Novità

 

Perché non eravamo pronti di David Quammen – Adelphi – 2021 € 5.00

Sapevamo come, e anche dove, i coronavirus ci avrebbero potuto colpire, eppure – eppure siamo a oggi, all’oggi inquietante e incerto da dove partono, proprio con questo testo, le nuove ricerche di David Quammen.

Piccoli addii di Giovanni Mariotti – Adelphi – 2021 € 5.00

In questo piccolo libro Giovanni Mariotti parla di un’epoca in cui le donne portavano le calze velate e la volpe al collo; in cui era possibile acquistare le sigarette sciolte; in cui esistevano ancora la carta assorbente e i treni a vapore. È una sorta di bacheca dedicata a un’Italia che non c’è più. Dietro il cristallo dello stile sono conservati oggetti che, sostituiti da altri, più comodi, efficienti e smart, oggi ci appaiono ingenui, teneri e buffi ; e questi aggettivi si applicano anche al personaggio che fa da filo conduttore, versione giovanile di chi ha scritto queste pagine a un’età in cui «tutto è addio». Con grazia, ironia e lampi di gaiezza, Mariotti si sporge sull’implacabile meccanismo delle sostituzioni che coinvolge non solo gli oggetti ma anche gli uomini.

La casa dei ricchi di Carlo Emilio Gadda – Adelphi – 2021

€ 5.00
Nel 1948 le «miserrime configurazioni argentarie» spingono Gadda ad accettare un arduo incarico: ricavare dal Pasticciaccio incompleto (ne erano uscite solo cinque puntate in rivista) il soggetto di un film – il che significava svelarne il plot. Il palazzo degli ori gli costa un mese di fatica, ma non soddisfa la Lux Film, che gli chiede di riscriverlo e, soprattutto, compendiarlo: La casa dei ricchi, che presentiamo qui per la prima volta, è il sorprendente esito di quella tormentosa potatura.

Dolore di Vidiadhar S. Naipaul – Adelphi – 2021

€ 5.00

Uno degli ultimi scritti di Naipaul – e anche uno dei suoi più rivelatori.

Elephant man. L’uomo elefante di Frederick Treves – Adelphi – 2021 € 5.00

La medicina moderna è nata sui palcoscenici – sensazionali – dei teatri anatomici, e i suoi casi estremi sono a lungo stati esibiti fra le quinte mobili dei freakshow. Poi è arrivato il cinema, a rubare la scena: e soprattutto il film che David Lynch ha tratto, con una fedeltà impressionante, da questo straordinario caso clinico, raccontato nel 1923 dal suo testimone più autorevole, il dottor Frederick Treves.

Per le sei corde. Milonghe di Jorge Luis Borges – Adelphi – 2021 € 5.00

Borges non amava il tango alla Gardel, «lento, malinconico e voluttuoso». Preferiva il tango viejo e la milonga di fine Ottocento – fatti «di pura sfacciataggine, di pura spudoratezza, di pura felicità del coraggio» –, nei quali riconosceva l’autentico, oltraggioso, effimero spirito guappo delle periferie di Buenos Aires. A popolare le sue undici milonghe sono dunque cuchilleros accomunati dalla religione della provocazione disinteressata e della «morte casuale / ad un angolo qualunque»: religione di tempi audaci e perduti, che Borges non conobbe ma sognò, rendendola veritiera come una memoria collettiva.

Zubrówka. Una storia di Natale di Sarban – Adelphi – 2021 € 5.00

In Arabia la notte di Natale può fare parecchio caldo. E se da una credenza, in una casetta dei sobborghi di Jedda, viene fuori una bottiglia di Żubrówka – la vodka del bisonte – può capitare di ascoltare strane storie. Storie che portano molto lontano, nel gelo della taiga siberiana e anche oltre, là dove le carte geografiche non arrivano, e che soltanto Sarban sa raccontare.

