggrapparci.
Manuel Vilas ha scritto un libro unico nella sua capacità di coinvolgere il lettore e di mescolare destino personale e collettivo, romanzo e autobiografia: «Sono due verità diverse, ma sono entrambe verità: quella del libro e quella della vita. E insieme fondano una menzogna».

9788845933479

Babij Jar 
di Anatolij Kuznecov – Adelphi – 2019 € 22.00

«Dio sia lodato, questo regime di pezzenti è finito» dice nonno Semerik, che il potere sovietico lo odiava con tutta l’anima, quando i tedeschi occupano Kiev nel settembre del 1941. «Ora si comincia a vivere». Tolik ha solo dodici anni, ma non gli ci vorrà molto per capire che le speranze del nonno sono vane. Ben presto Babij Jar, la forra nei pressi di Kiev, diventerà la tomba della popolazione ebraica, e poi di zingari, di attivisti sovietici, di nazionalisti ucraini, dei calciatori della Dinamo che si sono rifiutati di farsi battere dalla squadra delle Forze armate tedesche, di chi ha rubato del pane. E mentre da Babij Jar giungono senza tregua i colpi della mitragliatrice, mentre gli attentati organizzati dagli agenti dell ‘Nkvd devastano la via principale e persino la venerata cittadella-monastero, mentre cominciano le deportazioni, Kiev diventa una città di mendicanti a caccia di cibo. Per Tolik, che aveva conosciuto la terribile fame staliniana, non potrebbe essere più chiaro: tedeschi e sovietici si stanno scontrando «come il martello e l’incudine», e in mezzo ci sono gli insignificanti «omuncoli» – e lui, in preda a un «mare di disperata angoscia animale». L’unica via d’uscita è assecondare la furibonda vitalità che lo pervade, sopravvivere in barba a tutto, crescere. Crescere per odiare chi trasforma il mondo in una prigione, in un «frantoio per pietre per denunciare violenze e menzogne. Anche le ultime, atroci: dopo la liberazione di Kiev, Tolik e sua madre, in quanto persone «vissute sotto l’occupazione », verranno marchiati come «merce scadente» – e il massacro di Babij Jar cancellato.

9788833210223

Donna delle pulizie. Lavoro duro, paga bassa e la volontà di sopravvivere di una madre 
di Stephanie Land – Astoria – 2019 € 18.00

Un memoir su cosa significhi oggi vivere da poveri nel paese più ricco del mondo, gli Stati Uniti.
“Mia figlia ha imparato a camminare in un rifugio per senzatetto.” Così inizia questo memoir su cosa significhi essere poveri oggi in America.
“Dieci anni fa scappai da una relazione abusiva e mi trasferii con Mia, all’epoca una bimba di nove mesi, in un rifugio per senzatetto. Avevo 200 dollari in tasca e circa la stessa cifra in buoni spesa, e una famiglia che non poteva aiutarmi. Non solo, ero nel mezzo di una causa feroce per la custodia di mia figlia.
Alla fine trovai lavoro come donna delle pulizie. Ho lavorato da malata e ho portato mia figlia ammalata all’asilo, anche quando avrei dovuto tenerla a casa. Non c’era malattia retribuita, non c’erano vacanze pagate, nessuna prospettiva di aumenti, e tuttavia ogni giorno imploravo che mi facessero lavorare. L’efficienza dell’automobile era vitale, anche una gomma bucata poteva distruggerci, e rimandarci barcollando di nuovo ai rifugio per senzatetto. Vivevamo, sopravvivevamo, in questo precario stato di non equilibrio. Questa è stata la mia esistenza nascosta mentre pulivo quella degli altri perché la loro apparisse perfetta.”

9788833210216

Le circostanze 
di Amanda Craig – Astoria – 2019 € 20.00

Un bellissimo ed efficace ritratto dell’Inghilterra (e dell’Europa) di oggi. Pubblicato nel 2017, è stato nominato libro dell’anno dal Guardian, Observer, New Statesman, Telegraph, Irish Times e Financial Times.
Una coppia profondamente in crisi, lei architetto lui giornalista, non solo non si possono permettere di divorziare ma non riescono neanche più a vivere a Londra, vista la crisi economica. A lui hanno chiuso il giornale, lei ha perso il lavoro. La casa in cui vivono non si riesce a vendere per un prezzo accettabile: l’unica soluzione sembra essere quella di affittarla e con i soldi dell’affitto andare a stare in un posto molto più economico, una località remota del Devon. E così, la coppia che non funziona con i loro tre figli si trasferisce. E qui si apre la visione non più idilliaca da turista, ma grama da residente della vita in campagna, una campagna povera, piena di immigrati pagati una miseria, e di inglesi favorevoli alla Brexit. In più aleggia sulla casa che hanno affittato un mistero, perché l’affitto è ridicolmente basso, e presto scoprono il motivo: il precedente abitante era stato ammazzato proprio nel posto in cui vivono.

9788897011798

Elogio del tirannicidio. Killing no murder 
di Edward Sexby – Ortica Editrice – 2019 € 11.00

Uccidere il tiranno, incitare al suo assassinio, elogiarne l’esecuzione, cercarne una legittimazione politica; gesti antichi che ciclicamente si ripetono. La legittimità dell’atto può rintracciarsi o nel diritto del popolo a farsi giustizia da sé in quanto detentore del Potere, o in una Legge superiore in nome della quale “Uccidere non è Assassinare”, bensì atto di legittima difesa, se non vero e proprio dovere morale. Sexby, partendo dalla tradizione greco-latina e cristiana, si spingerà oltre sostenendo che per sollevare il pugnale contro il tiranno non è richiesta altra giustificazione se non quella di averne la Forza. Poiché – squarciato ogni velo – unica Legittimità del Potere è la Forza ed a quella dell’oppressione risponde quella della resistenza. Non servono complotti o Tribunali, basta uno scaltro sicario.

9788858022979

La macchina del pane di Rita. Ricette classiche e creative 
di Rita Monastero – Gribaudo – 2019 € 14.90

Un libro pensato da una professionista della panificazione, dedicato a chi non ha mai utilizzato la macchina del pane, ma anche a chi voglia perfezionare le proprie tecniche e le proprie ricette. Nel libro viene dato ampio spazio a ricette originali e innovative, oltre naturalmente ai grandi classici, dal pane comune, passando per le varianti integrali, con farine ricercate e innovative, fino alle versioni dolci.

9788833932149

Il principe dei gigli
di Hans Tuzzi – Bollati Boringhieri – 2019 € 14.50

Un omicidio tra insospettabili bibliofili. Droga? Passione? Ancora un rovello per il commissario Melis.
Maggio 1982: il commissario Melis, ormai vicequestore, ha accompagnato Fiorenza a un congresso internazionale di bibliologia che si tiene in un antico borgo del Centro Italia. Tutto sembra promettere noia e piccole gelosie fra accademici. La giornata inaugurale è però funestata dall’omicidio di uno studente, brutalmente ucciso in una delle aule. Qual è il movente? Un piccolo commercio di droga, come farebbe supporre un secondo delitto? Oppure – ma nessuno se lo augura – la morte dello studente potrebbe trovare movente e spiegazione nella sua relazione con la figlia di un potente locale? Sarà Melis a risolvere il caso, ricorrendo all’aiuto degli agenti più giovani della sua squadra, ma anche la competenza di due illustri studiosi.

9788893950053

Ludwig van Beethoven. Il ribelle 
di Ramin Bahrami – La nave di Teseo – 2019 € 15.00

Durante un concerto, l’attenzione di Sebastian, un giovane amante della musica e dell’arte, è catturata dal profilo severo del suo vicino. Nello sguardo profondo che comincia ad osservarlo, Sebastian riconosce un volto familiare, l’espressione inconfondibile di Ludwig van Beethoven. Inizia così un dialogo sorprendente tra il più leggendario compositore della storia e un ragazzo dei nostri tempi, due spiriti affini uniti dall’inquieta ricerca del bello. Nella scrittura brillante di Ramin Bahrami rivive il genio rivoluzionario di Beethoven, un talento ribelle che sovverte l’armonia rigorosa di Bach e Mozart in tumultuoso impeto musicale, una vita irregolare nel nome della libertà e del coraggio di “sentire col cuore”.

9788893950015

Wolfgang Amadeus Mozart. Il genio sempre giovane
di Ramin Bahrami – La nave di Teseo  – 2019 € 15.00

Ramin Bahrami racconta il genio di Wolfgang Amadeus Mozart, che rivive in questo libro come il protagonista di una storia sorprendente. Sebastian, un giovane e curioso amante della musica, incalza il maestro di Salisburgo con le sue domande impertinenti, quasi a sfidarlo. E il grande Amadeus, pazientemente, si racconta, dall’esplosione del suo precoce talento ai successi nelle corti europee, tra composizioni perfette e donne fatali. Inseguendo sempre l’armonia assoluta, perfino nel rumore assordante del nostro tempo, dove la musica di “colui che ama Dio” si mostra ancora capace, oggi più che mai, di giungere là dove le parole non sanno arrivare.