«Questo non è un racconto». Scritti per il cinema e sul cinema di Leonardo Sciascia – Adelphi – 2021

€ 13.00
In un’aula giudiziaria, una donna vestita di nero accusa il capomafia che ha fatto ammazzare suo marito e poi – malgrado le avesse garantito che non gli «avrebbero toccato un capello» – anche suo figlio: «Loro sono venuti meno alla legge dell’onore,» dichiara «e perciò anche io mi sento sciolta». Pur di vendicarli ha accettato di infrangere le regole cui si era sempre sottomessa – di rinunciare a vivere. Quella donna è Serafina Battaglia, testimone di giustizia nella Palermo dei primi anni Sessanta, devastata dai regolamenti di conti mafiosi. Ma il testo che ne evoca la «vindice inflessibilità» non è un racconto: è uno dei tre memorabili soggetti che Sciascia, realizzando un’antica vocazione – diventare regista o sceneggiatore –, ha scritto per il cinema, e che sono sinora rimasti inediti. Nata alla fine degli anni Venti nel «piccolo, delizioso teatro» di Racalmuto trasformato in cinematografo, e in seguito febbrilmente alimentata, la sua passione per il cinema è del resto sempre stata travolgente: «per me» ha confessato «il cinema era allora tutto. TUTTO». E ha suscitato, fra il 1958 e il 1989, acute riflessioni affidate ai rari scritti pure qui radunati: sull’erotismo nel cinema, sulla nascita dello star system, sul periglioso rapporto tra opere letterarie e riduzioni cinematografiche. Nonché splendidi ritratti: come quelli di Ivan Mozžuchin, dal volto «affilato, spiritato, di nevrotica malinconia», di Erich von Stroheim, «l’ufficiale austriaco che ha dietro di sé il crollo di un impero», o ancora di Gary Cooper, «eroe della grande e libera America» – vertiginosamente somigliante al sergente americano che nell’estate del 1943 avanzava al centro della strada «fulminata di sole» di un paese della Sicilia.

Sinagoghe italiane. Raccontate e disegnate di Adam Smulevich – Biblioteca dell’Immagine – 2021 € 15.00

Sono quarantadue le Sinagoghe che vi presentiamo. Raccontate storicamente, illustrate a colori. Tante storie di donne e uomini. Vicende, dolori e gioie hanno accompagnato la costruzione e la vita delle Sinagoghe Italiane. Dal Nord al Sud d’Italia le raccontiamo e disegniamo anche come omaggio agli Ebrei nostri fratelli maggiori. Le Sinagoghe di: Trieste, Gorizia, Venezia, Verona, Padova, Merano, Torino, Casale Monferrato, Vercelli, Alessandria, Asti, Biella, Carmagnola, Cherasco, Cuneo, Ivrea, Mondovì, Saluzzo, Milano, Mantova, Sabbioneta, Genova, Ferrara, Bologna, Modena, Parma, Carpi, Reggio Emilia, Soragna, Firenze, Livorno, Pisa, Siena, Pitigliano, Roma, Ancona, Pesaro, Senigallia, Urbino, Napoli, Trani, Palermo.

Sguardi di pietra. Venezia vista dalle sue statue in cinque itinerari inediti. Ediz. italiana e inglesedi Marco Sabadin – Vision Editore – Venezia – 2020 € 44.00

Testo di Giandomenico Romanelli
“…. Quelle che potrete vedere (in questo libro) sono le immagini scattate di una Venezia nuova, in un racconto fotografico che, almeno per il momento, nessun’altro ha avuto il piacere di effettuare. … Cinque itinerari illustrano Venezia, dalla stazione ferroviaria all’Arsenale, da Piazza San Marco a San Nicolò dei Mendicoli, passando per la punta della Salute ed arrivando infine a San Giorgio. Non si tratta di un catalogo di statue, compito molto più ampio e fuori da quello che mi ero prefissato, ma un percorso, un punto di vista alternativo e inedito…” ( dall’introduzione dell’Autore).

Revixit. Un capolavoro intagliato di Giuseppe Torretti restaurato da Venetian Heritage. Ediz. illustratadi M. Clemente, M. De Vincenti – Marsilio – 2020

€ 16.00
Il 12 novembre 2019 Venezia fu inondata da un’eccezionale marea che sfortunatamente compromise gravemente la maggior parte del patrimonio artistico cittadino. Venetian Heritage all’indomani dell’acqua granda lanciò la campagna #supportvenice con l’intento di raccogliere fondi per finanziare urgenti interventi di restauro conservativo di alcune opere d’arte danneggiate dall’inondazione, tra cui il restauro del Crocifisso ligneo impreziosito da lamine di tartaruga e madreperla, opera di Giuseppe Torretti datato al 1711 circa, conservato nella chiesa di San Moisé. Il capolavoro intagliato di Giuseppe Torretti restaurato, a distanza di un anno dall’acqua granda, rappresenta una Venezia che non si arrende, bensì rinasce.