9788861952973

Behind the lines. La partita impossibile (1990-91)
di Manlio Calegari – Impressioni Grafiche – 2018 € 13.00

Durante il 1944 e nei primi mesi del 1945, colline e montagne alle spalle di Genova conobbero la guerra con protagonisti sui generis: renitenti, ricercati, ribelli, partigiani, sfollati, borsaneristi e, a seguire, tutta la gamma dei loro persecutori tedeschi e fascisti. Una guerra non guerra, uno spazio umano e geografico “behind the lines” che con l’inizio dell’estate 1945 scomparve senza lasciare tracce significative. È il territorio su cui, a 45 anni di distanza, si muove Felicita, studentessa di storia impegnata nella tesi di laurea. Scontrandosi con la frammentarietà dei ricordi e la difficoltà a ricomporli in un unico disegno. Felicita avvia un personale confronto con luoghi e persone sopravvissuti, testimoni d’un mondo nuovo che faticava a nascere.

9788807033285

È passato tanto tempo 
di Andre III Dubus – Feltrinelli – 2019 € 19.50

Dopo il successo dei racconti de “L’amore sporco” e a più di dieci anni dal suo ultimo romanzo, l’eccezionale figlio d’arte delle “Lettere americane” torna con un romanzo strepitoso: la storia di un padre e quella della figlia che, a sua volta, deve fare un viaggio a ritroso nel passato per poter immaginare un futuro.
Daniel Ahearn vive un’esistenza silenziosa in una cittadina della costa del New England. Quarant’anni prima, a seguito di un suo sconcertante impulso violento, la figlia Susan gli è stata strappata dalle braccia dalla polizia. Susan ora è una donna che soffre del trauma di una notte che non ricorda e lotta per trovare una stabilità, per trovare la forza di amare un uomo e creare finalmente qualcosa. Lois, la nonna materna che l’ha cresciuta, cerca di ritrovare pace nel suo negozio antiquario, in una pittoresca cittadina della Florida, ma non riesce a sfuggire alla sua stessa rabbia, all’amarezza e alla paura. Catartico, intenso e pieno di quell’empatia e di quelle annotazioni di carattere per le quali Dubus è celebrato negli Stati Uniti come in Italia, «È passato tanto tempo» esplora come le ferite del passato disegnino ciò che siamo diventati e indaga i limiti del riscatto e del perdono.

9788858135815

La nazione delle piante 
di Stefano Mancuso – Laterza – 2019 € 12.00

“La nazione delle piante” è uno splendido saggio del neurobiologo Stefano Mancuso, che dà anche il titolo alla XXII Triennale di Milano.
Gli esseri umani sul pianeta terra sono oltre sette milioni e mezzo: sembra una cifra enorme, eppure non costituisce che un diecimillesimo della totale biomassa terrestre. Com’è allora che noi, così pochi, ci siamo presi il diritto di decidere le sorti di tutti gli altri? Perché questo bellissimo pianeta, che è anche la nostra unica casa possibile, lo stiamo letteralmente conducendo alla distruzione. Si sciolgono i ghiacciai, si estinguono le specie… e non possiamo fingere che tutto questo non ci riguardi. Facciamo una cosa allora: lasciamo che siano le piante a proporre una nuova Costituzione per amministrare questa nostra casa comune. Loro che sono in netta maggioranza (85% della massa vivente sulla terra), che sono qui da molto più tempo di noi e che senz’altro ci sopravviveranno.
“La nazione delle piante” di Stefano Mancuso propone otto norme a partire da cui ripensare il nostro posto su questo pianeta, fare scelte diverse con un impatto diverso, nel rispetto e nell’armonia con l’ambiente che ci circonda.

9788811149774

I sogni di mio padre
di Barack Obama – Garzanti Libri – 2019 € 20.00

Questa storia ha inizio a New York quando, appena ventenne, Barack Obama riceve la notizia della morte di suo padre in un incidente stradale. È una scomparsa improvvisa che scatena un inarrestabile flusso di ricordi: la partenza della famiglia materna da un piccolo villaggio del Kansas verso le Hawaii; l’amore, nutrito dall’innocenza della gioventù e dallo spirito libertario dei primi anni Sessanta, tra sua madre e un giovane e promettente studente keniota; la separazione dal padre quando il piccolo Barack ha solo due anni; i dubbi e le paure che ben presto maturano in lui per l’incapacità di dare un senso al suo tormentoso passato. Questa emozionante odissea, alimentata dal profondo desiderio di comprendere le forze diversissime che hanno contribuito a plasmare la sua personalità, può terminare solamente dove tutto è iniziato: in Kenya. Qui Barack incontra la parte africana della sua famiglia, si confronta con le amare verità sulla vita di suo padre, e nella scelta di condividere le lotte delle sue sorelle e dei suoi fratelli africani si riconcilia finalmente con il proprio passato. Introduzione di Walter Veltroni.

9788807492488

Mantieni il bacio. Lezioni brevi sull’amore 
di Massimo Recalcati – Feltrinelli – 2019 € 14.00

Siamo sicuri che una buona relazione amorosa sia quella che si fonda sull’immedesimazione empatica? E se l’empatia fosse solo una parola d’ordine dei terapeuti di coppia per scongiurare l’alterità irriducibile dell’Altro? Si domanda questo Massimo Recalcati in “Mantieni il bacio. Lezioni brevi sull’amore”.
Forse l’essenza di ogni amore è proprio quell’inalienabile differenza che permane al di là di ogni sforzo e amare significa andare incontro a un segreto indecifrabile. “Il rapporto sessuale non esiste”, diceva Lacan. Non posso sentire quello che sente l’altro, non posso confondermi con lui né corrispondergli. Non sarò mai lui. Ma è proprio l’esperienza di questo fallimento a rendere possibile l’amore come amore per l’eteros: il tentativo di condividere quell’impossibilità di condividere. Amare è scoprire nell’altro qualcosa di lui e di noi stessi che ci sfugge e resta irraggiungibile.
Dopo la trasmissione di successo “Lessico amoroso”, andata in onda su Rai 3 da gennaio a marzo 2019, “Mantieni il bacio. Lezioni brevi sull’amore” di Massimo Recalcati è una ricerca intima, profonda e appassionata sul sentimento più misterioso che esista.

9788807033308

Le febbri della memoria 
di Gioconda Belli – Feltrinelli – 2019 € 18.00

Prendendo spunto dalla figura di un misterioso antenato, Gioconda Belli costruisce una vicenda disseminata di avventure, intrighi e tradimenti, in cui un novello Montecristo, rinato a seconda vita, non consuma la vendetta ma va in cerca del riscatto personale in un viaggio agli antipodi del mondo conosciuto.
Il sangue della moglie sulle mani, le grida soffocate, il corpo di lei esanime a terra: è questo l’incubo ricorrente del duca Charles de Choiseul-Praslin, pari di Francia, dopo che una notte d’agosto la moglie Fanny muore pugnalata in camera da letto. È il 1847 e gli echi della Rivoluzione sono ormai lontani. Unico accusato dell’omicidio e rinchiuso in carcere, il duca corre un grave pericolo. Le voci insistenti di una sua relazione con Henriette, l’istitutrice dei figli, sembrano confermare la sua colpevolezza, e la folla, sempre più avversa ai nobili e alla monarchia, esige una condanna esemplare. Fallito il tentativo di suicidarsi in prigione con l’arsenico, ma indotto a fingere la propria morte per sottrarsi al processo, Charles inizia una fuga rocambolesca con l’aiuto del fedele servitore Ibrahim e con il favore del re Luigi Filippo. Sotto le mentite spoglie del borghese Georges Desmoulins, arriverà prima sull’Isola di Wight, dove apprenderà i rudimenti della medicina e farà amicizia con il poeta Alfred Tennyson, e poi molto più lontano, a New York, e infine nel remoto e selvaggio Nicaragua. La possibilità che gli è stata concessa di vivere una seconda esistenza farà emergere doti personali fino ad allora rimaste sopite, e forse, tra le piogge torrenziali e la vegetazione lussureggiante dei Tropici, tra nuove rotte da scoprire e febbri malariche da combattere, Charles/Georges troverà anche la forza di perdonarsi e di lasciar entrare un nuovo amore nella sua vita.

9788854517912

Pranzi di famiglia
di Romana Petri – Neri Pozza – 2019 € 18.00

A fine novembre, con il cielo di Lisbona carico di pioggia, Vasco Dos Santos chiude la sua galleria in Travessa dos Fieis de Deus sempre più tardi. Non ha alcuna voglia di tornare a casa da sua sorella Rita, divenuta ormai intrattabile. Nata deforme e, grazie al coraggio e alla tenacia della madre Maria do Ceu, «ricostruita» attraverso una lunga e dolorosa serie di operazioni, Rita è ormai costantemente in preda all’ira. La morte di sua madre, dell’unica persona capace di preservare l’armonia familiare, ha inasprito oltre ogni misura i suoi rapporti non soltanto con Vasco, ma anche con la sorella Joana, la cui bellezza è così abbagliante da risultare dolorosa, e con il padre Tiago, che anni prima, per sfuggire alla tragedia della figlia, ha abbandonato la famiglia e si è legato a Marta, una donna rancorosa che lo spinge a recidere ogni legame con il suo passato. Tuttavia, da uomo pragmatico quale è, Tiago ha trovato un modo per mantenere un, seppur fragile, contatto con i figli: la domenica, ogni domenica della sua vita, la dedica al pranzo con loro. Una cosa frettolosa, niente di troppo familiare. Un flebile omaggio alla volontà di Maria do Ceu di tenere uniti i figli. È in uno di questi pranzi che i tre fratelli si ritrovano a condividere una scoperta sorprendente: nessuno di loro conserva ricordi del passato. Perché hanno rimosso tutto? La loro vita è stata infelice al punto da volerla dimenticare quasi completamente? Spetterà a Rita ricostruire la storia della famiglia attraverso i documenti ufficiali emersi dagli archivi di Stato, scoprendo una realtà ben diversa da quella che Maria do Ceu aveva raccontato. Nel frattempo, a turbare ulteriormente gli «squilibri» di questa complicata famiglia portoghese sarà l’arrivo di Luciana Albertini, un’eccentrica, visionaria pittrice italiana che farà breccia nel cuore di Vasco.
Con prosa elegante e nitida Romana Petri torna in libreria con una toccante, intensa saga familiare sullo sfondo di una conturbante e luminosa Lisbona, confermandosi, attraverso la storia di tre fratelli in cerca di sé stessi e del proprio passato, scrupolosa indagatrice dei sentimenti e dei legami familiari.

9788838939228

Di passaggio 
di Jenny Erpenbeck – Sellerio Editore Palermo – 2019 € 13.00

Sellerio ripropone nella collana «La memoria» il romanzo letterario di Jenny Erpenbeck “Di passaggio”, il suo capolavoro, la storia della Germania raccontata attraverso le vicissitudini di una casa e delle persone che l’hanno abitata.
Una tenuta nel Brandeburgo, in Germania Est, è testimone silenziosa, tra cessioni ed espropri, di un intenso mosaico di violenze e passioni, drammi individuali e collettivi. A scandirne il ritmo nell’alternarsi delle stagioni e delle epoche, è il giardiniere della tenuta, sopravvissuto a tutti i proprietari prendendosi cura della proprietà, quasi ne fosse lui stesso un prolungamento. Ma vera protagonista è la Storia che avvolge le esistenze di queste persone, tutte inesorabilmente alla ricerca di un luogo in cui sentirsi a casa.

9788897308645

La chiave nel latte 
di Alexandre Hmine – GCE – 2019 € 18.00

“La chiave nel latte” racconta la storia di un ragazzo di origini marocchine che cresce in Ticino, nell’Alto Malcantone, dopo che la madre lo ha affidato a un’anziana vedova di nome Elvezia. Il romanzo procede per frammenti, ricordi che la voce narrante riporta alla luce: i giocattoli dell’infanzia, le feste religiose, le partite di hockey sull’asfalto, le infatuazioni; ma ci sono anche le vacanze in Marocco, un paese che il protagonista vede per la prima volta a dieci anni e che immediatamente suscita in lui sentimenti di spaesamento e di rifiuto. Pur sentendo sua la Svizzera, non potrà eludere una messa in discussione della propria identità che lo porterà a interrogarsi e a interrogare i lettori fino alle ultime pagine del libro. Una scrittura essenziale e precisa, che mescola con naturalezza lingue e culture diverse, dal dialetto dell’Alto Malcantone a quello del Marocco, dal gergo sportivo ai classici della letteratura italiana.

53172718_2110110655738450_258490935967481856_n

L’ ultimo caso dell’agente Evangelos
di Nicolas Verdan – Nuova Editrice Berti – 2019 € 18.00

Grecia, dicembre 2010. Dal confine turco ogni giorno centinaia di migranti cercano di attraversare il delta del fume Evros, mentre nel resto del paese imperversa una crisi economica senza precedenti. Evangelos, agente dell’intelligence a tre anni dalla pensione, riceve una telefonata nel cuore della notte: le guardie di Frontex hanno trovato una testa mozzata vicino a un bordello in piena zona militare. La tensione politica è alle stelle, occorre cautela; lasciata Atene, Evangelos inizia così la sua indagine, tra contrabbandieri di vite umane, giri di prostituzione e politici che speculano sul “muro greco”, una barriera di filo spinato che dovrebbe bloccare il passaggio a Occidente. Un romanzo documentato dalla scrittura travolgente.